Briofil

02 marzo 2021

Briofil


Condividi su FacebookCondividi su LinkedInCondividi su Twitter


Cos'è Briofil (bamifillina cloridrato)


Briofil è un farmaco a base di bamifillina cloridrato, appartenente al gruppo terapeutico Antiasmatici, derivati xantinici. E' commercializzato in Italia da Teofarma

Confezioni e formulazioni di Briofil disponibili in commercio


Selezionare una delle seguenti confezioni di Briofil disponibili in commercio per accedere alla scheda completa, visualizzare il prezzo e scaricare il foglietto illustrativo (bugiardino):

A cosa serve Briofil e perchè si usa


Compresse rivestite con film - Supposte:

Asma bronchiale, affezioni polmonari con componente spastica bronchiale.

Compresse:

Asma con dispnea parossistica; broncopneumopatia cronica ostruttiva con componente spastica; bronchite asmatiforme.

Indicazioni: come usare Briofil, posologia, dosi e modo d'uso


Adulti

Per via orale: generalmente un confetto da 600 mg o una compressa rivestita da 900 mg al mattino ed alla sera prima dei pasti.

Bambini

Di età inferiore ai 2 anni: mezza supposta pediatrica per 2 volte al giorno.

Di età superiore ai 2 anni: 1 supposta pediatrica 2 volte al giorno.

Evitare la somministrazione ad intervalli ravvicinati.

Controindicazioni: quando non dev'essere usato Briofil


Infarto miocardico acuto.

Ipersensibilità nota al prodotto ed ai derivati xantinici.

Briofil può essere usato durante la gravidanza e l'allattamento?


Le ricerche sul ciclo riproduttivo hanno evidenziato che la bamifillina cloridrato non influenza la fertilità, la gestazione, l'allattamento e lo sviluppo embrio-fetale. Si consiglia comunque, per norma precauzionale, di evitare la somministrazione nei primi mesi di gravidanza.

Con l'impiego di bamifillina somministrata in gravidanza non si sono mai osservati casi di tossicità neonatale. Per precauzione comunque se ne sconsiglia l'impiego negli ultimi giorni di gravidanza e durante l'allattamento.

Quali sono gli effetti indesiderati di Briofil


In qualche raro caso sono stati segnalati cefalea e gastralgia.

Dosi superiori a quelle terapeutiche possono indurre la comparsa di nausea e di fini tremori distali che scompaiono con la riduzione della posologia.

Sono anche state segnalate reazioni allergiche quali orticaria, prurito, rash, dermatite.

Patologie correlate:


Nota: Nel contenuto della scheda possono essere presenti dei riferimenti a paragrafi non riportati.

Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico

Tags:

Farmaci:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube
Farmacista33Doctor33Odontoiatria33Codifa