Tampone uretrale positivo per staphylococcus haemolyticus

07 maggio 2019

Tampone uretrale positivo per staphylococcus haemolyticus





21 settembre 2017

Tampone uretrale positivo per staphylococcus haemolyticus

Buongiorno, per cortesia vorrei avere chiarimenti in merito ad un batterio che mi è stato riscontrato e del quale non trovo sul web troppe informazioni.
Circa un mese fa, al termine di un rapporto sessuale, ho avvertito un forte dolore al testicolo sinistro, tramutatosi in fastidio nel giro di qualche giorno. Nello stesso periodo ho cominciato anche ad avvertire un fastidio alla parte terminale dell'uretra. Allo stato attuale, entrambi i fastidi sembrano scomparsi, ogni tanto avverto fastidio al testicolo, ma è una cosa sporadica. Preciso che non ho alcuna secrezione.
Avendo già sofferto di una leggera infiammazione abatterica alla prostata, mi sono messo in moto per effettuare gli esami del caso. All'ecografia la prostata risultava delle dimensioni di 4. 4 cm x 3 cm (DT x DAP). Ho eseguito spermiocultura con esito negativo e urinocultura con esito negativo e conta batterica <1000 ufc/ml. Non soddisfatto dei risultati, ho deciso di sottopormi al tampone uretrale (preciso che non ho secrezioni), al quale sono risultato positivo allo Staphylococcus haemolyticus (non è indicata la carica batterica). Mi sono recato dal medico di base, il quale ha consultato l'antibiogramma e mi ha prescritto l'assunzione di Bactrim per 8 giorni.
Non ho trovato informazioni esaustive in merito a questo staffilococco e mi piacerebbe sapere se è un battere confinato nel meato uretrale o c'è la possibilità che si sia propagato ad altri organi o tessuti. Ad esempio, sarà una mia fissazione, ma mi sembra di avere gli occhi leggermente arrossati e che danno un leggero prurito. Mi piacerebbe sapere inoltre, se è contagioso e come avviene il contagio e se con la mia partner (che sta aspettando gli esiti del tampone, a sua volta) devo evitare contatti, che sia sesso o un semplice bacio. È una malattia a trasmissione sessuale o si può prendere in altro modo? Può trovarsi nella saliva?
Spero in una risposta e ringrazio per l'attenzione.

Risposta del 07 maggio 2019

Risposta a cura di:
Dott. ANDREA MILITELLO


Salve, il germe in causa è un commensale delle vie urinarie e quindi si trova spesso negli esami colturali ma non è documento o segnale di una infezione

Dott. Andrea Militello
Casa di cura convenzionata
Casa di cura privata
Specialista convenzionato
Specialista attività privata
Specialista in Urologia
Specialista in Andrologia
Roma (RM)

Ultime risposte di Salute maschile

Sei un medico?

Clicca qui per rispondere alla domanda

Clicca qui e scopri come aderire al servizio


Vedi anche:


Ultimi articoli
Test di valutazione della funzione erettile
23 gennaio 2019
Notizie e aggiornamenti
Test di valutazione della funzione erettile
Disfunzione Erettile
23 gennaio 2019
Patologie mediche
Disfunzione Erettile
Attività fisica e calo del testosterone
29 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Attività fisica e calo del testosterone