Tac ai polmoni nel post-covid

23 gennaio 2021

Tac ai polmoni nel post-covid


Condividi su FacebookCondividi su LinkedInCondividi su Twitter


13 gennaio 2021

Tac ai polmoni nel post-covid

Salve a tutti i medici, sono un uomo 37enne risultato positivo al covid ed asintomatico o paucisintomatico (cioè raffreddore, mal di gola, mal di testa e poco gusto e olfatto ma credo siano stati più un mix di sintomi influenzali classici). Dopo un mese circa dal contagio ma già negativo da più di una settimana ho deciso di fare una tac al torace ad alta risoluzione senza contrasto per verificare se il coronavirus avesse causato delle conseguenze non tangibili e la diagnosi è questa: "Indagine eseguita senza somministrazione endovenosa di mezzo di contrasto. Non sono evidenti addensamenti flogistici parenchinali in atto e/o palesi lesioni nodulariformi a carattere evolutivo. Minimo ispessimento interstiziale periferico prevalentemente a destra. Stria fibrotica a livello lingulare e del LIS. Assenza di versamento pleurico. Non si rilevano significative linfoadenopatie mediastiniche. " Non conoscendo la terminologia credo nulla di grave anche se c'è qualcosa. Cosa sono l'ispessimento interstiziale e la stria fibrotica? È qualcosa di grave? Devo preoccuparmi per il futuro? Possono essere stati causati dal covid o risalgono al passato? Non ricordo di aver avuto infezioni gravi a livello polmonare oppure di aver ricevuto forti traumi meccanici al torace. Avendo fatto la TAC al torace senza contrasto dopo 25 giorni dalla positività accertata e dopo 9 giorni dalla guarigione accertata, l'esito del referto è attendibile? O avrei dovuto fare l'esame più in là? Nell'attesa di un vostro cortese consulto porgo i miei più cordiali saluti a tutti augurandovi buon lavoro e un grazie sincero.

Risposta del 23 gennaio 2021

Risposta a cura di:
Dott. PAOLO PANAGIA


Sarebbe stato preferibile dilazionare i tempi dell'esecuzione della TC a 2-3 mesi dalla guarigione. In ogni caso l'esecuzione della stessa non è prevista nel follow up di forme lievi di COVID come la sua. Non avendo accusato sintomatologia respiratoria nè eventuali sequele di essa ( difficoltà respiratoria) è possibile che le alterazioni descritte siano relative a fatti pregressi. In ogni caso, anche mettendole in relazione al covid, tenderanno a migliorare o comunque a non dare alcun segno sintomatologico di sè. Non farei null'altro e non ripeterei la TAC.

Dott. Paolo Panagia
Medico Ospedaliero
QUILIANO (SV)

Ultime risposte di Apparato respiratorio

Sei un medico?

Clicca qui per rispondere alla domanda

Clicca qui e scopri come aderire al servizio

Tags:

Vedi anche:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube
Farmacista33Doctor33Odontoiatria33Codifa