Acklab

20 giugno 2021

Acklab


Condividi su FacebookCondividi su LinkedInCondividi su Twitter


Cos'è Acklab (aciclovir)


Acklab è un farmaco a base di aciclovir, appartenente al gruppo terapeutico Antivirali. E' commercializzato in Italia da SF Group S.r.l.

Confezioni e formulazioni di Acklab disponibili in commercio


Selezionare una delle seguenti confezioni di Acklab disponibili in commercio per accedere alla scheda completa, visualizzare il prezzo e scaricare il foglietto illustrativo (bugiardino):

A cosa serve Acklab e perchè si usa


ACKLAB è indicato nel trattamento delle infezioni da virus herpes simplex delle labbra (herpes labialis ricorrente) negli adulti e negli adolescenti (di età superiore ai 12 anni).

Indicazioni: come usare Acklab, posologia, dosi e modo d'uso


Adulti e adolescenti (età maggiore di 12 anni)

ACKLAB deve essere applicato 5 volte al giorno ad intervalli di circa 4 ore, omettendo l'applicazione notturna.

ACKLAB deve essere applicato sulle lesioni o sulle zone dove queste stanno sviluppandosi il più precocemente possibile dopo l'inizio dell'infezione.

È particolarmente importante iniziare il trattamento di episodi ricorrenti durante la fase dei prodromi o al primo apparire delle lesioni.

Il trattamento deve continuare per almeno 5 giorni e fino a un massimo di 10 se non si è avuta guarigione.

I pazienti devono lavare le mani prima e dopo l'applicazione della crema ed evitare di sfregare inutilmente le lesioni o di toccarle con un asciugamano al fine di evitare il peggioramento o la trasmissione dell'infezione.

Bambini di età inferiore ai 12 anni

La sicurezza e l'efficacia di ACKLAB non sono state studiate in pazienti con età inferiore ai 12 anni.

Controindicazioni: quando non dev'essere usato Acklab


Pazienti con ipersensibilità all'aciclovir, al valaciclovir, o ad uno qualsiasi degli eccipienti.

Bambini di età inferiore ai 12 anni.

Acklab può essere usato durante la gravidanza e l'allattamento?


Un registro relativo all'impiego di aciclovir in gravidanza dopo la commercializzazione, ha fornito dati sugli esiti della gravidanza nelle donne esposte alle varie formulazioni di aciclovir. Tali osservazioni non hanno mostrato un aumento nel numero di difetti alla nascita tra i soggetti esposti all'aciclovir in confronto alla popolazione generale e tutti i difetti riscontrati alla nascita non mostravano alcuna particolarità o caratteristiche comuni, tali da suggerire una causa unica.

Si dovrebbe considerare l'uso di ACKLAB solo qualora i potenziali benefici superino la possibilità di rischi non noti.

Dati limitati indicano che il farmaco si trova nel latte materno a seguito della somministrazione sistemica. Tuttavia la dose ricevuta da un lattante a seguito dell'impiego di ACKLAB nella madre, dovrebbe essere insignificante.

Quali sono gli effetti indesiderati di Acklab


La seguente convenzione è stata impiegata per la classificazione degli effetti indesiderati in termine di frequenza: molto comune ≥ 1/10, comune ≥ 1/100 e < 1/10, non comune ≥ 1/1000 e < 1/100, raro ≥ 1/10.000 e < 1/1000, molto raro < 1/10.000.

Disturbi della cute e del tessuto sottocutaneo

Non comune
  • bruciore o dolori transitori dopo l'applicazione di ACKLAB
  • moderata secchezza e desquamazione della pelle
  • prurito
Raro
  • eritema
  • dermatite da contatto dopo l'applicazione. Dove erano condotti i test di sensibilità, veniva dimostrato che le sostanze che davano fenomeni di reattivi erano i componenti della crema base piuttosto che l'aciclovir
Disturbi del sistema immunitario

Molto raro
  • reazioni di ipersensibilità immediata che includono angioedema

Patologie correlate:


Nota: Nel contenuto della scheda possono essere presenti dei riferimenti a paragrafi non riportati.

Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico

Tags:

Farmaci e integratori:

...e inoltre su Dica33:

Ultimi articoli
Covid, perdita di gusto e olfatto anche dopo un anno
Malattie infettive
20 giugno 2021
Speciale Coronavirus
Covid, perdita di gusto e olfatto anche dopo un anno
Covid-19, vaccini: secondo Siaaic sono sicuri per i malati autoimmuni
Malattie infettive
15 giugno 2021
Speciale Coronavirus
Covid-19, vaccini: secondo Siaaic sono sicuri per i malati autoimmuni
Covid-19, Green pass europeo: le indicazioni
Malattie infettive
14 giugno 2021
Speciale Coronavirus
Covid-19, Green pass europeo: le indicazioni