Doxazosin Aurobindo Italia

07 luglio 2020

Doxazosin Aurobindo Italia




Doxazosin Aurobindo Italia è un farmaco a base di doxazosin mesilato, appartenente al gruppo terapeutico Alfabloccanti. E' commercializzato in Italia da Aurobindo Pharma (Italia) S.r.l..


Confezioni e formulazioni di Doxazosin Aurobindo Italia (doxazosin mesilato) disponibili e foglietto illustrativo


Seleziona una delle seguenti confezioni di Doxazosin Aurobindo Italia (doxazosin mesilato) per accedere alla scheda relativa, visualizzare il prezzo e scaricare il foglietto illustrativo (bugiardino):


A cosa serve Doxazosin Aurobindo Italia (doxazosin mesilato) e perchè si usa


Ipertensione essenziale. La doxazosina è indicata per il trattamento dei sintomi clinici dell'iperplasia prostatica benigna (IPB).



Come usare Doxazosin Aurobindo Italia (doxazosin mesilato): posologia, dosi e modo d'uso


Le compresse devono essere somministrate una volta al giorno con una sufficiente quantità di acqua. La durata del trattamento deve essere stabilita dal medico curante.

Ipertensione:

La dose usuale di doxazosina va da 1 a 8 mg/die. La dose massima raccomandata corrisponde a 16 mg/die. La dose iniziale è 1 mg di doxazosina una volta al giorno prima di coricarsi e deve essere somministrata per 1-2 settimane. Dopo questo periodo, la dose può essere aumentata a 2 mg una volta al giorno per ulteriori 1-2 settimane. Se necessario la dose può essere ulteriormente incrementata in modo graduale e ad intervalli regolari fino a 4, 8 e 16 mg una volta al giorno a seconda della risposta del paziente.

Iperplasia prostatica benigna:

All'inizio del trattamento con Doxazosina Aurobindo Italia si raccomanda il seguente regime posologico:

  • Dal 1° all'8° giorno: 1 x 1 compressa di Doxazosina Aurobindo Italia da 1 mg (1 mg doxazosina) al giorno, al mattino.
  • Dal 9° al 14° giorno: 1 x 1 compressa di Doxazosina Aurobindo Italia da 2 mg (2 mg doxazosina) al giorno, al mattino.
In seguito, il dosaggio può essere modificato in base alle esigenze del paziente. Sono inoltre disponibili compresse contenenti 2 mg o 4 mg di doxazosina, con una linea di rottura.

Questa dose può essere aumentata a 4 mg e quindi ulteriormente incrementata fino alla dose massima raccomandata di 8 mg a seconda dei parametri urodinamici e della sintomatologia dell'IPB del paziente. L'intervallo di tempo raccomandato tra le modificazioni della dose va da 1 a 2 settimane.

La dose giornaliera solitamente raccomandata è di 2-4 mg. Doxazosina Aurobindo Italia viene somministrato una volta al giorno. Se il trattamento con la doxazosina viene interrotto per parecchi giorni bisogna ristabilire la dose corretta.

La dose media giornaliera della doxazosina durante la terapia di mantenimento è da 2 a 4 mg di doxazosina una volta al giorno.

Impiego in pazienti anziani e pazienti con compromissione della funzionalità renale:

Poiché le proprietà farmacocinetiche della doxazosina non variano nei pazienti con insufficienza renale, non vi sono segni di un aggravamento di una pre-esistente insufficienza renale dovuto alla doxazosina. Pertanto si raccomanda in genere la dose abituale. A causa della possibile ipersensibilità in alcuni di questi pazienti, potrebbe essere necessario usare particolare cautela all'inizio del trattamento. In considerazione dell'elevato legame della doxazosina alle proteine, essa non è dializzabile.

Utilizzo in pazienti con compromissione della funzionalità epatica:

La dose deve essere aumentata con particolare attenzione nei pazienti con funzione epatica alterata. Non vi è alcuna esperienza clinica sull'impiego del farmaco in pazienti con grave disfunzione epatica (vedere paragrafo 4.4).

Le compresse devono essere ingoiate intere con abbondante liquido prima o dopo i pasti. La durata d'uso è determinata dal medico curante.

Popolazione pediatrica:

La sicurezza e l'efficacia di Doxazosina Aurobindo Italia in bambini e adolescenti non è stata stabilita.



Controindicazioni: quando non dev'essere usato Doxazosin Aurobindo Italia (doxazosin mesilato)


Doxazosina Aurobindo Italia è controindicata in:

  1. pazienti con ipersensibilità nota alle chinazoline (es. prazosina, terazosina, doxazosina) o ad uno qualsiasi degli eccipienti.
  2. pazienti con storia di ipotensione ortostatica.
  3. pazienti con iperplasia prostatica benigna e concomitante congestione del tratto urinario superiore, infezione cronica delle vie urinarie o calcoli vescicali.
  4. durante l'allattamento (vedere paragrafo 4.6)
  5. pazienti con ipotensione.
La doxazosina è controindicata in monoterapia nei pazienti con incontinenza urinaria da rigurgito o con anuria, con o senza insufficienza renale progressiva.



Doxazosin Aurobindo Italia (doxazosin mesilato) può essere usato durante la gravidanza e l'allattamento?


Gravidanza

Indicazione di ipertensione

Non sono stati osservati effetti teratogeni negli esperimenti sugli animali. La sicurezza della doxazosina durante la gravidanza non è stata stabilita poichè non sono stati condotti studi adeguati e ben controllati sulle donne in gravidanza. Di conseguenza, durante la gravidanza, doxazosina deve essere usata solo se, secondo il parere del medico, i potenziali benefici superino i potenziali rischi.

Sebbene non siano stati osservati effetti teratogeni in esperimenti su animali, una ridotta sopravvivenza fetale è stata osservata negli animali a dosi estremamente elevate (vedere paragrafo 5.3).

Allattamento

Doxazosina è controindicata durante l'allattamento in quanto il farmaco si accumula nel latte prodotto da ratti femmina e non vi è alcuna informazione circa l'escrezione del farmaco nel latte di donne in allattamento.

In alternativa, le madri devono interrompere l'allattamento quando il trattamento con doxazosina è necessario (vedere la sezione 5.3).

Per l'indicazione ipertrofia prostatica benigna:

Questo paragrafo non è pertinente



Vedi patologie correlate:



Nota: Nel contenuto della scheda possono essere presenti dei riferimenti a paragrafi non riportati.

Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico




Farmaci:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube