Terapia anticoagulante orale

06 aprile 2006

Terapia anticoagulante orale




03 aprile 2006

Terapia anticoagulante orale

ad un anno da una grave arteriopatia cerebrale acuta (stroke, T. I. A) dovuta ad una fibrillazione atriale mi vede in cura con coumadin 5mg con dose settimanale da 16, 25 mg. il problema nasce da due opposte posizioni del cardiologo ed ematologo: il primo ha consigliato di proseguire la terapia con una dose di 1/4 cps pro die mentre il secondo reputa tale consiglio improponibile, ed io mi trovo in mezzo. dopo che l'INR è sceso a 1, 13 il cardiologo ha reputato tale valore troppo basso e mi ha consigliato di parlarne con il medico di base !!!sono certo che non è questa la professionaltà dei medici italiani e cerco qualche consiglio grazie

Risposta del 06 aprile 2006

Risposta a cura di:
Dott. RAFFAELE CANALI


Nella terapia anticoagulante il valore di INR deve essere tra 2 e 3, quindi Lei dovrebbe aumentare il dosaggio del coumadin. . . . Sul fatto che il cardiologo abbia demandato al medico di base. . . . . !!!Buona giornata.

Dott. Raffaele Canali
Medicina generale convenz.
Specialista attività privata
Specialista in Endocrinologia e malattie ricambio
DESIO (MI)

Ultime risposte di Malattie infettive


Vedi anche:


Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube