Ikervis 1 mg/ml collirio, emulsione 30 contenitori monodose

Ultimo aggiornamento: 07 dicembre 2017
Farmaci - Ikervis

Ikervis 1 mg/ml collirio, emulsione 30 contenitori monodose




INDICE SCHEDA



INFORMAZIONI GENERALI


AZIENDA

Santen Italy S.r.l.

MARCHIO

Ikervis

CONFEZIONE

1 mg/ml collirio, emulsione 30 contenitori monodose

PRINCIPIO ATTIVO
ciclosporina

FORMA FARMACEUTICA
collirio

GRUPPO TERAPEUTICO
Oftalmologici

CLASSE
C

RICETTA
medicinali soggetti a prescrizione medica limitativa, vendibili al pubblico su prescrizione di centri ospedalieri o di specialisti (esclusivo uso di specialiti oculisti)

SCADENZA
36 mesi

PREZZO
242,00 €


INDICAZIONI TERAPEUTICHE



A cosa serve Ikervis 1 mg/ml collirio, emulsione 30 contenitori monodose

Trattamento della cheratite grave in pazienti adulti con sindrome dell'occhio secco non migliorata malgrado il trattamento con sostituti lacrimali .


CONTROINDICAZIONI



Quando non dev'essere usato Ikervis 1 mg/ml collirio, emulsione 30 contenitori monodose

Ipersensibilità al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti elencati al paragrafo (qui non riportato) 6.1.

Infezione oculare o perioculare attiva o sospetta.


AVVERTENZE E PRECAUZIONI D'USO



Cosa serve sapere prima di prendere Ikervis 1 mg/ml collirio, emulsione 30 contenitori monodose

IKERVIS non è stato studiato in pazienti con precedenti di herpes oculare e deve quindi essere usato con cautela in questi pazienti.

Lenti a contatto

I pazienti che indossano lenti a contatto non sono stati studiati. Si raccomanda un attento monitoraggio nei pazienti affetti da grave cheratite. Prima dell'instillazione del collirio, al momento di andare a dormire, le lenti a contatto devono essere rimosse; possono essere inserite nuovamente al momento del risveglio.

Terapie concomitanti

L'esperienza d'uso di IKERVIS nel trattamento di pazienti affetti da glaucoma è limitata. Occorre esercitare una certa cautela nel trattare questi pazienti con IKERVIS, soprattutto se in concomitanza vengono assunti beta bloccanti, che notoriamente riducono la secrezione lacrimale.

Effetti sul sistema immunitario

I medicinali che influiscono sul sistema immunitario, inclusa la ciclosporina, possono compromettere le difese dell'ospite contro infezioni e neoplasie.

La somministrazione concomitante di IKERVIS e colliri contenenti corticosteroidi potrebbe potenziare gli effetti di IKERVIS sul sistema immunitario .

Eccipiente:

IKERVIS contiene cetalconio cloruro, che può provocare irritazione oculare.


INTERAZIONI



Quali farmaci o principi attivi possono interagire con l'effetto di Ikervis 1 mg/ml collirio, emulsione 30 contenitori monodose

Non sono stati effettuati studi d'interazione con IKERVIS.

Associazione con altri medicinali che influenzano il sistema immunitario:

La somministrazione concomitante di IKERVIS e colliri contenenti corticosteroidi potrebbe potenziare gli effetti della ciclosporina sul sistema immunitario .


POSOLOGIA E MODO DI SOMMINISTRAZIONE



Come si usa Ikervis 1 mg/ml collirio, emulsione 30 contenitori monodose

Il trattamento con IKERVIS deve essere iniziato da un oculista o un operatore sanitario esperto in oftalmologia.

Posologia

Adulti

La dose raccomandata è una goccia di IKERVIS una volta al giorno da applicare nell'occhio o negli occhi interessati prima di andare a dormire.

La risposta al trattamento deve essere rivalutata almeno ogni 6 mesi.

Nel caso si salti una dose, il trattamento deve proseguire il giorno successivo come da programma. I pazienti vanno avvisati di non instillare più di una goccia nell'occhio o negli occhi interessati.

Pazienti anziani

La popolazione anziana è stata valutata negli studi clinici. Non è necessario attuare alcuna correzione del dosaggio.

Pazienti con insufficienza renale o epatica

L'effetto di IKERVIS non è stato studiato in pazienti con insufficienza renale o epatica. In queste popolazioni non sono tuttavia necessarie considerazioni particolari.

Popolazione pediatrica

Non esiste alcuna indicazione per un uso specifico di IKERVIS nei bambini e negli adolescenti di età inferiore a 18 anni nel trattamento della cheratite grave in pazienti con sindrome dell'occhio secco non migliorata malgrado il trattamento con sostituti lacrimali.

Modo di somministrazione

Uso oftalmico.

Precauzioni che devono essere prese prima della somministrazione del medicinale

Ricordare ai pazienti di lavarsi le mani prima dell'utilizzo.

Prima della somministrazione, il contenitore monodose deve essere agitato delicatamente.

Esclusivamente monouso. Ciascun contenitore monodose è sufficiente a trattare entrambi gli occhi. L'eventuale emulsione non utilizzata deve essere gettata immediatamente.

I pazienti devono essere istruiti a effettuare l'occlusione nasolacrimale e chiudere le palpebre per 2 minuti dopo l'instillazione, per ridurre l'assorbimento sistemico. Questo può risultare in una riduzione degli effetti indesiderati sistemici e in un aumento dell'attività locale .

Se si utilizza più di un medicinale oftalmico per uso topico, la somministrazione dei medicinali deve avvenire a distanza di almeno 15 minuti. IKERVIS deve essere somministrato per ultimo .


SOVRADOSAGGIO



Cosa fare se avete preso una dose eccessiva di Ikervis 1 mg/ml collirio, emulsione 30 contenitori monodose

È poco probabile che in seguito a somministrazione oculare si verifichi un sovradosaggio topico. Qualora si manifestasse un sovradosaggio con IKERVIS, il trattamento deve essere sintomatico e di supporto.


CONSERVAZIONE



Non congelare.

Dopo l'apertura dei sacchetti di alluminio, i contenitori monodose devono essere conservati nei sacchetti per proteggere il medicinale dalla luce e per evitarne l'evaporazione. Eventuali contenitori monodose aperti contenenti emulsione residua devono essere gettati immediatamente dopo l'uso.


PATOLOGIE ASSOCIATE







Potrebbe interessarti
Pertosse
Malattie infettive
10 settembre 2018
Patologie
Pertosse
Miopia: prevenire e correggere
Occhio e vista
07 settembre 2018
Notizie e aggiornamenti
Miopia: prevenire e correggere
Presbiopia
Occhio e vista
03 settembre 2018
Patologie
Presbiopia
L'esperto risponde