Dalacin-T 1% soluzione cutanea 30 ml

04 giugno 2020
Farmaci - Dalacin-T

Dalacin-T 1% soluzione cutanea 30 ml




Dalacin-T è un farmaco a base di clindamicina fosfato, appartenente al gruppo terapeutico Antiacne antibatterici. E' commercializzato in Italia da Pfizer S.r.l..


INDICE SCHEDA



INFORMAZIONI GENERALI


TITOLARE AIC:

Pfizer Italia S.r.l.

CONCESSIONARIO:

Pfizer S.r.l.

MARCHIO

Dalacin-T

CONFEZIONE

1% soluzione cutanea 30 ml

FORMA FARMACEUTICA
soluzione

ALTRE CONFEZIONI DI DALACIN-T DISPONIBILI

PRINCIPIO ATTIVO
clindamicina fosfato

GRUPPO TERAPEUTICO
Antiacne antibatterici

CLASSE
C

RICETTA
medicinale soggetto a prescrizione medica

PREZZO
19,20 €


FOGLIETTO ILLUSTRATIVO (PDF)


SCARICA IL PDF DEL FOGLIETTO ILLUSTRATIVO (AIFA)

Foglietto illustrativo Dalacin-T (clindamicina fosfato)

N.B. Alcuni PDF potrebbero non essere disponibili


INDICAZIONI TERAPEUTICHE


A cosa serve Dalacin-T (clindamicina fosfato)? Perchè si usa?


Trattamento dell'acne vulgaris.


CONTROINDICAZIONI


Quando non dev'essere usato Dalacin-T (clindamicina fosfato)


La clindamicina è controindicata nei soggetti che abbiano manifestato in precedenza ipersensibilità al principio attivo, alla lincomicina o ad uno qualsiasi degli eccipienti.

La clindamicina è controindicata nei soggetti che abbiano manifestato in precedenza colite legata all'uso di antibiotici.


AVVERTENZE E PRECAUZIONI D'USO


Cosa serve sapere prima di prendere Dalacin-T (clindamicina fosfato)


Evitare il contatto con gli occhi.

La somministrazione orale e parenterale di clindamicina, come la maggior parte degli altri antibiotici, è stata associata a diarrea grave e a colite pseudomembranosa (vedere paragrafo 4.8). Dopo applicazione topica di clindamicina, l'assorbimento dell'antibiotico avviene attraverso la superficie cutanea; il prodotto viene assorbito in quantità minima per via sistemica. Raramente sono state riportate diarrea e colite in seguito all'utilizzo di clindamicina per via topica. Pertanto, il medico deve essere avvertito della possibile comparsa di diarrea o colite associati all'utilizzo dell'antibiotico. In caso di diarrea consistente o prolungata nel tempo il medicinale deve essere interrotto e devono essere utilizzate appropriate procedure diagnostiche ed una corretta terapia.

Possono presentarsi diarrea, colite e colite pseudomembranosa fino ad alcune settimane dopo l'interruzione della terapia orale e parenterale con clindamicina.

L'uso, specie se prolungato, dei prodotti per uso topico può dare origine a fenomeni di sensibilizzazione. In tal caso interrompere il trattamento e consultare il medico per istituire un'idonea terapia.

DALACIN T soluzione cutanea contiene una base alcoolica che può causare, in caso di contatto, bruciore ed irritazione oculare, delle mucose e della cute abrasa. Nel caso di contatto accidentale con parti sensibili, quali occhi, mucose, pelle abrasa, lavare con abbondante acqua fresca.

Il prodotto ha un gusto sgradevole e pertanto occorre fare attenzione quando lo si applica intorno alla bocca.

Nella primissima infanzia il prodotto va somministrato solo nei casi di effettiva necessità, sotto il diretto controllo del medico.

Informazioni importanti su alcuni eccipienti

Dalacin soluzione cutanea e Dalacin gel contengono glicole propilenico che può causare irritazione cutanea.

Dalacin emulsione cutanea e Dalacin gel contengono metile para-idrossibenzoato che può causare reazioni allergiche (anche ritardate). Dalacin emulsione cutanea contiene anche alcool cetostearilico che può causare reazioni cutanee locali (ad es. dermatiti da contatto).


INTERAZIONI


Quali farmaci, principi attivi o alimenti possono interagire con l'effetto di Dalacin-T (clindamicina fosfato)


É stata riportata un'azione sinergica con il metronidazolo nei confronti del Bacteroides fragilis.

L'associazione con gentamicina può determinare occasionalmente un sinergismo e mai un antagonismo.

È stata dimostrata una reattività crociata fra clindamicina e lincomicina.

La clindamicina per via sistemica ha proprietà di bloccante neuromuscolare e può potenziare l'effetto di blocco neuromuscolare dei farmaci specifici per questa azione (per esempio: etere, tubocurarina, pancuronio); pertanto deve essere utilizzato con cautela nei pazienti che utilizzano questi medicinali.


POSOLOGIA E MODO DI SOMMINISTRAZIONE


Come si usa Dalacin-T (clindamicina fosfato)? Dosi e modo d'uso


Applicare uno strato sottile di prodotto due volte al giorno sull'area interessata.

Non è necessario massaggiare la cute. Sciacquare le mani dopo ogni applicazione.


SOVRADOSAGGIO


Cosa fare se avete preso una dose eccessiva di Dalacin-T (clindamicina fosfato)


Non essendo gli effetti indesiderati dose-correlati, il sovradosaggio è un problema raro, soprattutto se il farmaco viene somministrato secondo quanto indicato.

La clindamicina topica può essere assorbita in quantità sufficiente a produrre effetti sistemici.

In caso di sovradosaggio, effettuare un trattamento sintomatico e istituire una adeguata terapia di supporto secondo necessità.


GRAVIDANZA E ALLATTAMENTO


E' possibile prendere Dalacin-T (clindamicina fosfato) durante la gravidanza e l'allattamento?


Gravidanza

Gli studi sulla tossicità riproduttiva condotti su ratti e conigli a seguito di somministrazione per via orale e sottocutanea non hanno mostrato segni di compromissione della fertilità o di danni al feto causati dalla clindamicina, se non a dosi tali da indurre tossicità nella madre. Non sempre gli studi sulla riproduzione negli animali sono predittivi della risposta nella specie umana.

Negli studi clinici su donne in gravidanza, la somministrazione sistemica di clindamicina nel secondo e nel terzo trimestre non è risultata associata a un aumento della frequenza delle anomalie congenite.

Nel primo trimestre di gravidanza la clindamicina deve essere utilizzata solo se strettamente necessaria. Non esistono studi adeguati e ben controllati su donne nel primo trimestre di gravidanza.

Allattamento

Non è noto se la clindamicina dopo l'applicazione topica venga escreta nel latte materno. Tuttavia, la clindamicina somministrata per via orale e parenterale è stata rinvenuta nel latte materno. A causa dei potenziali effetti indesiderati nei lattanti, deve essere presa in considerazione l'interruzione dell'allattamento o l'interruzione del medicinale, in funzione dell'importanza del medicinale per la madre.

Come regola generale è consigliabile evitare la concomitanza tra allattamento e terapia, dal momento che molti farmaci vengono escreti nel latte materno.

Fertilità

Gli studi sulla fertilità nei ratti trattati con clindamicina per via orale non hanno mostrato effetti sulla fertilità o sulla capacità riproduttiva.


GUIDA DI VEICOLI E USO DI MACCHINARI


Effetti di Dalacin-T (clindamicina fosfato) sulla capacità di guidare veicoli e sull'uso di macchinari


La clindamicina non altera o altera in modo trascurabile la capacità di guidare veicoli e di usare macchinari.


PRINCIPIO ATTIVO


DALACIN T 1% soluzione cutanea

100 ml contengono: clindamicina fosfato 1,188 g (equivalenti a 1 g di clindamicina base).

Eccipienti con effetti noti: glicole propilenico.

DALACIN T 1% emulsione cutanea

100 g contengono: clindamicina fosfato 1,188 g (equivalenti a 1 g di clindamicina base).

Eccipienti con effetti noti: metile para-idrossibenzoato e alcool cetostearilico.

DALACIN T 1% gel

100 g di gel contengono: clindamicina fosfato 1,188 g (equivalenti a 1 g di clindamicina base).

Eccipienti con effetti noti: metile para-idrossibenzoato e glicole propilenico.

Per l'elenco completo degli eccipienti, vedere paragrafo 6.1.


ECCIPIENTI


Soluzione cutanea: glicole propilenico, alcool isopropilico, acqua deionizzata.

Emulsione cutanea: glicerina, alcool isostearilico, alcool cetostearilico, acido stearico, gliceril monostearato, sodio lauril sarcosinato, metile para-idrossibenzoato, acqua depurata.

Gel: allantoina, metile para-idrossibenzoato, glicole propilenico, polietilene glicole 400, carbomer 934P, acqua depurata.


SCADENZA E CONSERVAZIONE


Scadenza: 24 mesi

Gel e Soluzione cutanea: non conservare a temperatura superiore ai 25°C.


NATURA E CONTENUTO DEL CONTENITORE


Soluzione cutanea: flacone in HDPE con tappo applicatore.

Flacone da 30 ml di soluzione cutanea 1%.

Emulsione cutanea: flacone in politene con tappo in polipropilene.

Flacone da 30 ml di emulsione cutanea 1%.

Gel: Tubo laminato

1 tubo da 30 g di gel 1%.

È possibile che non tutte le confezioni siano commercializzate.


PATOLOGIE CORRELATE



Data ultimo aggiornamento scheda: 21/02/2020

Nota: Nel contenuto della scheda possono essere presenti dei riferimenti a paragrafi non riportati.

Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico




Farmaci:

Ultimi articoli
Lipomi: cosa sono e quando intervenire
21 febbraio 2020
Notizie e aggiornamenti
Lipomi: cosa sono e quando intervenire
Cisti sebacea: come si sviluppa, come si cura
19 febbraio 2020
Notizie e aggiornamenti
Cisti sebacea: come si sviluppa, come si cura
Psoriasi
03 ottobre 2019
Patologie mediche
Psoriasi
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube