Cefepima Qili

09 maggio 2021

Cefepima Qili


Condividi su FacebookCondividi su LinkedInCondividi su Twitter


Cos'è Cefepima Qili (cefepime dicloridrato monoidrato)


Cefepima Qili è un farmaco a base di cefepime dicloridrato monoidrato, appartenente al gruppo terapeutico Antibatterici cefalosporinici. E' commercializzato in Italia da Tillomed Italia S.r.l.

Confezioni e formulazioni di Cefepima Qili disponibili in commercio


Selezionare una delle seguenti confezioni di Cefepima Qili disponibili in commercio per accedere alla scheda completa, visualizzare il prezzo e scaricare il foglietto illustrativo (bugiardino):

A cosa serve Cefepima Qili e perchè si usa


Cefepime Qilu è indicato nel trattamento delle infezioni causate da patogeni sensibili alla cefepima (vedere paragrafo 4.4 e 5.1), in:

Adulti
  • batteriemia che si verifica in associazione o è sospettata essere associata con una delle infezioni qui menzionate;
  • polmonite severa;
  • infezioni complicate del tratto urinario;
  • infezioni della cavità addominale, compresa la peritonite;
  • la terapia in associazione con altri antibiotici è consigliabile, in relazione al profilo di rischio individuale del paziente e agli agenti patogeni attesi o confermati.
  • infezioni della cistifellea e dei dotti biliari;
  • trattamento empirico degli episodi febbrili in pazienti con neutropenia moderata (neutrofili ≤ 1000/mm3) o severa (neutrofili ≤ 500/mm3). In pazienti ad alto rischio di infezioni gravi (ad esempio, pazienti sottoposti recentemente a trapianto di midollo osseo, con ipotensione all'esordio, con sottostante patologia ematologica maligna o con grave e prolungata neutropenia), può non essere appropriata una monoterapia antimicrobica. Non vi sono dati sufficienti a supportare l'efficacia di una monoterapia con cefepima in tali pazienti. La terapia in associazione con antibiotici aminoglicosidici o glicopeptidici è raccomandata dove appropriato, tenendo in considerazione il profilo di rischio individuale del paziente.
Bambini
  • batteriemia che si verifica in associazione o è sospettata essere associata con una delle infezioni qui menzionate;
  • polmonite severa;
  • infezioni complicate del tratto urinario;
  • meningite batterica;
  • trattamento empirico degli episodi febbrili in pazienti con neutropenia moderata (neutrofili ≤ 1000/mm3) o severa (neutrofili ≤ 500/mm3). In pazienti ad alto rischio di infezioni gravi (ad esempio, pazienti sottoposti recentemente a trapianto di midollo osseo, con ipotensione all'esordio, con sottostante patologia ematologica maligna o con grave e prolungata neutropenia), può non essere appropriata una monoterapia antimicrobica. Non vi sono dati sufficienti a supportare l'efficacia di una monoterapia con cefepima in tali pazienti. La terapia in associazione con antibiotici aminoglicosidici o glicopeptidici è raccomandata dove appropriato, tenendo in considerazione il profilo di rischio individuale del paziente.
Si deve fare riferimento alle linee guida ufficiali sull'uso appropriato degli agenti antibatterici.

Controindicazioni: quando non dev'essere usato Cefepima Qili


  • Ipersensibilità al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti.
  • Ipersensibilità agli antibiotici del gruppo delle cefalosporine o a qualsiasi altro agente antibiotico beta-lattamico (ad esempio penicilline, monobattamici e carbapenemici).

Cefepima Qili può essere usato durante la gravidanza e l'allattamento?


Gravidanza

Esistono dati insufficienti sull'uso della cefepima in gravidanza. Gli studi sugli animali non indicano effetti dannosi diretti o indiretti per quanto riguarda la tossicità riproduttiva (vedere paragrafo 5.3).

La cefepima attraversa la barriera placentare. Data la scarsità di esperienza clinica, Cefepime deve essere utilizzato soltanto dopo un'attenta valutazione del rapporto rischio-beneficio.

Allattamento

Poiché la cefepima passa nel latte materno, Cefepime deve essere utilizzato nel periodo di allattamento soltanto dopo una rigorosa valutazione del rapporto rischio-beneficio, che prenda in considerazione i potenziali effetti negativi per il lattante.

Negli infanti allattati al seno si possono manifestare diarrea, candidosi o rash, quindi l'allattamento deve essere sospeso. Deve anche essere presa in considerazione la possibilità di sensibilizzazione.

Fertilità

Nei ratti, l'uso di cefepima non ha determinato disturbi della fertilità. Non sono disponibili dati riguardanti gli effetti di cefepima sulla fertilità nell'uomo.

Patologie correlate:


Nota: Nel contenuto della scheda possono essere presenti dei riferimenti a paragrafi non riportati.

Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico

Tags:

Farmaci:
Ultimi articoli
Doac-Int: piattaforma online per la valutazione degli anticoagulanti
Cuore circolazione e malattie del sangue
30 aprile 2021
Notizie e aggiornamenti
Doac-Int: piattaforma online per la valutazione degli anticoagulanti
L'esercizio fisico aiuta a prevenire e curare l'ipertensione
Cuore circolazione e malattie del sangue
13 aprile 2021
Notizie e aggiornamenti
L'esercizio fisico aiuta a prevenire e curare l'ipertensione
Vaccino, sicurezza tra pillola anticoncezionale e anticoagulanti
Cuore circolazione e malattie del sangue
25 marzo 2021
Speciale Coronavirus
Vaccino, sicurezza tra pillola anticoncezionale e anticoagulanti