Brunizina 0,1% collirio 10 ml

16 luglio 2020
Farmaci - Brunizina

Brunizina 0,1% collirio 10 ml




Brunizina 0,1% collirio 10 ml è un farmaco a base di nafazolina cloridrato, appartenente al gruppo terapeutico Decongestionanti. E' commercializzato in Italia da Bruschettini S.r.l..


INDICE SCHEDA



INFORMAZIONI GENERALI


TITOLARE AIC:

Bruschettini S.r.l.

MARCHIO

Brunizina

CONFEZIONE

0,1% collirio 10 ml

FORMA FARMACEUTICA
collirio

ALTRE CONFEZIONI DI BRUNIZINA DISPONIBILI

PRINCIPIO ATTIVO
nafazolina cloridrato

GRUPPO TERAPEUTICO
Decongestionanti

CLASSE
C

RICETTA
medicinale di automedicazione

PREZZO
DISCR.


FOGLIETTO ILLUSTRATIVO (PDF)


SCARICA IL PDF DEL FOGLIETTO ILLUSTRATIVO (AIFA)

Foglietto illustrativo Brunizina (nafazolina cloridrato)

N.B. Alcuni PDF potrebbero non essere disponibili


INDICAZIONI TERAPEUTICHE


A cosa serve Brunizina (nafazolina cloridrato)? Perchè si usa?


Stati congestizi della congiuntiva, bruciore, prurito, irritazione oculare.





CONTROINDICAZIONI


Quando non dev'essere usato Brunizina (nafazolina cloridrato)


Ipersensibilità verso i componenti del prodotto. Non deve essere usato in soggetti con glaucoma ad angolo stretto o gravi malattie dell'occhio. Controindicato nei bambini al di sotto dei dieci anni.



AVVERTENZE E PRECAUZIONI D'USO


Cosa serve sapere prima di prendere Brunizina (nafazolina cloridrato)


Non superare le dosi consigliate. Il prodotto non deve essere impiegato per più di quattro giorni consecutivi; in caso contrario è possibile che si verifichino effetti indesiderati.

Dopo un breve periodo di trattamento, se l'irritazione dell'occhio persiste od aumenta, è opportuno interrompere l'uso del medicinale e consultare il medico.

Tenere il medicinale fuori dalla portata e dalla vista dei bambini.

Il prodotto, pur presentando uno scarso assorbimento sistemico, deve essere usato con cautela nei pazienti affetti da ipertensione, ipertiroidismo, disturbi cardiaci e diabete.


INTERAZIONI


Quali farmaci, principi attivi o alimenti possono interagire con l'effetto di Brunizina (nafazolina cloridrato)


Il prodotto va usato con cautela nei pazienti in corso di trattamento con farmaci antidepressivi.



POSOLOGIA E MODO DI SOMMINISTRAZIONE


Come si usa Brunizina (nafazolina cloridrato)? Dosi e modo d'uso


Instillare una o due gocce, due-tre volte al giorno, nel fornice congiuntivale inferiore.

Attenersi scrupolosamente alle dosi consigliate. Un dosaggio superiore del prodotto anche se assunto per via topica e per breve periodo di tempo può dar luogo ad effetti sistemici gravi


SOVRADOSAGGIO


Cosa fare se avete preso una dose eccessiva di Brunizina (nafazolina cloridrato)


Il prodotto, se accidentalmente ingerito o se impiegato per un lungo periodo a dosi eccessive, può determinare fenomeni tossici.



EFFETTI INDESIDERATI


Quali sono gli effetti collaterali di Brunizina (nafazolina cloridrato)


L'uso del prodotto può determinare talvolta dilatazione pupillare, effetti sistemici da assorbimento (ipertensione, disturbi cardiaci, iperglicemia), aumento della pressione endoculare in soggetti predisposti, nausea, cefalea. Raramente possono manifestarsi fenomeni di ipersensibilità.



GRAVIDANZA E ALLATTAMENTO


E' possibile prendere Brunizina (nafazolina cloridrato) durante la gravidanza e l'allattamento?


Non sono note controindicazioni.



GUIDA DI VEICOLI E USO DI MACCHINARI


Effetti di Brunizina (nafazolina cloridrato) sulla capacità di guidare veicoli e sull'uso di macchinari


Non sono noti.



PRINCIPIO ATTIVO


100 ml contengono.

Principi attivi:

Nafazolina cloridrato g 0,100.

Per gli eccipienti vedere paragrafo 6.1.


ECCIPIENTI


Sodio cloruro; p-ossibenzoici esteri; benzalconio cloruro; acqua depurata.



SCADENZA E CONSERVAZIONE


Scadenza: 60 mesi

Conservare a temperatura non superiore a 25° C.

Il prodotto non deve essere utilizzato oltre i 30 giorni dopo la prima apertura del contenitore.



NATURA E CONTENUTO DEL CONTENITORE


Flacone da ml 10 in politene, completo di contagocce e chiusura con tappo a vite sigillato.



PATOLOGIE CORRELATE



Data ultimo aggiornamento scheda: 14/05/2020

Nota: Nel contenuto della scheda possono essere presenti dei riferimenti a paragrafi non riportati.

Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico




Farmaci:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube