Claritromicina Ranbaxy

12 novembre 2019

Claritromicina Ranbaxy




Claritromicina Ranbaxy è un farmaco a base di Claritromicina, appartenente al gruppo terapeutico Antibatterici macrolidi. E' commercializzato in Italia da Ranbaxy Italia S.p.A..


Confezioni e formulazioni di Claritromicina Ranbaxy (Claritromicina) disponibili


Seleziona una delle seguenti confezioni di Claritromicina Ranbaxy per accedere alla scheda relativa e scaricare il foglietto illustrativo (bugiardino):


A cosa serve Claritromicina Ranbaxy (Claritromicina) e perchè si usa


Claritromicina Ranbaxy 250 mg/5 ml sospensione orale è indicata nei bambini da 6 mesi ai 12 anni di età.

Claritromicina Ranbaxy 250 mg/5 ml sospensione orale è indicata per il trattamento delle seguenti infezioni nei bambini quando causate da patogeni sensibili alla claritromicina:

  • Infezioni del tratto respiratorio inferiore (per esempio bronchite, polmonite) (vedere paragrafi 4.4.e 5.1 relativamente al Test di sensibilità).
  • Infezioni del tratto respiratorio superiore (per esempio faringite, sinusite).
  • Infezioni della cute e dei tessuti molli (per esempio follicolite, cellulite, erisipela) (vedere paragrafi 4.4 e 5.1 relativamente al Test di sensibilità).
  • Otite media acuta.
Devono essere prese in considerazione le linee-guida ufficiali relative all'uso appropriato degli agenti antibatterici.



Controindicazioni: quando non dev'essere usato Claritromicina Ranbaxy (Claritromicina)


Ipersensibilità agli antibiotici macrolidi o ad uno qualsiasi degli eccipienti (vedere paragrafo 6.1).

La somministrazione concomitante di claritromicina agli alcaloidi dell'ergot (ergotamina e diidroergotamina) è controindicata, poichè ciò può causare tossicità da ergot (vedere paragrafo 4.5).

La somministrazione concomitante di claritromicina e midazolam per uso orale è controindicata (vedere paragrafo 4.5).

È controindicata la somministrazione concomitante di claritromicina e uno dei seguenti medicinali: astemizolo, cisapride, pimozide, terfenadina,poichè questo può dare luogo a prolungamento dell'intervallo QT e ad aritmie cardiache, inclusa tachicardia ventricolare, fibrillazione ventricolare e torsioni di punta (vedere paragrafo 4.5).

La claritromicina non deve essere somministrata a pazienti con anamnesi di prolungamento dell'intervallo QT (congenito o documentato prolungamento dell'intervallo QT acquisito) o aritmia cardiaca ventricolare, compresa torsione di punta (vedere paragrafi 4.4 e 4.5).

La somministrazione concomitante con ticagrelor o ranolazina è controindicata.

La claritromicina non deve essere data a pazienti che soffrono di ipokaliemia (rischio di prolungamento dell'intervallo QT).

La claritromicina non deve essere usata in concomitanza agli inibitori della HMG-CoA reduttasi (statine) che sono ampiamente metabolizzati dal CYP3A4 (lovastatina o simvastatina) o atorvastatina, a causa dell'aumento del rischio di miopatia inclusa rabdomiolisi (vedere paragrafo 4.5).

Come con altri forti inibitori del CYP3A4, la claritromicina non deve essere usata in pazienti che assumono colchicina (vedere paragrafi 4.4. e 4.5).

La claritromicina non deve essere usata nei pazienti che soffrono di grave insufficienza epatica in associazione con danno renale.



Claritromicina Ranbaxy (Claritromicina) può essere usato durante la gravidanza e l'allattamento?


Gravidanza

La sicurezza dell'uso di claritromicina durante la gravidanza non è stata stabilita. Sulla base dei risultati ottenuti da studi su topi, ratti, conigli e scimmie la possibilità di effetti avversi sullo sviluppo embrio-fetale non può essere esclusa. Pertanto, l'uso in gravidanza non è raccomandato a meno che i benefici non siano superiori ai rischi.

Allattamento al seno

La sicurezza dell'uso di claritromicina durante l'allattamento al seno dei neonati non è stata stabilita.

La claritromicina e il suo metabolita sono escreti nel latte materno.



Claritromicina Ranbaxy (Claritromicina) è utilizzato per la cura delle seguenti patologie:



Nota: Nel contenuto della scheda possono essere presenti dei riferimenti a numeri di paragrafo non riportati.

Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico



Ultimi articoli