Enterog Antidiarroico

23 settembre 2021

Enterog Antidiarroico



Nota: Per informazioni su farmaci e confezioni ritirate dal commercio accedi al portale AIFA (Agenzia Italiana del Farmaco).


Cos'è Enterog Antidiarroico (loperamide cloridrato)


Enterog Antidiarroico è un farmaco a base di loperamide cloridrato, appartenente al gruppo terapeutico Antidiarroici.

A cosa serve Enterog Antidiarroico e perchè si usa


Trattamento sintomatico della diarrea acuta.


Indicazioni: come usare Enterog Antidiarroico, posologia, dosi e modo d'uso


Posologia

2 compresse come dose di attacco seguite da 1 compressa dopo ogni scarica fino ad un massimo di 8 compresse al giorno.

Interrompere il trattamento se non si hanno più movimenti intestinali per 24 ore.

Attenzione: non usare per più di due giorni. Infatti, negli episodi improvvisi di diarrea acuta ENTEROG ANTIDIARROICO è generalmente in grado di arrestare i sintomi in 48 ore.

Popolazione pediatrica

Il prodotto è controindicato nei bambini con età inferiore a 12 anni.

Modo di somministrazione

Deglutire la compressa con un poco di acqua. Non masticare.

Usare questo farmaco solo come raccomandato.
Non superare le dosi consigliate o la durata del trattamento


Controindicazioni: quando non dev'essere usato Enterog Antidiarroico


Ipersensibilità al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti.

Gravidanza e allattamento (Vedere paragrafo 4.6 “Gravidanza e allattamento“).

Da non usare nei bambini di età inferiore a 12 anni.

ENTEROG ANTIDIARROICO non deve essere impiegato, inoltre, nei seguenti casi:

  • presenza di sangue nelle feci e febbre alta;
  • infiammazione del tratto inferiore dell'intestino (per esempio colite ulcerosa o colite pseudomembranosa in seguito a terapia antibiotica);
  • stitichezza o meteorismo (presenza di aria nello stomaco);
  • in tutti i casi in cui bisogna evitare una inibizione della motilità intestinale.

Enterog Antidiarroico può essere usato durante la gravidanza e l'allattamento?


L'uso di ENTEROG ANTIDIARROICO è sconsigliato durante il primo trimestre di gravidanza e durante l'allattamento. Nel secondo e nel terzo trimestre il prodotto deve essere usato solo in caso di effettiva necessità e sotto il diretto controllo del medico.


Quali sono gli effetti indesiderati di Enterog Antidiarroico


Se ENTEROG ANTIDIARROICO viene assunto correttamente gli effetti indesiderati sono pochi e di modesta entità.

Possono manifestarsi i seguenti effetti:

  • stitichezza e meteorismo e/o distensione addominale. In casi molto rari e nei quali il prodotto non sia stato usato correttamente, questi ultimi effetti possono essere associati a occlusione intestinale;
  • reazioni di ipersensibilità (per esempio eruzioni cutanee, prurito, dispnea o edema del viso);
  • altri effetti che in genere è difficile distinguere da quelli associati alla sindrome diarroica quali: dolore o sensazione di disagio addominale, nausea e vomito, stanchezza, vertigine o stordimento, secchezza della bocca.
Segnalazione delle reazioni avverse sospette

La segnalazione delle reazioni avverse sospette che si verificano dopo l'autorizzazione del medicinale è importante, in quanto permette un monitoraggio continuo del rapporto beneficio/rischio del medicinale. Agli operatori sanitari è richiesto di segnalare qualsiasi reazione avversa sospetta tramite il sistema nazionale di segnalazione all'indirizzo “https://www.aifa.gov.it/content/segnalazioni-reazioni-avverse“.


Patologie correlate:


Nota: Nel contenuto della scheda possono essere presenti dei riferimenti a paragrafi non riportati.

Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico

Tags:

Farmaci e integratori:

...e inoltre su Dica33:

Ultimi articoli
L'epidemia di obesità è legata alla qualità dei cibi che mangiamo?
Alimentazione
22 settembre 2021
Notizie e aggiornamenti
L'epidemia di obesità è legata alla qualità dei cibi che mangiamo?
Agenda 2030: lotta al sovrappeso e obesità in Europa
Alimentazione
16 settembre 2021
Notizie e aggiornamenti
Agenda 2030: lotta al sovrappeso e obesità in Europa
Covid-19, i cibi non sono veicolo di contagio
Alimentazione
12 settembre 2021
Speciale Coronavirus
Covid-19, i cibi non sono veicolo di contagio