Visita cardiologica e toni parafonici

18 febbraio 2013

Visita cardiologica e toni parafonici




15 febbraio 2013

Visita cardiologica e toni parafonici

Buongiorno dottore,



ho effettuato una visita cardiologica di controllo, in quanto, nell'anno 2003 mi è stato impiantato uno stent medicato su IVA. Il referto dell'ECG è risultato il seguente:



Bradicardia sinusale, frequenza 56 battiti/min. , tracciato nella norma. P. A: 140/85.



Toni parafonici, compenso emodinamico regolare.



Durante ECG da sforzo con cicloergometro è emerso quanto segue: assenza di sintomi; all'apice comparsa di sottoslivellamento ascendente del tratto ST che non raggiunge la significatività. Rari BEV.



Attualmente la mia terapia è composta da: Coaprovel 300/25 1 cp, Sequacor 2, 5mg, Cardirene 75, Crestor 5 mg.



Gradirei avere un suo parere sul quadro ed in particolare cosa sono i toni parafonici di cui sopra.

In base all'esito dell'ECG ritiene che ci siano ulteriori esami/approfondimenti da effettuare?



La ringrazio anticipatamente della cortese risposta e porgo cordiali saluti.

Risposta del 18 febbraio 2013

Risposta a cura di:
Prof. ALBERTO TITTOBELLO


Il quadro complesivo, clinico ed elettrocardiogramma è più che buono: durante lo sforzo non ha avuto disturbi e l'elettrocardiogramma ha rivelato solo piccole variazioni, previste in un soggetto portatore di uno stent. Toni parafonici significa che i battitti cardiaci hanno un suono più attenuato che di norma. Ma non è detto che questo abbia un significato clinico.

Prof. Alberto Tittobello
Casa di cura privata
Specialista attività privata
Universitario
Specialista in Gastroenterologia
Milano (MI)

Ultime risposte di Cuore circolazione e malattie del sangue

Tags:

Vedi anche:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube
Farmacista33Doctor33Odontoiatria33Codifa