Valori sanguigni alterati

21 marzo 2013

Valori sanguigni alterati




19 marzo 2013

Valori sanguigni alterati

Buongiorno Vi scrivo per chiedervi un parere sulla attuale situazione di mia moglie. Nata con cataratta congenita bilaterale e una cardiopatia congenita (un piccolo foro alla parete cardiaca). Per la cataratta è stata operata varie volte negli anni sessanta in tenera età e l'ultima volta all'inizio degli anni ottanta. Per la cardiopatia è stata operata a cuore aperto negli anni sessanta. E' positiva alla epatite C probabilmente a causa delle trasfusioni durante l'intervento al cuore. Ha partorito quattro figli con parto cesareo, ha fatto la chiusura delle tube, l'asportazione della coleciste non in laparoscopia a causa di un grosso calcolo, circa diciotto mesi fà ha subito l'asportazione dell'utero fibro cistico, a causa della presenza di molte aderenze durante l'intervento ha subito una importante emorragia interna per la quale ha fatto alcune sacche di sangue, il giorno successivo all'intervento ha avuto una crisi renale acuta fermata in extremis prima che divenisse blocco renale, dopo l'intervento per circa due mesi ha dovuto fare flebo giornaliere di ferro per recuperare dalla anemia indotta dalle emorragie continue provocate dal mioma e da quella durante l'intervento, ha un accumulo di grasso di circa 4 cm nel braccio sinistro e in una precedente ecografia gli fu trovato il fegato leggermente ingrossato, ha una ipertensione arteriosa (massima intorno ai 140) per la quale prende lacidipina da 4mg e dopo queste analisi anche il dinapres da 30mg+2, 5mg, usa lo xalacom collirio per contenere la pressione degli occhi alzata dal glaucoma. Come lavoro fa l'impiegata e non fa esercizio fisico. Le analisi di controllo fatte ora hanno riportato: Colesterolo 197, HDL 75, trigliceridi 64, AST/GOT 50, ALT/GPT 53, HGB 15, 9, RBC 5, 24, HCT 46, 3. Vi scrivo appunto per chiedervi un parere su questi valori alterati. Vi ringrazio dell'attenzione.

Risposta del 21 marzo 2013

Risposta a cura di:
Dott. SANDRO CAMMELLI


il lievissimo aumento delle transaminasi va considerato come esito dell'epatitde c. Per il resto nulla di significativo


Specialista attività privata
Specialista in Ginecologia e ostetricia
Piantedo (SO)

Ultime risposte di Salute femminile

Tags:

Vedi anche:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube
Farmacista33Doctor33Odontoiatria33Codifa