Visite neurologiche che delusione!

06 febbraio 2006

Visite neurologiche che delusione!




03 febbraio 2006

Visite neurologiche che delusione!

gentile dottore, sono una ragazza di 34anni che soffre di emicrania da anni. rispondo malissimo ai farmaci vari (imigran almotrex auradol etc) che non mi fanno niente. . . Per chiudere le crisi finisco regolarmente al ps. . Ho tentato visite con diversi neurologi ( besta e niguarda a milano) ma non mi hanno mai dato fiducia. . . Prescrivo cure da cavalli dopo un breve colloquio di un quarto d'ora e si seccano se fai troppe domande. . . Dov'è la comprensione e il dialogo medico paziente?? io sono disposta a curarmi ma desidererei instaurare un rapporto di fiducia col mio medico. . . Dopo pochi minuti è possibile? se può consigliarmi un valido professionista con un lato unamo le sarò molto grata!!! galeotti mara

Risposta del 06 febbraio 2006

Risposta a cura di:
Dott.ssa MILENA DE MARINIS


Ritengo che il paziente affetto da Cefalea debba essere studiato molto bene dal punto di vista clinico (non solo umano, ma anche neurologico ed internistico).

Una prima visita richiede tempo ed un approfondimento con esami vari (dalle analisi del sangue alle neuroimmagini nei casi dove si sospetti una forma secondaria da patologia cerebrale).

Il rapporto con il paziente e la personalizzazione della terapia sono fondamentali.

Ovviamente esistono forme di emicrania "brutte" ed il medico non può fare miracoli.

Penso che sia importante un rapporto di fiducia e chiarezza con il paziente.

Non si rassegni a vivere con il mal di testa.

Prof. Milena De Marinis
Universitario
Specialista in Neurologia
ROMA (RM)

Ultime risposte di Mente e cervello


Vedi anche:


Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube