Briofil 250 mg 10 supposte

21 settembre 2021
Farmaci - Briofil

Briofil 250 mg 10 supposte




Briofil 250 mg 10 supposte è un medicinale soggetto a prescrizione medica (classe C), a base di bamifillina cloridrato, appartenente al gruppo terapeutico Antiasmatici, derivati xantinici. E' commercializzato in Italia da Teofarma


INDICE SCHEDA



INFORMAZIONI GENERALI


TITOLARE AIC:

Teofarma

MARCHIO

Briofil

CONFEZIONE

250 mg 10 supposte

FORMA FARMACEUTICA
supposta

PRINCIPIO ATTIVO
bamifillina cloridrato

GRUPPO TERAPEUTICO
Antiasmatici, derivati xantinici

CLASSE
C

RICETTA
medicinale soggetto a prescrizione medica

PREZZO
10,75 €


CONFEZIONI DISPONIBILI IN COMMERCIO


Confezioni e formulazioni di Briofil disponibili in commercio:


FOGLIETTO ILLUSTRATIVO (PDF)


SCARICA IL PDF DEL FOGLIETTO ILLUSTRATIVO (AIFA)


Foglietto illustrativo Briofil »

N.B. Alcuni PDF potrebbero non essere disponibili


INDICAZIONI TERAPEUTICHE


A cosa serve Briofil? Perchè si usa?


Compresse rivestite con film - Supposte:

Asma bronchiale, affezioni polmonari con componente spastica bronchiale.

Compresse:

Asma con dispnea parossistica; broncopneumopatia cronica ostruttiva con componente spastica; bronchite asmatiforme.




CONTROINDICAZIONI


Quando non dev'essere usato Briofil?


Infarto miocardico acuto.

Ipersensibilità nota al prodotto ed ai derivati xantinici.


AVVERTENZE E PRECAUZIONI D'USO


Cosa serve sapere prima di prendere Briofil?


Briofil va somministrato con cautela nei neonati e nella prima infanzia (evitando dosaggi elevati e ricordando di frazionare le supposte), nei casi di insufficienza cardiaca avanzata, ipertensione arteriosa grave, insufficienza epatica e renale, ulcera gastrica ed ipertiroidismo.

Tenere fuori dalla portata dei bambini.


INTERAZIONI


Quali farmaci, principi attivi o alimenti possono interagire con l'effetto di Briofil?


Non sono note interazioni con bamifillina, tenere comunque presenti quelle note per la teofillina.

Eritromicina, TAO, lincomicina, clindamicina, allopurinolo, cimetidina, vaccino antinfluenzale, propanololo possono aumentare i tassi sierici di teofillina; fenitoina, altri anticonvulsivanti ed il fumo di sigaretta possono diminuire i tassi sierici di teofillina.

Il prodotto non dovrebbe essere somministrato contemporaneamente ad altri preparati xantinici.

Occorre usare cautela nel caso di associazione con efedrina o altri simpatico-mimetici broncodilatatori.


POSOLOGIA E MODO DI SOMMINISTRAZIONE


Come si usa Briofil? Dosi e modo d'uso


Adulti

Per via orale: generalmente un confetto da 600 mg o una compressa rivestita da 900 mg al mattino ed alla sera prima dei pasti.

Bambini

Di età inferiore ai 2 anni: mezza supposta pediatrica per 2 volte al giorno.

Di età superiore ai 2 anni: 1 supposta pediatrica 2 volte al giorno.

Evitare la somministrazione ad intervalli ravvicinati.


SOVRADOSAGGIO


Cosa fare se avete preso una dose eccessiva di Briofil?


Non essendoci alcun antidoto specifico, in caso di sovradosaggio, si deve ricorrere al trattamento sintomatico di collasso cardiovascolare.


EFFETTI INDESIDERATI


Quali sono gli effetti collaterali di Briofil?


In qualche raro caso sono stati segnalati cefalea e gastralgia.

Dosi superiori a quelle terapeutiche possono indurre la comparsa di nausea e di fini tremori distali che scompaiono con la riduzione della posologia.

Sono anche state segnalate reazioni allergiche quali orticaria, prurito, rash, dermatite.


GRAVIDANZA E ALLATTAMENTO


E' possibile prendere Briofil durante la gravidanza e l'allattamento?


Le ricerche sul ciclo riproduttivo hanno evidenziato che la bamifillina cloridrato non influenza la fertilità, la gestazione, l'allattamento e lo sviluppo embrio-fetale. Si consiglia comunque, per norma precauzionale, di evitare la somministrazione nei primi mesi di gravidanza.

Con l'impiego di bamifillina somministrata in gravidanza non si sono mai osservati casi di tossicità neonatale. Per precauzione comunque se ne sconsiglia l'impiego negli ultimi giorni di gravidanza e durante l'allattamento.


GUIDA DI VEICOLI E USO DI MACCHINARI


Effetti di Briofil sulla capacità di guidare veicoli e sull'uso di macchinari


Nessuno.


PRINCIPIO ATTIVO


Compresse rivestite con film: Bamifillina cloridrato mg 600

Supposte: Bamifillina cloridrato mg 250

Compresse: Bamifillina cloridrato mg 900


ECCIPIENTI


Compresse rivestite con film: Idrossipropilcellulosa, talco, magnesio stearato, lacca protettiva polimetacrilica, idrossipropilmetilcellulosa (Methocel E5 Premium), titanio biossido E 171, polietilenglicole 6000, sodio saccarinato, vanillina

Supposte: Gliceridi semisintetici solidi

Compresse: metilcellulosa, idrossipropilmetilcellulosa, polietilenglicole, magnesio stearato, polimeri metacrilici, titanio biossido, saccarina sodica, vanillina.


SCADENZA E CONSERVAZIONE


Scadenza: 60 mesi

Nessuna


NATURA E CONTENUTO DEL CONTENITORE


Compresse rivestite con film 600 mg:

confezione interna: blisters in accoppiato PVC/Al;

confezione esterna: astuccio in cartoncino stampato;

confezione: astuccio di 30 compresse rivestite con film da 600 mg

Supposte pediatriche:

confezione interna: valve in PVC/PE;

confezione esterna: astuccio in cartoncino stampato;

confezione: astuccio di 10 supposte da 250 mg

Compresse:

n. 3 blisters in PVDC opaco termosaldato ad un foglio di alluminio, contenenti rispettivamente 10 compresse


PATOLOGIE CORRELATE



Data ultimo aggiornamento: 20/07/2021

Nota: Nel contenuto della scheda possono essere presenti dei riferimenti a paragrafi non riportati.

Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico

Tags:

Farmaci e integratori:

...e inoltre su Dica33:

Ultimi articoli
Hai la tosse? Un aiuto dalla malva
Apparato respiratorio
19 settembre 2021
Notizie e aggiornamenti
Hai la tosse? Un aiuto dalla malva
Asma, ruolo chiave dell’orologio biologico
Apparato respiratorio
15 settembre 2021
Notizie e aggiornamenti
Asma, ruolo chiave dell’orologio biologico
Rinite allergica, infettiva o vasomotoria: come gestirla?
Apparato respiratorio
01 maggio 2021
Notizie e aggiornamenti
Rinite allergica, infettiva o vasomotoria: come gestirla?