Acido Pipemidico EG 400 mg 20 capsule rigide

Ultimo aggiornamento: 12 gennaio 2018
Farmaci - Acido Pipemidico EG

Acido Pipemidico EG 400 mg 20 capsule rigide




INDICE SCHEDA



INFORMAZIONI GENERALI


AZIENDA

EG S.p.A.

MARCHIO

Acido Pipemidico EG

CONFEZIONE

400 mg 20 capsule rigide

PRINCIPIO ATTIVO
acido pipemidico

FORMA FARMACEUTICA
capsula

GRUPPO TERAPEUTICO
Antibatterici chinolonici

CLASSE
A

RICETTA
medicinale soggetto a prescrizione medica

SCADENZA
60 mesi

PREZZO
5,05 €


INDICAZIONI TERAPEUTICHE



A cosa serve Acido Pipemidico EG 400 mg 20 capsule rigide

È indicato nel trattamento delle infezioni urinarie acute, subacute e croniche dell'adulto: cistiti, uretriti, pieliti e cistopieliti; infezioni urinarie sostenute da germi sensibili Gram-negativi o Gram-positivi, post-operatorie o conseguenti ad indagini strumentali.


CONTROINDICAZIONI



Quando non dev'essere usato Acido Pipemidico EG 400 mg 20 capsule rigide

Casi di ipersensibilità già noti all'acido pipemidico. Se ne sconsiglia l'uso nell'infanzia


AVVERTENZE E PRECAUZIONI D'USO



Cosa serve sapere prima di prendere Acido Pipemidico EG 400 mg 20 capsule rigide

Nella primissima infanzia il prodotto va somministrato in casi di effettiva necessità sotto il diretto controllo del medico.

In corso di terapia si consiglia di ridurre il tempo d'esposizione al sole a causa del rischio di fotosensibilizzazione e di dermatite bollosa. Particolare attenzione va posta nei soggetti anziani a causa delle possibili manifestazioni neurosensoriali e psichiche (vertigini, disturbi dell'equilibrio).

TENERE FUORI DALLA PORTATA DEI BAMBINI


INTERAZIONI



Quali farmaci o principi attivi possono interagire con l'effetto di Acido Pipemidico EG 400 mg 20 capsule rigide

Non si conoscono al momento interazioni medicamentose.


POSOLOGIA E MODO DI SOMMINISTRAZIONE



Come si usa Acido Pipemidico EG 400 mg 20 capsule rigide

La posologia media consigliata di acido pipemidico è di 800 mg al giorno suddivisi in due somministrazioni, ogni 12 ore, preferibilmente dopo i pasti. La durata del trattamento è mediamente di 10 giorni, tuttavia essa va adattata in funzione della risposta terapeutica, soprattutto nella terapia delle forme croniche e recidive.

Acido Pipemidico EG può essere somministrato a pazienti con insufficienza renale.


SOVRADOSAGGIO



Cosa fare se avete preso una dose eccessiva di Acido Pipemidico EG 400 mg 20 capsule rigide

Non è mai stato riscontrato alcun sintomo da sovradosaggio.


EFFETTI INDESIDERATI



Quali sono gli effetti collaterali di Acido Pipemidico EG 400 mg 20 capsule rigide

Gli effetti collaterali principalmente di natura digestiva quali nausea e gastralgia, solo in casi eccezionali richiedono la sospensione del trattamento e si attenuano somministrando il farmaco a stomaco pieno.

Sono stati segnalati rarissimi casi di reazioni allergiche cutanee (tipo rash cutaneo od orticaria) e qualche caso di fotosensibilizzazione; in questi casi è opportuno interrompere il trattamento ed istituire una terapia idonea. Eccezionalmente si sono verificate manifestazioni neurosensoriali e psichiche con vertigini e disturbi dell'equilibrio in soggetti anziani.

Segnalazione delle reazioni avverse sospette

La segnalazione delle reazioni avverse sospette che si verificano dopo l'autorizzazione del medicinale è importante, in quanto permette un monitoraggio continuo del rapporto beneficio/rischio del medicinale. Agli operatori sanitari è richiesto di segnalare qualsiasi reazione avversa sospetta tramite il sistema nazionale di segnalazione all'indirizzo www.agenziafarmaco.gov.it/it/responsabili.


CONSERVAZIONE



Il prodotto è stabile a temperatura ambiente.


PATOLOGIE ASSOCIATE







Potrebbe interessarti
Il soggiorno marino in spiagge tropicali
Malattie infettive
19 agosto 2018
Libri e pubblicazioni
Il soggiorno marino in spiagge tropicali
Morsi di zecca, come comportarsi
Malattie infettive
17 agosto 2018
Notizie e aggiornamenti
Morsi di zecca, come comportarsi
Vacanze all’estero: attenzione alle zanzare
Malattie infettive
19 luglio 2018
Notizie e aggiornamenti
Vacanze all’estero: attenzione alle zanzare