Utilizzo di en gocce

03 marzo 2016

Utilizzo di en gocce


Condividi su FacebookCondividi su LinkedInCondividi su Twitter


02 marzo 2016

Utilizzo di en gocce

Sono odontoiatra e madre di due figli (8 e 11 anni ), lavoro sempre sotto pressione avendo troppi pazienti rispetto al tempo che posso dedicare alla professione. Fuori dallo studio i bambini mi assorbono al 100% e non ho tempo per me. vivo malissimo questa pressione, perché i pazienti sono insistenti e aggressivi e si lamentano molto delle attese per gli appuntamenti. Supero tutto questo prendendo 10 gocce di en al mattino prima di entrare in studio. a volte anche la sera per addormentarmi. nel week end non le prendo, ma sono uno straccio. Ci sono altri rimedi?

Risposta del 03 marzo 2016

Risposta a cura di:
Dott. MARCO PAOLEMILI


Cara collega, quel tipo di terapia non fa al caso tuo. All'aumentare dello stress, avrai bisogno di aumentarne il dosaggio e questo ti metterà a rischio di abuso o di vera e propria dipendenza. Hai bisogno di trovare un modo di affrontare lo stress, con un supporto psicologico (mi dirai "ma come faccio con i pazienti e i miei bambini? Dove trovo il tempo anche per lo psicologo?", ti risponderei che trovare un'ora a settimana per te, rinunciare a uno o due pazienti, sarà una scelta preziosa per te e per loro) ed eventualmente una terapia con un Ssri, che terrà sotto controllo in modo migliore la tua reazione emotiva allo stress.

Dott. Marco Paolemili
Medico Ospedaliero
Specialista attività privata
Ricercatore
Psicoterapia
Specialista in Psichiatria
Roma (RM)

Ultime risposte di Mente e cervello

Tags:

...e inoltre su Dica33:

Ultimi articoli
Alzheimer: le farmacie amiche delle persone con demenza
Mente e cervello
12 giugno 2021
Notizie e aggiornamenti
Alzheimer: le farmacie amiche delle persone con demenza
Farmaco anti-Alzheimer, intervista a Luca Pani
Mente e cervello
11 giugno 2021
Notizie e aggiornamenti
Farmaco anti-Alzheimer, intervista a Luca Pani