Fibrolax

20 gennaio 2021

Fibrolax


Condividi su FacebookCondividi su LinkedInCondividi su Twitter


Cos'è Fibrolax (piantaggine semi)


Fibrolax è un farmaco a base di piantaggine semi, appartenente al gruppo terapeutico Lassativi. E' commercializzato in Italia da Giuliani S.p.A.

Confezioni e formulazioni di Fibrolax disponibili in commercio


Selezionare una delle seguenti confezioni di Fibrolax disponibili in commercio per accedere alla scheda completa, visualizzare il prezzo e scaricare il foglietto illustrativo (bugiardino):

A cosa serve Fibrolax e perchè si usa


Fibrolax è indicato per il trattamento di breve durata della stitichezza occasionale.

Indicazioni: come usare Fibrolax, posologia, dosi e modo d'uso


Posologia

Adulti: 1 bustina di granulato effervescente oppure 2 cucchiaini da caffè colmi di granulato non effervescente, 2-3 volte al giorno, dopo ognuno dei pasti principali, per almeno 2 o 3 giorni.

La dose raccomandata è quella minima sufficiente a produrre una facile evacuazione di feci molli.

È consigliabile usare inizialmente le dosi minime previste.

Quando necessario, secondo il parere del medico, la dose può essere poi aumentata ma senza mai superare quella massima indicata.

Attenzione, non assumere il medicinale immediatamente prima di andare a letto; dopo averlo ingerito attendere almeno un'ora prima di coricarsi.

I lassativi devono essere usati il meno frequentemente possibile e per non più di 7 giorni.

L'uso per periodi di tempo maggiori richiede la prescrizione del medico dopo adeguata valutazione del singolo caso.

Popolazione pediatrica

Nei bambini al di sotto dei 12 anni le dosi devono essere proporzionalmente ridotte in funzione dell'età, secondo il giudizio del medico.

Modo di somministrazione

Versare FIBROLAX in un bicchiere, riempire lentamente con acqua, miscelare bene e bere subito dopo la preparazione. Si consiglia la successiva assunzione di un altro bicchiere d'acqua.

Si raccomanda di non assumere FIBROLAX tal quale, ma di scioglierlo in acqua. È necessario infatti bere un bicchiere abbondante di acqua con ogni dose. L'omissione di questa raccomandazione può provocare inconvenienti.

Una dieta ricca di liquidi favorisce l'effetto del medicinale.

Controindicazioni: quando non dev'essere usato Fibrolax


Ipersensibilità al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti.

I lassativi sono controindicati nei soggetti con dolore addominale acuto o di origine sconosciuta, nausea o vomito, ostruzione o stenosi intestinale, sanguinamento rettale di origine sconosciuta, grave stato di disidratazione.

Controindicato nei soggetti con difficoltà ad ingerire o che presentano patologie (ad esempio ernia iatale) o condizioni (ad esempio soggetti debilitati costretti a letto) che comportano il rischio di rigurgito.

Controindicato in presenza di atonia del colon o fecaloma.

Fibrolax può essere usato durante la gravidanza e l'allattamento?


Generalmente controindicato durante la gravidanza e l'allattamento.

Non esistono studi adeguati e ben controllati sull'uso del medicinale in gravidanza o nell'allattamento. Pertanto il medicinale deve essere usato solo in caso di necessità, sotto diretto controllo del medico, dopo aver valutato il beneficio atteso per la madre in rapporto al possibile rischio per il feto o per il lattante.

Quali sono gli effetti indesiderati di Fibrolax


Occasionalmente: dolori crampiformi isolati o coliche addominali, più frequenti nei casi di stitichezza grave, flatulenza, distensione addominale, ostruzione gastrointestinale, fecaloma.

Segnalazione delle reazioni avverse sospette

La segnalazione delle reazioni avverse sospette che si verificano dopo l'autorizzazione del medicinale è importante, in quanto permette un monitoraggio continuo del rapporto beneficio/rischio del medicinale. Agli operatori sanitari è richiesto di segnalare qualsiasi reazione avversa sospetta all'indirizzo: http://www.agenziafarmaco.gov.it/it/responsabili.

Patologie correlate:


Nota: Nel contenuto della scheda possono essere presenti dei riferimenti a paragrafi non riportati.

Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico

Tags:

Farmaci:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube
Farmacista33Doctor33Odontoiatria33Codifa