Gestione non farmacologica del dolore nel bambino in quattro punti

16 settembre 2019

News

Gestione non farmacologica del dolore nel bambino in quattro punti



1. Il dolore ha sempre una componente emotiva e per alleviare il dolore, la terapia non farmacologica è, a volte, altrettanto importante della terapia farmacologica.
2. La riduzione dell'ansia e della paura associate al dolore e il comportamento dei genitori nella gestione dello stesso, sono importanti strumenti di cura che s'integrano con le terapie farmacologiche.
3. Nella terapia non farmacologica del dolore è molto importante il nostro comportamento: è necessario avere atteggiamento calmo e tranquillizzante, parlare a voce bassa e tranquilla e se il bambino è grande e comprende, spiegare cosa succede.
4. Importante anche curare l'ambiente cercando di mettere il bambino in un ambiente confortevole e tranquillo, senza troppi rumori.

 

Terapia non farmacologica del dolore nel bambino a seconda dell'età:

  • 0-2 anni: contatto fisico con il bambino: toccare, accarezzare, cullare. Ascoltare musica, giocattoli sopra la culla, leggere ad alta voce;
  • 2-4 anni: giocare con pupazzi, raccontare storie, leggere libri, respirazione e bolle di sapone;
  • 4-6 anni: respirazione, racconto di storie, gioco con pupazzi, parlare dei luoghi preferiti, guardare la televisione, coinvolgimento;
  • 6-11 anni: musica, respirazione, contare, parlare dei luoghi preferiti, guardare la TV, leggere un libro.

Alberto Ferrando


Commenti

Vedi anche:


Ultimi articoli