Licofert

13 giugno 2021

Licofert


Condividi su FacebookCondividi su LinkedInCondividi su Twitter


Cos'è Licofert


Licofert è un integratore appartenente alla categoria "Integratori per la fertilità e la riproduzione". E' commercializzato in Italia dall'azienda Sofar S.p.A.

Confezioni e formulazioni di Licofert disponibili in commercio


Selezionare una delle seguenti confezioni di Licofert disponibili in commercio per accedere alla singola scheda e visualizzare il prezzo:

A cosa serve Licofert e perchè si usa


Con la sua esclusiva formula, frutto della combinazione di importanti nutrienti, quali zinco, vitamine, citrullina, carnitina, coenzima Q10 e glutatione, con l'aggiunta di estratti vegetali, LICOFERT è un integratore alimentare, studiato appositamente per fornire un supporto all'uomo e favorire il suo benessere fisico. In particolare, lo zinco presente nel prodotto, concorre al mantenimento dei normali livelli di testosterone nel sangue e fornisce un valido supporto per una fisiologica fertilitá e riproduzione. Il prodotto si caratterizza anche per la presenza di selenio, che contribuisce al mantenimento della normale spermatogenesi, ed insieme alla Vitamina C ed E e allo zinco, favorisce la protezione delle cellule dallo stress ossidativo. La Vitamina C, inoltre, contribuisce al normale metabolismo energetico e alla riduzione della stanchezza e dell'affaticamento. Completano la formula: l'estratto vegetale di Damiana, con proprietà di tonico per contrastare la stanchezza fisica e mentale, l'estratto di ortica ed il licopene, utili per la funzionalità della prostata, la citrullina, la carnitina, il glutatione ed il coenzima Q10.

Indicazioni: come usare Licofert, posologia, dosi e modo d'uso


Assumere 1 bustina al giorno. Versare il contenuto di una bustina in un bicchiere, aggiungere l'acqua (200 ml) e mescolare fino a completa dispersione.

Descrizione e caratteristiche di Licofert


LICOFERT è un integratore alimentare a base di importanti nutrienti, quali zinco, vitamine, citrullina, carnitina, coenzima Q10 e glutatione, con l'aggiunta di estratti vegetali, studiato appositamente per fornire un supporto all'uomo e favorire il suo benessere fisico. LA FERTILITÀ MASCHILE L'infertilità maschile viene definita come la ridotta capacità riproduttiva dell'uomo, dovuta ad una insufficiente produzione di spermatozoi o ad anomalie nella qualità degli spermatozoi prodotti. In condizioni normali, per poter fecondare, questi ultimi devono essere presenti in adeguate quantità, dotati di buona motilità e vitalità, e con la giusta morfologia. Le cause di questo problema possono essere varie: non solo condizioni soggettive patologiche, ma anche aspetti ambientali o abitudini di vita. Le condizioni lavorative che espongono a radiazioni elettromagnetiche e microtraumi, l'esposizione agli agenti inquinanti dell'aria e dell'acqua, e ai pesticidi, il fumo di sigaretta, l'abuso di alcol possono danneggiare notevolmente gli spermatozoi, in termini di vitalità, motilità e qualità. Lo stesso stile di vita, se troppo stressante, riduce la fertilità maschile, così come i disturbi alimentari. È ormai noto che nei soggetti obesi si determinano delle alterazioni dei livelli ormonali. Nello specifico, nel maschio si assiste ad una riduzione dei livelli di testosterone (l'ormone maschile) e ad un aumento dell'estradiolo (l'ormone femminile), che possono essere responsabili della riduzione del numero degli spermatozoi e/o di modificazioni nella loro composizione, qualità e funzione. Inoltre, tali fattori di rischio possono determinare un aumento dei radicali liberi, con conseguente stress ossidativo degli spermatozoi e alterazione dei parametri seminali (volume, motilità, numero di spermatozoi, morfologia). Pertanto, l'approccio con antiossidanti, quali zinco, Vitamina E e C, che favoriscono la conversione delle specie reattive dell'ossigeno in composti meno dannosi per le cellule, può contribuire a prevenire le suddette modifiche negli spermatozoi. Cambiamenti nello stile di vita, quali l'introduzione di una moderata attività fisica e, soprattutto, la modifica della propria dieta, potrebbero rappresentare un modo efficace per migliorare, in parte, la qualità del proprio liquido seminale. In questi casi può risultare utile integrare la propria alimentazione con amminoacidi, quali citrullina e carnitina, micronutrienti, quali vitamine e oligoelementi, e sostanze, quali glutatione e coenzima Q10, presente in elevate concentrazioni nel testicolo, che sono coinvolti in diversi processi metabolici. In particolar modo, tra i micronutrienti, lo zinco concorre al mantenimento dei normali livelli di testosterone nel sangue, fornendo pertanto supporto per una fisiologica fertilità e riproduzione, ed il selenio favorisce la normale spermatogenesi. Anche l'impiego di estratti naturali può contribuire a migliorare lo stato di salute dell'uomo, sia favorendo una corretta funzionalità della prostata (estratto di ortica e licopene), fondamentale in quanto responsabile anch'essa della formazione di una parte del fluido che compone il liquido seminale, sia contrastando stanchezza fisica e mentale, come nel caso dell'estratto di Damiana.

Avvertenze e conservazione


Non superare la dose giornaliera consigliata. Tenere fuori dalla portata dei bambini al di sotto dei 3 anni. Gli integratori non vanno intesi come sostituti di una dieta varia, equilibrata e di un sano stile di vita. Il prodotto è stato specificamente formulato per l'utilizzo negli adulti, se ne sconsiglia quindi l'assunzione nei bambini e adolescenti salvo diverso parere medico. La data di fine validità si riferisce al prodotto correttamente conservato, in confezione integra. Conservare in luogo fresco e asciutto ad una temperatura non superiore a 25°C.


Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico

Tags:

Farmaci e integratori:

...e inoltre su Dica33:

Ultimi articoli
Disturbi digestivi ed epatobiliari, proprietà del Boldo
Farmaci e cure
06 giugno 2021
Notizie e aggiornamenti
Disturbi digestivi ed epatobiliari, proprietà del Boldo
I Big Data a favore della salute
Farmaci e cure
24 maggio 2021
Notizie e aggiornamenti
I Big Data a favore della salute