Bullismo, bambini allergici presi di mira

07 novembre 2021
Aggiornamenti e focus

Bullismo, bambini allergici presi di mira



Bambini allergici bersaglio di atti di bullismo


Pare che i bambini che presentano allergie siano diventati bersaglio di atti di bullismo. L'allarme arriva, oltre che da diversi studi, direttamente dal congresso della Società italiana di Allergologia, Asma e Immunologia Clinica (SIAAIC). Per gli esperti, i genitori e gli insegnanti vanno sensibilizzati sul tema del bullismo nelle allergie, e non solo quelle alimentari.
«Il bullismo legato alle allergie ai cibi o ad altre patologie allergiche può avere un profondo impatto sulla qualità di vita dei giovani pazienti, con ricadute anche a lungo termine sul loro benessere psico-fisico» ha affermato Gianenrico Senna, presidente SIAAIC. «È perciò necessaria maggiore consapevolezza del fenomeno del bullismo contro gli allergici, oltre che del problema delle allergie tout court, nelle comunità scolastiche e in altri luoghi a rischio: oltre a parlare con i genitori perché imparino a riconoscere i segnali di disagio è necessario formare gli insegnanti e diffondere informazioni corrette sulle allergie nella comunità, per ridurre lo stigma nei confronti dei pazienti e proteggerli dal bullismo» ha continuato. Il bullismo nei confronti degli allergici è stato evidenziato da più studi, come uno statunitense apparso di recente su Journal of Pediatric Psychology e condotto su 121 individui tra i 9 e i 15 anni con una diagnosi di allergia alimentare e i loro genitori.

Si è visto che il 33% è stato vittima almeno una volta di un episodio di bullismo a causa della sua allergia, nella maggior parte dei casi da parte dei compagni di classe e a scuola. Tuttavia, solo il 12% dei genitori ne era a conoscenza.
«Siamo abituati a pensare che il bullismo prenda di mira coloro che hanno un difetto fisico, o coloro che vengono considerati 'diversi': come ad esempio i più grassi o i ragazzi con varie disabilità» ha spiegato Ilaria Baiardini, dell'Università di Genova e Università Humanitas di Milano. «Ma oggi sono identificati ed etichettati come tali anche i bambini con patologie croniche 'invisibili', come appunto un'allergia».

Questi soggetti possono apparire "deboli e attaccabili", poiché la loro malattia determina alcune limitazioni, tra cui la partecipazione ad attività di gruppo. La psicologa e psicoterapeuta ha inoltre sottolineato il fatto che i bulli non arrivano solo a deridere e prendere in giro il bambino, in alcuni casi si spingono oltre, facendoli per esempio ingerire l'alimento da evitare. Episodi che possono mettere la vittima a rischio di gravi conseguenze.

Fonte: Doctor33

Riferimenti bibliografici:

Tags:


Salute oggi:

...e inoltre su Dica33:
Ultimi articoli
Covid-19 e bambini, i sintomi variano in base all'età
Infanzia
20 novembre 2021
Speciale Coronavirus
Covid-19 e bambini, i sintomi variano in base all'età
Covid-19, i bambini trasmettono il virus?
Infanzia
13 novembre 2021
Speciale Coronavirus
Covid-19, i bambini trasmettono il virus?
Covid-19, bambini e virus del raffreddore
Infanzia
05 novembre 2021
Notizie e aggiornamenti
Covid-19, bambini e virus del raffreddore
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube
Farmacista33Doctor33Odontoiatria33Codifa