Iridina Due 0,5 mg/ml collirio soluzione 10 ml

29 marzo 2020

Farmaci - Iridina Due

Iridina Due 0,5 mg/ml collirio soluzione 10 ml




Iridina Due è un farmaco a base di nafazolina cloridrato, appartenente al gruppo terapeutico Decongestionanti. E' commercializzato in Italia da Montefarmaco OTC S.p.A..


INDICE SCHEDA



INFORMAZIONI GENERALI


TITOLARE AIC:

Montefarmaco OTC S.p.A.

MARCHIO

Iridina Due

CONFEZIONE

0,5 mg/ml collirio soluzione 10 ml

FORMA FARMACEUTICA
collirio

ALTRE CONFEZIONI DI IRIDINA DUE DISPONIBILI

PRINCIPIO ATTIVO
nafazolina cloridrato

GRUPPO TERAPEUTICO
Decongestionanti

CLASSE
C

RICETTA
medicinale di automedicazione

PREZZO
DISCR.


FOGLIETTO ILLUSTRATIVO (PDF)


SCARICA IL PDF DEL FOGLIETTO ILLUSTRATIVO (AIFA)

Foglietto illustrativo Iridina Due (nafazolina cloridrato)

N.B. Alcuni PDF potrebbero non essere disponibili


INDICAZIONI TERAPEUTICHE


A cosa serve Iridina Due (nafazolina cloridrato)? Perchè si usa?


Irritazione, bruciori, arrossamento dell'occhio, con eccessiva lacrimazione, e sensibilità alla luce.


CONTROINDICAZIONI


Quando non dev'essere usato Iridina Due (nafazolina cloridrato)


Ipersensibilità al principio attivo o altre sostanze strettamente correlate dal punto di vista chimico (in particolare xilometazolina, oximetazolina, tetrizolina) o ad uno qualsiasi degli eccipienti.

Il prodotto non deve essere usato in pazienti affetti da glaucoma o con altre malattie dell'occhio.

Controindicato nei bambini al di sotto dei dodici anni.

Contemporaneo trattamento con farmaci inibitori delle monoaminossidasi (vedere paragrafo 4.5).


AVVERTENZE E PRECAUZIONI D'USO


Cosa serve sapere prima di prendere Iridina Due (nafazolina cloridrato)


In caso del persistere o aggravarsi dei sintomi dopo beve periodo di trattamento, consultare il medico, in ogni caso, il prodotto non deve essere impiegato per più di 4 giorni consecutivi.

Se si ha la comparsa di effetti indesiderati in un periodo minore di 4 giorni si interrompe la terapia e si consulta il medico.

Il prodotto non risulta idoneo al trattamento di infezioni, pus, corpi estranei nell'occhio, danni meccanici, chimici e da calore. Tali condizioni richiedono l'attenzione del medico.

Il prodotto pur presentando uno scarso assorbimento sierico, deve essere usato con cautela nei pazienti affetti da ipertensione, ipertiroidismo, disturbi cardiaci, iperglicemia (Diabete) e asma bronchiale.

Poiché il prodotto, contiene Benzalconio Cloruro, durante il trattamento non devono essere indossate lenti a contatto morbide.

In caso di uso di lenti a contatto, queste devono essere rimosse prima dell'instillazione del collirio e possono essere riapplicate dopo 15 minuti.

Tenere fuori dalla portata dei bambini poichè l'ingestione accidentale può causare depressione delS.N.C. (sedazione spiccata ipotonia, coma ). In questi casi è semprenecessaria

un'immediata assistenza medica.


INTERAZIONI


Quali farmaci, principi attivi o alimenti possono interagire con l'effetto di Iridina Due (nafazolina cloridrato)


IRIDINA DUE non deve essere usato dai soggetti in trattamento con farmaci antidepressivi (IMAO) e nelle due settimane successive a tale trattamento poichè possono comparire severe crisi ipertensive.


POSOLOGIA E MODO DI SOMMINISTRAZIONE


Come si usa Iridina Due (nafazolina cloridrato)? Dosi e modo d'uso


Quando si avverte la sensazione di bruciore, spremere una o due gocce di collirio nell'angolo interno di ciascun occhio, inclinando all'indietro la testa.

Il prodotto non deve essere usato dopo 28 giorni dalla prima apertura.

Attenersi scrupolosamente alle dosi consigliate. Un dosaggio superiore del prodotto, anche se assunto per via topica e per breve periodo di tempo, può dar luogo ad effetti sistemici gravi.


SOVRADOSAGGIO


Cosa fare se avete preso una dose eccessiva di Iridina Due (nafazolina cloridrato)


In caso di sovradosaggio per accidentale somministrazione per os si possono avere manifestazioni di depressione a livello del sistema nervoso centrale con fenomeni di bradipnea, sensazione di freddo alla cute, sonnolenza, tachicardia, sudorazione, confusione mentale e coma. Se ciò accadesse: lavanda gastrica, sedazione con diazepam e misure di supporto generale.


EFFETTI INDESIDERATI


Quali sono gli effetti collaterali di Iridina Due (nafazolina cloridrato)


L'uso del prodotto può causare talvolta dilatazione pupillare, effetti sistemici da assorbimento (ipertensione, disturbi cardiaci, iperglicemia), aumento della pressione endooculare, nausea, cefalea. Raramente possono manifestarsi fenomeni di ipersensibilità. In tal caso occorre interrompere il trattamento e consultare il medico affinchè, ove necessario, possa essere istituita una terapia idonea.

Segnalazione delle reazioni avverse sospette

La segnalazione delle reazioni avverse sospette che si verificano dopo l'autorizzazione del medicinale è importante, in quanto permette un monitoraggio continuo del rapporto beneficio/rischio del medicinale. Agli operatori sanitari è richiesto di segnalare qualsiasi reazione avversa sospetta tramite il sistema nazionale di segnalazione all'indirizzo www.agenziafarmaco.gov.it/it/responsabili“.


GRAVIDANZA E ALLATTAMENTO


E' possibile prendere Iridina Due (nafazolina cloridrato) durante la gravidanza e l'allattamento?


In gravidanza e durante l'allattamento usare solo in caso di effettiva necessità, sotto il diretto controllo del medico.


GUIDA DI VEICOLI E USO DI MACCHINARI


Effetti di Iridina Due (nafazolina cloridrato) sulla capacità di guidare veicoli e sull'uso di macchinari


Il prodotto non interferisce sulla capacità di guidare nè sull'uso di macchine.


PRINCIPIO ATTIVO


1 ml di collirio, soluzione contiene 0,5 mg di nafazolina cloridrato

Eccipienti con effetti noti: Benzalconio cloruro

Per l'elenco completo degli eccipienti, vedere paragrafo 6.1


ECCIPIENTI


Sodio cloruro, Sodio diidrogeno fosfato diidrato, Sodio idrossido, Sodio Ialuronato, Benzalconio Cloruro, Acqua distillata di Hamamelis, Acqua distillata di Camomilla, Acqua depurata


SCADENZA E CONSERVAZIONE


Scadenza: 60 mesi

Questo medicinale non richiede alcuna speciale condizione di conservazione.

Il periodo di validità dopo prima apertura del flacone è di 28 giorni.


NATURA E CONTENUTO DEL CONTENITORE


Flacone in polietilene bassa densità, munito di piolo contagocce in LDPE, con capsula di chiusura in polipropilene e anello tamper-evident, inserito in astuccio in cartone.

Ogni flacone contiene 10 ml di collirio, soluzione.


PATOLOGIE CORRELATE



Data ultimo aggiornamento scheda: 16/11/2018

Nota: Nel contenuto della scheda possono essere presenti dei riferimenti a paragrafi non riportati.

Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico


Farmaci:


Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube