Terapia con benzodiazepina

18 febbraio 2006

Terapia con benzodiazepina




15 febbraio 2006

Terapia con benzodiazepina

Mio fratello, che ora ha 30 anni, è in terpia con tavor a 7, 5 mg al giorno. Fa questa tearpia da molti anni per problemi di fobia sociale, ansia e problemi caratteriali. Era così anche prima della terapia, ma da quando è passato dal lorazepam da mg 1 a quello da 2, 5 alla dose di 7, 5 al giorno, ho notato dei cambiamenti. E' molto più despresso con momenti di disperazione durante i quali accade a volte che si sfoghi rompendo delle cose in casa, si arrabbia ed è molto astenico con problemi di memoria, dorme tanto e ha sonnolenza. Ho letto che il lorazepam dà problemi caratteriali e di aggressività e mio fratello fin da ragazzo assumeva tavor 1 dosi di 1 o 2 mg/die. Questi problemi sono stati fatti presente al medico che lo segue, ma secondo lui non sono dovuti al lorazepam. Io, invece, ho letto qualcosa della scuola di pisa e parlato con delle persone che dicono e scrivono che il tavor dà aggressività e cronicizza la depressione. Può essere responsabile della sua disperazione e degli scatti di rabbia? Non voglio necessariamente imputare al lorazepam in terpai cronica il comportamento di mio fratello e i suoi problemi, ma conoscendolo bene ho l'impresione che il lorazepam gli faccia male. Lui vorrebbe smetterlo ma ha sviluppato una forte dipendenza e non ci riesce. Dove mi posso documentare sugli effetti collaterali del lorazepam a dosi alte in terapia cronica? Ci sono studi? Grazie Dottore.

Risposta del 18 febbraio 2006

Risposta a cura di:
Dott. TONINO GRASSO


Non posso certo insegnare nulla allo psichiatra che segue suo fratello, anche perchè ogni singolo caso ha le sue peculiarità cliniche ed anche logistiche e sociali. E' evidente che se lei non ha più fiducia nel medico, potendo, può rivolgersi a qualche altro specialista, tenendo presente che, se da una parte è vero che il lorazepam causa a volte dipendenza ed aggressività, dall'altra è vero anche che un quadro complesso come quello di suo fratello ( turbe della personalità con Ansia e Depressione ), richiederebbe un approccio farmacologico da parte di persona molto esperta.
Saluti.

Dott. Tonino Grasso
Medicina Territoriale
MARTANO (LE)

Ultime risposte di Malattie infettive


Vedi anche:


Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube