Acido Acetilsalicilico + Acido Ascorbico Coop 330 mg + 200 mg 20 compresse effervescenti

27 ottobre 2021
Farmaci - Acido Acetilsalicilico + Acido Ascorbico Coop

Acido Acetilsalicilico + Acido Ascorbico Coop 330 mg + 200 mg 20 compresse effervescenti




Acido Acetilsalicilico + Acido Ascorbico Coop 330 mg + 200 mg 20 compresse effervescenti è un medicinale di automedicazione (classe C), a base di acido acetilsalicilico + acido ascorbico, appartenente al gruppo terapeutico Antiaggreganti piastrinici, Antipiretici, Analgesici FANS. E' commercializzato in Italia da Coop Italia Soc. Cooperativa


INDICE SCHEDA



INFORMAZIONI GENERALI


TITOLARE AIC:

Coop Italia Soc. Cooperativa

MARCHIO

Acido Acetilsalicilico + Acido Ascorbico Coop

CONFEZIONE

330 mg + 200 mg 20 compresse effervescenti

FORMA FARMACEUTICA
compressa effervescente

PRINCIPIO ATTIVO
acido acetilsalicilico + acido ascorbico

GRUPPO TERAPEUTICO
Antiaggreganti piastrinici, Antipiretici, Analgesici FANS

CLASSE
C

RICETTA
medicinale di automedicazione

PREZZO
DISCR.


CONFEZIONI DISPONIBILI IN COMMERCIO


Confezioni e formulazioni di Acido Acetilsalicilico + Acido Ascorbico Coop disponibili in commercio:

  • acido acetilsalicilico + acido ascorbico coop 330 mg + 200 mg 20 compresse effervescenti (scheda corrente)

FOGLIETTO ILLUSTRATIVO (PDF)


SCARICA IL PDF DEL FOGLIETTO ILLUSTRATIVO (AIFA)


Foglietto illustrativo Acido Acetilsalicilico + Acido Ascorbico Coop »

N.B. Alcuni PDF potrebbero non essere disponibili


INDICAZIONI TERAPEUTICHE


A cosa serve Acido Acetilsalicilico + Acido Ascorbico Coop? Perchè si usa?


Terapia sintomatica degli stati febbrili e delle sindromi influenzali e da raffreddamento. Mal di testa e di denti, nevralgie, dolori mestruali, dolori reumatici e muscolari.


CONTROINDICAZIONI


Quando non dev'essere usato Acido Acetilsalicilico + Acido Ascorbico Coop?


Ipersensibilità ai principi attivi (acido acetilsalicilico e acido ascorbico), salicilati o ad uno qualsiasi degli eccipienti.

Pazienti che hanno manifestato broncospasmo, asma riniti od orticaria conseguenti all'impiego di acido acetilsalicilico, salicilati o di altri prodotti antinfiammatori non steroidei.

Malattia ulcerosa gastro-duodenale.

Storia di emorragia gastrointestinale o perforazione relativa a precedenti trattamenti attivi o storia di emorragia/ulcera peptica ricorrente (due o più episodi distinti di dimostrata ulcerazione o sanguinamento).

Diatesi emorragiche.

Insufficienza renale, cardiaca o epatica gravi, ipofosfatemia.

-trattamento concomitante con metotrexato (a dosi di 15 mg/settimana o più) o con warfarin (vedere paragrafo 4.5);

Ultimo trimestre di gravidanza e allattamento.

Bambini e ragazzi di età inferiore a 16 anni.


AVVERTENZE E PRECAUZIONI D'USO


Cosa serve sapere prima di prendere Acido Acetilsalicilico + Acido Ascorbico Coop?


Questo medicinale non deve essere utilizzato nei bambini e nei ragazzi di età inferiore a 16 anni (vedere paragrafo 4.3)

I medicinali contenenti acido acetilsalicilico non devono essere utilizzati nei bambini e negli adolescenti di età inferiore ai 16 anni con infezioni virali, a prescindere dalla presenza o meno di febbre. In certe affezioni virali, specialmente influenza A, influenza B e varicella, esiste il rischio di Sindrome di Reye, una malattia molto rara, ma pericolosa per la vita, che richiede un immediato intervento medico. Il rischio può essere aumentato in caso di assunzione contemporanea di acido acetilsalicilico, sebbene non sia stata dimostrata una relazione causale. Il vomito persistente in pazienti affetti da queste malattie può essere un segno di Sindrome di Reye.

Anziani

Il rischio di effetti indesiderati gravi è maggiore nei soggetti in età geriatrica, soprattutto sanguinamento gastrointestinale e perforazioni che possono essere fatali.

I soggetti di età superiore ai 70 anni di età, soprattutto in presenza di terapie concomitanti, devono usare questo medicinale solo dopo aver consultato un medico.

L'uso di Acido acetilsalicilico e Acido ascorbico Coop deve essere evitato in concomitanza di FANS , inclusi gli inibitori selettivi della COX 2.

Soggetti a maggior rischio di reazioni di ipersensibilità L'acido acetilsalicilico e gli altri FANS possono causare reazioni di ipersensibilità (compresi attacchi d'asma, rinite, angioedema o orticaria).

Il rischio è maggiore nei soggetti che già in passato hanno presentato una reazione di ipersensibilità dopo l'uso di questo tipo di farmaci (vedere paragrafo 4.3) e nei soggetti che presentano reazioni allergiche ad altre sostanze (es reazioni cutanee, prurito, orticaria).

Nei soggetti con asma e/o rinite (con o senza poliposi nasale) e/o orticaria le reazioni possono essere più frequenti e gravi. In rari casi le reazioni possono essere molto gravi e potenzialmente fatali.

Nei casi seguenti la somministrazione del farmaco richiede la prescrizione del medico dopo accurata valutazione del rapporto rischio/beneficio:
  • Deficit di G6PD, alte dosi di acido acetilsalicilico possono causare emolisi. In caso di deficit di G6PD, l'acido acetilsalicilico deve essere somministrato sotto supervisione medica.
  • Soggetti a maggiore rischio di lesioni gastrointestinali
L'acido acetilsalicilico e gli altri FANS possono causare gravi effetti indesiderati a livello gastrointestinale (sanguinamento, ulcera, perforazione). Per tale motivo questi farmaci non devono essere usati dai soggetti affetti da ulcera gastrointestinale o sanguinamenti gastrointestinali. È prudente che ne evitino l'uso anche coloro che in passato hanno sofferto di ulcera gastrointestinale o sanguinamenti gastrointestinali. Il rischio di lesioni gastrointestinali è un effetto dose correlato, in quanto la gastrolesività è maggiore in soggetti che fanno un uso di dosi più elevate di acido acetilsalicilico.

Anche i soggetti con abitudine all'assunzione di elevate quantità di alcol sono maggiormente esposti al rischio di lesioni gastrointestinali (in particolare sanguinamenti) (vedere paragrafo 4.5).

Pazienti con difetti della coagulazione o in trattamento con anticoagulanti

Nei soggetti affetti da difetti della coagulazione o in trattamento con anticoagulanti l'acido acetilsalicilico e gli altri FANS possono causare una grave riduzione delle capacità emostatiche esponendo a rischio di emorragia.

Pazienti con compromissione della funzione renale o cardiaca o epatica (da lieve a moderata)

L'acido acetilsalicilico e gli altri FANS possono essere causa di una riduzione critica della funzione renale e ritenzione idrica; il rischio è maggiore nei soggetti in trattamento con diuretici. Ciò può essere particolarmente pericoloso per gli anziani e per i soggetti con compromissione della funzione renale o cardiaca o epatica.

L'acido acetilsalicilico e gli altri FANS possono causare un aggravamento dell'asma.

Pazienti con iperuricemia/gotta

L'acido acetilsalicilico può interferire con l'eliminazione dell'acido urico: alte dosi hanno un effetto uricosurico mentre dosi (molto) basse possono ridurne l'escrezione. Occorre inoltre considerare che l'acido acetilsalicilico e gli altri FANS possono mascherare i sintomi della gotta ritardandone la diagnosi. Èanche possibile un effetto antagonista con i farmaci uricosurici (vedere paragrafo 4.5).

Non usare l'acido acetilsalicilico insieme ad un altro FANS o, comunque, non usare più di un FANS per volta

Fertilità

L'uso di acido acetilsalicilico come di qualsiasi farmaco inibitore della sintesi delle prostaglandine e della cicloossigenasi potrebbe interferire con la fertilità; di ciò devono essere informati i soggetti di sesso femminile ed in particolare le donne che hanno problemi di fertilità o che sono sottoposte ad indagini sulla fertilità (vedere paragrafo 4.6).

Interventi chirurgici

Se si deve essere sottoposti ad un intervento chirurgico (anche di piccola entità, ad esempio l'estrazione di un dente) e nei giorni precedenti si è fatto uso di acido acetilsalicilico o di un altro FANS occorre informarne il chirurgo per i possibili effetti sulla coagulazione.

Reazioni cutanee

Gravi reazioni cutanee, anche fatali, inclusa dermatite esfoliativa, sindromi di Stevens-Johnson e necrolisi epidermica tossica sono state riportate molto raramente durante il trattamento con FANS (vedere paragrafo 4.8).

Esami diagnostici

L'acido acetilsalicilico può essere causa di sanguinamento gastrointestinale, occorre tenerne conto nel caso fosse necessario eseguire una ricerca del sangue occulto.

L'acido ascorbico può interferire con le determinazioni biochimiche di creatinina, acido urico e glucosio nei campioni di sangue e urina (vedere paragrafo 4.5).

Questo medicinale contiene circa 485 mg di sodio per compressa equivalente al 24% dell'assunzione massima giornaliera raccomandata dall'OMS con la dieta di un adulto che è di 2 g; questo medicinale è quindi considerato ad alto contenuto di sodio. Da tenere in considerazione in persone con ridotta funzionalità renale o che seguono una dieta a basso contenuto di sodio.


INTERAZIONI


Quali farmaci, principi attivi o alimenti possono interagire con l'effetto di Acido Acetilsalicilico + Acido Ascorbico Coop?


Acido acetilsalicilico

Associazioni controindicate (evitare l'uso concomitante - vedere paragrafo 4.3)
Associazioni non raccomandate (l'uso concomitante dei due farmaci richiede la prescrizione del medico dopo accurata valutazione del rapporto rischio/beneficio- vedere paragrafo 4.4):
incremento del rischio di sanguinamento dell'apparato gastrointestinale superiore a causa di un possibile effetto sinergico.

Associazioni che richiedono precauzioni particolari o un aggiustamento del dosaggio (l'uso concomitante dei due farmaci richiede la prescrizione del medico dopo accurata valutazione del rapporto rischio/beneficio - vedere 4.4):
  • ACE-inibitori e antagonisti dell'angiotensina II: riduzione dell'effetto ipotensivo; aumento del rischio di compromissione della funzione renale.
  • Acido Valproico: aumento dell'effetto dell'acido valproico (rischio di tossicità).
  • Antiacidi: gli antiacidi assunti contemporaneamente ad altri farmaci possono ridurne l'assorbimento; l'escrezione di acido acetilsalicilico aumenta nelle urine alcalinizzate.
  • Antidiabetici (es: insulina e ipoglicemizzanti orali): aumento dell'effetto ipoglicemizzante; l'uso dell'acido acetilsalicilico nei soggetti in trattamento con antidiabetici deve tener conto del rischio di indurre ipoglicemia.
  • Digossina: aumento della concentrazione plasmatica di digossina per diminuzione dell'eliminazione renale.
  • Diuretici: aumento del rischio di nefrotossicità dell'acido acetilsalicilico e degli altri FANS; riduzione dell'effetto dei diuretici.
  • Inibitori dell'anidrasi carbonica (acetazolamide) : ridotta eliminazione di acetazolamide (rischio di tossicità).
  • Fenitoina: aumento dell'effetto della fenitoina.
  • Corticosteroidi (esclusi quelli per uso topico e quelli impiegati per la terapia dell'insufficienza corticosurrenale):
    • aumento del rischio di lesioni gastrointestinali;
    • a causa dell'aumentata eliminazione dei salicilati indotta dai corticosteroidi si ha riduzione dei livelli plasmatici di salicilato. Per contro, dopo interruzione del trattamento corticosteroideo, si può verificare sovradosaggio di salicilati.
  • Metoclopramide: aumento dell'effetto dell'acido acetilsalicilico per incremento della velocità di assorbimento.
  • Uricosurici (es: probenecid, benzbromarone): diminuzione dell'effetto uricosurico.
  • Zafirlukast: aumento della concentrazione plasmatica di zafirlukast.
  • Alcool (vedere anche paragrafo 4.4).
La somma degli effetti dell'alcool e dell'acido acetilsalicilico provoca aumento del danno della mucosa gastrointestinale e prolungamento del tempo di sanguinamento.
  • Il metamizolo può ridurre l'effetto dell'acido acetilsalicilico sull'aggregazione piastrinica, se assunto contemporaneamente. Pertanto, questa combinazione deve essere usata con cautela nei pazienti che assumono aspirina a basse dosi per la cardioprotezione
Acido Ascorbico

L'acido ascorbico può interferire con le determinazioni biochimiche di creatinina, acido urico e glucosio nei campioni di sangue e urina. È perciò consigliabile sospendere l'assunzione di vitamina C alcuni giorni prima di procedere a tale esame.


POSOLOGIA E MODO DI SOMMINISTRAZIONE


Come si usa Acido Acetilsalicilico + Acido Ascorbico Coop? Dosi e modo d'uso


Posologia

Adulti: 1 o 2 compresse se necessario fino a 3 -4 volte al dì.

Non superare 8 compresse nelle 24 ore.

Non superare le dosi consigliate.

Non utilizzare per più di 3 giorni in caso di febbre e 5 giorni in caso di dolore senza il consiglio di un medico.

Speciali popolazioni

Popolazione pediatrica:

il medicinale è controindicato nei bambini e nei ragazzi di età inferiore a 16 anni. (vedere paragrafo 4.3)

Anziani

I pazienti anziani devono attenersi ai dosaggi minimi sopraindicati.

Modo di somministrazione

Sciogliere il medicinale in mezzo bicchiere d'acqua non gassata. L'assunzione del prodotto deve avvenire a stomaco pieno.


SOVRADOSAGGIO


Cosa fare se avete preso una dose eccessiva di Acido Acetilsalicilico + Acido Ascorbico Coop?


La tossicità da salicilati (un dosaggio superiore ai 100 mg/kg/giorno per 2 giorni consecutivi può indurre tossicità), può essere la conseguenza di un'assunzione cronica di dosi eccessive, oppure di sovradosaggio acuto, potenzialmente pericoloso per la vita e che comprende anche l'ingestione accidentale nei bambini. Il sovradosaggio nei bambini può essere fatale a partire da 100 mg/kg/giorno in una singola dose.

I sintomi da sovradosaggio sono rappresentati da senso di vertigine e tinnito (ronzii nelle orecchie) che possono essere accompagnati da nausea, vomito e disturbi gastrici. Nei casi più gravi, si osservano stati confusionali, torpore, collasso, convulsioni, disturbi respiratori, renali e talvolta anche emorragie. In caso di sovradosaggio acuto provvedere allo svuotamento dello stomaco mediante emetici, o aspirazione o lavanda gastrica. Per intossicazioni più lievi far bere abbondante quantità di liquidi. In caso di intossicazione grave (concentrazioni plasmatiche di salicilato superiori a 500 mcg/ml nell'adulto ed a 300 mcg/ml nel bambino) può essere indicata una diuresi alcalina forzata e continuata fino a raggiungere una concentrazione plasmatica di salicilato inferiore ai 350 mcg/ml (nell'adulto). A questo punto la somministrazione endovenosa può venire sospesa ed il paziente inviato ad assumere liquidi per via orale. Gli elettroliti plasmatici, in particolare il potassio, nonché l'equilibrio acido – base devono essere controllati regolarmente. L'acidemia deve essere corretta mediante infusione di sodio bicarbonato prima di iniziare la diuresi forzata. In presenza di insufficienza cardiaca o renale oppure di intossicazione molto grave possono rendersi necessarie emodialisi o dialisi endoperitonale. Reazioni allergiche acute conseguenti ad assunzione di acido acetilsalicilico possono essere trattate, se necessario, con somministrazione di adrenalina, corticosteroidi e di antistaminici.


GRAVIDANZA E ALLATTAMENTO


E' possibile prendere Acido Acetilsalicilico + Acido Ascorbico Coop durante la gravidanza e l'allattamento?


Gravidanza

L'inibizione della sintesi delle prostaglandine può interessare negativamente la gravidanza e/o lo sviluppo embrio/fetale. Risultati di studi epidemiologici suggeriscono un aumento del rischio di aborto, malformazione cardiaca e gastroschisi dopo l'uso di un inibitore della sintesi di prostaglandine durante il primo periodo di gravidanza. Il rischio assoluto di malformazioni cardiache aumentava da meno dell'1% fino a circa l'1,5%. È stato stimato che il rischio aumenta con la dose e la durata della terapia. Negli animali, la somministrazione di inibitori della sintesi di prostaglandine ha mostrato di provocare un aumento della perdita di pre e post-impianto e di mortalità embrione –fetale. Inoltre, un aumento di incidenza di varie malformazioni, inclusa quella cardiovascolare, è stato riportato in animali a cui erano stati somministrati inibitori di sintesi delle prostaglandine, durante il periodo organogenetico.

Durante il primo e il secondo trimestre di gravidanza, l'acido acetilsalicilico non deve essere somministrato se non in caso di effettiva necessità. Se usato da donne in procinto di concepimento o durante il primo e secondo trimestre di gravidanza, la dose e la durata del trattamento devono essere rispettivamente la più bassa e il più breve possibile.

Durante il terzo trimestre di gravidanza, tutti gli inibitori della sintesi delle prostaglandine possono esporre il feto a:
  • Tossicità cardiopolmonare (con chiusura prematura del dotto arterioso e ipertensione polmonare);
  • Disfunzione renale che può progredire a insufficienza renale con oligoidramnios;
la madre e il neonato, alla fine della gravidanza, a:
  • Possibile prolungamento del tempo di sanguinamento, un effetto antiaggregante che può verificarsi anche a dosi molto basse;
  • Inibizione delle contrazioni uterine risultante in travaglio ritardato o prolungato.
Conseguentemente l'acido acetilsalicilico è controindicato durante il terzo trimestre di gravidanza.

Allattamento

L'acido acetilsalicilico non deve essere assunto durante l'allattamento

Fertilità

L'uso di acido acetilsalicilico come di qualsiasi farmaco inibitore della sintesi delle prostaglandine e della cicloossigenasi potrebbe interferire con la fertilità; di ciò devono essere informati i soggetti di sesso femminile ed in particolare le donne che hanno problemi di fertilità o che sono sottoposte ad indagini sulla fertilità.


GUIDA DI VEICOLI E USO DI MACCHINARI


Effetti di Acido Acetilsalicilico + Acido Ascorbico Coop sulla capacità di guidare veicoli e sull'uso di macchinari


Non sono noti effetti negativi sulla capacità di guida e sull'uso di macchine.


PRINCIPIO ATTIVO


Ogni compressa effervescente contiene:

Principio attivo:

Acido ascorbico 200 mg

Acido acetilsalicilico 330 mg

Eccipienti con effetti noti: una compressa contiene circa 485 mg di sodio.

Per l'elenco completo degli eccipienti, vedere paragrafo 6.1.


ECCIPIENTI


Sodio bicarbonato, acido citrico, glicocolla, sodio benzoato.


SCADENZA E CONSERVAZIONE


Scadenza: 36 mesi

Chiudere accuratamente il tubetto dopo l'uso. Conservare a temperatura non superiore a 25°C.


NATURA E CONTENUTO DEL CONTENITORE


Tubo di polipropilene con tappo in polietilene contenente essiccante.


PATOLOGIE CORRELATE


Data ultimo aggiornamento: 20/07/2021

Nota: Nel contenuto della scheda possono essere presenti dei riferimenti a paragrafi non riportati.

Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico

Tags:

Farmaci e integratori:

...e inoltre su Dica33:

Ultimi articoli
Vaccini Covid, terza dose a over 60 e fragili: le indicazioni
Malattie infettive
27 ottobre 2021
Speciale Coronavirus
Vaccini Covid, terza dose a over 60 e fragili: le indicazioni
Disturbi mentali, parte il concorso People in Mind di Lundbeck Italia
Mente e cervello
26 ottobre 2021
Notizie e aggiornamenti
Disturbi mentali, parte il concorso People in Mind di Lundbeck Italia