Calcio Carbonato e Vitamina D3 Stirling 1000 mg/880 UI 30 compresse masticabili

Ultimo aggiornamento: 02 marzo 2018
Farmaci - Calcio Carbonato e Vitamina D3 Stirling

Calcio Carbonato e Vitamina D3 Stirling 1000 mg/880 UI 30 compresse masticabili




INDICE SCHEDA



INFORMAZIONI GENERALI


AZIENDA

Stirling Anglian Pharmaceuticals Limited

MARCHIO

Calcio Carbonato e Vitamina D3 Stirling

CONFEZIONE

1000 mg/880 UI 30 compresse masticabili

PRINCIPIO ATTIVO
calcio carbonato + colecalciferolo

FORMA FARMACEUTICA
compressa masticabile

GRUPPO TERAPEUTICO
Integratori minerali, Antiacidi Calcio

CLASSE
A

RICETTA
medicinale soggetto a prescrizione medica

SCADENZA
24 mesi

PREZZO
4,23 €


INDICAZIONI TERAPEUTICHE



A cosa serve Calcio Carbonato e Vitamina D3 Stirling 1000 mg/880 UI 30 compresse masticabili

CALCIO CARBONATO E VITAMINA D3 STIRLING è indicato:

  • per la prevenzione e il trattamento della carenza di vitamina D e di calcio negli anziani
  • come integratore di vitamina D e calcio, in aggiunta al trattamento specifico per l'osteoporosi nei pazienti a rischio di carenza di vitamina D e calcio



CONTROINDICAZIONI



Quando non dev'essere usato Calcio Carbonato e Vitamina D3 Stirling 1000 mg/880 UI 30 compresse masticabili

  • Ipersensibilità al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti
  • Ipercalciuria e ipercalcemia e malattie e/o disturbi che provocano ipercalcemia e/o ipercalciuria (ad es. mieloma, metastasi ossee, iperparatiroidismo primario, immobilizzazione prolungata accompagnata da ipercalciuria e/o ipercalcemia)
  • Nefrolitiasi
  • Nefrocalcinosi
  • Ipervitaminosi D
  • Grave insufficienza renale

A causa dell'elevato contenuto di vitamina D, l'uso nei bambini o negli adolescenti non è indicato.




AVVERTENZE E PRECAUZIONI D'USO



Cosa serve sapere prima di prendere Calcio Carbonato e Vitamina D3 Stirling 1000 mg/880 UI 30 compresse masticabili

Durante il trattamento a lungo termine, i livelli sierici di calcio devono essere monitorati e la funzione renale deve essere tenuta sotto osservazione attraverso la misurazione della creatinina sierica. Il monitoraggio è particolarmente importante nei pazienti sottoposti a trattamento concomitante con glicosidi cardiaci o diuretici tiazidici e nei pazienti con elevata tendenza alla formazione di calcoli. In caso di ipercalcemia o segni di alterata funzionalità renale, se l'escrezione urinaria di calcio supera i 300 mg/24 ore (7,5 mmol/24 ore), si deve ridurre la dose o sospendere il trattamento.

La vitamina D deve essere utilizzata con cautela nei pazienti con alterata funzionalità renale e l'effetto sui livelli di calcio e fosfato deve essere monitorato. Deve essere tenuto in considerazione il rischio di calcificazione dei tessuti molli. Nei pazienti con grave insufficienza renale, la vitamina D sotto forma di colecalciferolo non è metabolizzata normalmente, pertanto devono essere utilizzate altre forme di vitamina D .

CALCIO CARBONATO E VITAMINA D3 STIRLING deve essere prescritto con cautela a pazienti affetti da sarcoidosi, a causa del rischio di aumento del metabolismo della vitamina D nella sua forma attiva. In tali pazienti deve essere monitorato il livello di calcio nel siero e nelle urine.

CALCIO CARBONATO E VITAMINA D3 STIRLING deve essere usato con cautela nei pazienti immobilizzati con osteoporosi, a causa dell'aumento del rischio di ipercalcemia.

Il contenuto di vitamina D (880 UI) in CALCIO CARBONATO E VITAMINA D3 STIRLING deve essere tenuto in considerazione quando si prescrivono altri medicinali contenenti vitamina D. Dosi supplementari di calcio o vitamina D devono essere assunte sotto stretto controllo medico. In tali casi, è necessario monitorare frequentemente i livelli sierici e l'escrezione urinaria di calcio.

La somministrazione concomitante con tetracicline o chinoloni non è di solito raccomandata o richiede cautela .

Questo medicinale contiene aspartame (E951), una fonte di fenilalanina che può essere nociva per i soggetti con fenilchetonuria. Contiene inoltre sorbitolo (E420), isomalto (E953) e saccarosio. I pazienti con rari problemi ereditari di intolleranza al fruttosio, malassorbimento del glucosio-galattosio o insufficienza di saccarasi-isomaltasi non devono assumere questo medicinale.


INTERAZIONI



Quali farmaci o principi attivi possono interagire con l'effetto di Calcio Carbonato e Vitamina D3 Stirling 1000 mg/880 UI 30 compresse masticabili

I diuretici tiazidici riducono l'escrezione urinaria di calcio. A causa dell'aumento del rischio di ipercalcemia, i livelli sierici di calcio devono essere tenuti sotto regolare osservazione durante l'uso concomitante di diuretici tiazidici.

I corticosteroidi sistemici riducono l'assorbimento del calcio. Inoltre, l'effetto della vitamina D può essere ridotto. Durante l'uso concomitante, può essere necessario aumentare la dose di CALCIO CARBONATO E VITAMINA D3 STIRLING.

Il trattamento concomitante con fenitoina o barbiturici può ridurre l'effetto della vitamina D, a causa dell'attivazione metabolica.

Il trattamento concomitante con resine a scambio ionico, quali colestiramina, o lassativi, quali olio di paraffina, può ridurre l'assorbimento gastrointestinale della vitamina D. Pertanto, si raccomanda il più lungo intervallo possibile tra le due assunzioni.

L'acido ossalico (presente negli spinaci e nel rabarbaro) e l'acido fitico (presente nei cereali integrali) possono inibire l'assorbimento del calcio attraverso la formazione di composti insolubili con gli ioni di calcio. Il paziente non deve assumere prodotti a base di calcio entro due ore dall'assunzione di cibi ad alto contenuto di acido ossalico e acido fitico.

Il calcio carbonato può interferire con l'assorbimento di preparati a base di tetracicline somministrati in concomitanza. Per questo motivo, i preparati a base di tetracicline devono essere somministrati almeno due ore prima o quattro-sei ore dopo l'assunzione orale di calcio.

L'ipercalcemia può aumentare la tossicità dei glicosidi cardiaci durante il trattamento con calcio e vitamina D. I pazienti devono essere monitorati riguardo a elettrocardiogramma (ECG) e livelli sierici di calcio.

In caso di uso concomitante di un bifosfonato o sodio fluoruro, tale preparato deve essere somministrato almeno tre ore prima dell'assunzione di CALCIO CARBONATO E VITAMINA D3 STIRLING data la possibile riduzione dell'assorbimento gastrointestinale.

L'efficacia di levotiroxina può essere ridotta dall'uso concomitante di calcio, a causa del minore assorbimento della levotiroxina. La somministrazione di calcio e levotiroxina deve avvenire con un intervallo di almeno quattro ore.

L'assorbimento degli antibiotici chinolonici può essere alterato in caso di somministrazione concomitante con calcio. Gli antibiotici chinolonici devono essere assunti due ore prima o sei ore dopo l'assunzione di calcio.


POSOLOGIA E MODO DI SOMMINISTRAZIONE



Come si usa Calcio Carbonato e Vitamina D3 Stirling 1000 mg/880 UI 30 compresse masticabili

Posologia

Adulti e anziani

1 compressa masticabile al giorno (corrispondente a 1.000 mg di calcio e 880 UI di vitamina D3).

Dosaggio nell'insufficienza epatica

Non è necessario un aggiustamento della dose.

Dosaggio nell'insufficienza renale

CALCIO CARBONATO E VITAMINA D3 STIRLING compresse masticabili non deve essere usato nei pazienti con grave insufficienza renale .

Posologia in gravidanza

Durante la gravidanza l'apporto giornaliero non deve superare 1.500 mg di calcio e 600 UI di vitamina D3. Pertanto, la dose giornaliera non deve superare mezza compressa .

Modo di somministrazione

Uso orale.

CALCIO CARBONATO E VITAMINA D3 STIRLING può essere assunto in qualunque momento, con o senza cibo. Le compresse masticabili devono essere masticate e inghiottite.

CALCIO CARBONATO E VITAMINA D3 STIRLING non è destinato all'uso nei bambini o negli adolescenti .



SOVRADOSAGGIO



Cosa fare se avete preso una dose eccessiva di Calcio Carbonato e Vitamina D3 Stirling 1000 mg/880 UI 30 compresse masticabili

Il sovradosaggio può portare a ipervitaminosi e ipercalcemia. I sintomi di ipercalcemia possono comprendere anoressia, sete, nausea, vomito, costipazione, dolore addominale, debolezza muscolare, affaticamento, disturbi mentali, polidipsia, poliuria, dolore osseo, nefrocalcinosi, calcoli renali e, in casi gravi, aritmie cardiache. L'ipercalcemia estrema può provocare coma e decesso. Livelli di calcio persistentemente elevati possono provocare danno renale irreversibile e calcificazione dei tessuti molli.

Trattamento dell'ipercalcemia: il trattamento con calcio e vitamina D deve essere interrotto. Deve essere interrotto anche il trattamento con diuretici tiazidici, litio, vitamina A, vitamina D e glicosidi cardiaci. Svuotamento gastrico in pazienti con stato di coscienza alterato. Reidratazione e, a seconda della gravità, trattamento isolato o combinato con diuretici dell'ansa, bifosfonati, calcitonina e corticosteroidi. Devono essere monitorati gli elettroliti sierici, la funzione renale e la diuresi. In casi gravi, devono essere tenuti sotto controllo l'ECG e la PVC.


EFFETTI INDESIDERATI



Quali sono gli effetti collaterali di Calcio Carbonato e Vitamina D3 Stirling 1000 mg/880 UI 30 compresse masticabili

La valutazione delle reazioni avverse si basa sulla seguente definizione di frequenza:

Molto comune: (≥1/10)

Comune: (≥1/100, <1/10)

Non comune: (≥1/1.000, <1/100)

Raro: (≥1/10.000, <1/1.000)

Molto raro: (<1/10.000)

Non nota: (la frequenza non può essere definita sulla base dei dati disponibili)

Disturbi del sistema immunitario

Non nota (la frequenza non può essere definita sulla base dei dati disponibili): reazioni di ipersensibilità, quali angioedema o edema laringeo.

Disturbi del metabolismo e della nutrizione

Non comune: ipercalcemia, ipercalciuria.

Patologie gastrointestinali

Raro: nausea, diarrea, dolore addominale, costipazione, flatulenza, distensione addominale.

Patologie della cute e del tessuto sottocutaneo

Raro: rash, prurito, orticaria.


CONSERVAZIONE



Per il contenitore delle compresse:

Tenere il contenitore delle compresse ben chiuso per proteggere il medicinale dall'umidità.

Per gli strip: questo medicinale non richiede alcuna condizione particolare di conservazione.


PATOLOGIE ASSOCIATE







Potrebbe interessarti
Malattia di Crohn: arriva un nuovo farmaco con effetto rapido e durevole
Stomaco e intestino
11 ottobre 2018
Notizie e aggiornamenti
Malattia di Crohn: arriva un nuovo farmaco con effetto rapido e durevole
Le noci aiutano il microbiota
Stomaco e intestino
11 agosto 2018
Notizie e aggiornamenti
Le noci aiutano il microbiota
Diarrea del viaggiatore, che fare
Stomaco e intestino
10 agosto 2018
Notizie e aggiornamenti
Diarrea del viaggiatore, che fare
L'esperto risponde