Toni sfumati nella misurazione della pressione

18 settembre 2014

Toni sfumati nella misurazione della pressione




18 settembre 2014

Toni sfumati nella misurazione della pressione

Ho un dubbio: nell'individuazione della pressione diastolica o minima, ho letto che non bisogna attendere la scomparsa dei toni, ma semplicemente quella dei cosiddetti toni secchi e forti. Altre fonti, invece, sostengono che occorre ascoltare l'ultimo battito, anche il più soffuso.
Vorrei sapere, in definitiva, quale delle due versioni è quella giusta.
Grazie.

Risposta del 18 settembre 2014

Risposta a cura di:
Prof. ALBERTO TITTOBELLO


La versione corretta è la seconda: la pressione diastoli a corrisponde alla scomparsa dei toni avvertiti con il fonendoscopio.

Prof. Alberto Tittobello
Casa di cura privata
Specialista attività privata
Universitario
Specialista in Gastroenterologia
Specialista in Cardiologia
Milano (MI)

Ultime risposte di Cuore circolazione e malattie del sangue




Vedi anche:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube