Krinuven 4 sacche Biofine di emulsione per infusione con elettroliti da 1477 ml

11 agosto 2020
Farmaci - Krinuven

Krinuven 4 sacche Biofine di emulsione per infusione con elettroliti da 1477 ml




Krinuven 4 sacche Biofine di emulsione per infusione con elettroliti da 1477 ml è un farmaco a base di poliaminoacidi + glucosio + trigliceridi purificati + elettroliti, appartenente al gruppo terapeutico Soluzioni nutrizionali parenterali. E' commercializzato in Italia da Fresenius Kabi Italia S.r.l..


INDICE SCHEDA



INFORMAZIONI GENERALI


TITOLARE AIC:

Fresenius Kabi Italia S.r.l.

MARCHIO

Krinuven

CONFEZIONE

4 sacche Biofine di emulsione per infusione con elettroliti da 1477 ml

FORMA FARMACEUTICA
emulsione

ALTRE CONFEZIONI DI KRINUVEN DISPONIBILI

PRINCIPIO ATTIVO
poliaminoacidi + glucosio + trigliceridi purificati + elettroliti

GRUPPO TERAPEUTICO
Soluzioni nutrizionali parenterali

CLASSE
C

RICETTA
medicinale dispensabile al pubblico con ricetta med. lim. da rinnovare di volta in volta rilasciata da centri ospedalieri o da specialista internista, specialista in scienza dell'alimentazione e della nutrizione clinica

PREZZO
383,78 €


FOGLIETTO ILLUSTRATIVO (PDF)


SCARICA IL PDF DEL FOGLIETTO ILLUSTRATIVO (AIFA)

Foglietto illustrativo Krinuven (poliaminoacidi + glucosio + trigliceridi purificati + elettroliti)

N.B. Alcuni PDF potrebbero non essere disponibili


INDICAZIONI TERAPEUTICHE


A cosa serve Krinuven (poliaminoacidi + glucosio + trigliceridi purificati + elettroliti)? Perchè si usa?


nutrizione per via parenterale in pazienti adulti quando la nutrizione orale o enterale non è possibile, insufficiente o controindicata



CONTROINDICAZIONI


Quando non dev'essere usato Krinuven (poliaminoacidi + glucosio + trigliceridi purificati + elettroliti)


ipersensibilità alle proteine d'uovo, di soia o di arachide o ad uno qualsiasi dei principi attivi o degli eccipienti. Grave iperlipidemia. Grave insufficienza epatica. Gravi turbe della coagulazione del sangue. Anomalie congenite del metabolismo degli aminoacidi.Grave insufficienza renale senza possibilità di ricorso ad emofiltrazione o dialisi.Shock acuto. Iperglicemia che richiede più di 6 unità di insulina/ora. Livelli sierici patologicamente elevati di ognuno degli elettroliti presenti. Controindicazioni generali alla terapia infusionale: edema polmonare acuto, iperidratazione e insufficienza cardiaca scompensata. Disidratazione ipotonica. Sindrome emofagocitica.Condizioni instabili (ad es. gravi condizioni post-traumatiche, diabete scompensato, infarto miocardico acuto, acidosi metabolica, grave sepsi e coma iperosmolare)

INTERAZIONI


Quali farmaci, principi attivi o alimenti possono interagire con l'effetto di Krinuven (poliaminoacidi + glucosio + trigliceridi purificati + elettroliti)


alcuni prodotti medicinali, come l'insulina, possono interferire con il sistema lipasico. Ciò sembra essere di importanza clinica limitata. L'eparina somministrata a dosi cliniche causa un transitorio rilascio di lipoprotein-lipasi nel circolo. Questo fatto può portare inizialmente ad una aumentata lipolisi plasmatica seguita da una diminuzione transitoria della eliminazione dei trigliceridi. L'olio di semi di soia contiene trigliceridi strutturati purificati che posseggono un quantitativo naturale di vitamina K1. Tuttavia, la concentrazione in Krinuven è così bassa che non ci si aspetta un'influenza significativa sul processo emocoagulativo dei pazienti trattatati con derivati cumarinici

POSOLOGIA E MODO DI SOMMINISTRAZIONE


Come si usa Krinuven (poliaminoacidi + glucosio + trigliceridi purificati + elettroliti)? Dosi e modo d'uso


La capacità di eliminare i lipidi e di metabolizzare il glucosio deve indirizzare la posologia e la velocità di infusione. Vedere paragrafo 4.4 "Avvertenze speciali e precauzioni di impiego".
Dosaggio
La dose deve essere stabilita in modo individuale in base alle condizioni cliniche del paziente, al suo peso corporeo ed al fabbisogno nutrizionale.
L'uso di Krinuven non è raccomandato nei bambini, vedere paragrafo 4.4 " Avvertenze speciali e precauzioni di impiego ".
Il fabbisogno di azoto per il mantenimento della massa proteica corporea dipende dalle condizioni del paziente (ad es. stato nutrizionale e grado di stress catabolico). Il fabbisogno è di 0,10-0,15 g di azoto/kg/die in condizioni di nutrizione normale o con lieve stress metabolico. In pazienti con stress metabolico da medio a grave, con o senza malnutrizione, il fabbisogno è dell'ordine di 0,15-0,25 g di azoto/kg/die (0,9-1,6 g di aminoacidi/kg/die).
La dose compresa fra 0,10 e 0,25 g azoto/kg/die (0,6-1,6 g di aminoacidi/kg/die) soddisfa il bisogno della maggior parte dei pazienti e corrisponde a circa 13 ml - 31 ml di Krinuven/kg/die. Per un paziente di 70 kg di peso corporeo questo corrisponde a 910 ml - 2000 ml di Krinuven die. Il corrispondente fabbisogno comunemente accettato è di 2,0-6,0 g/kg/die per il glucosio e di 1,0-2,0 g/kg/die per i lipidi.
Il fabbisogno energetico totale dipende dalle condizioni cliniche del paziente e, molto spesso, varia da 20 a 30 kcal/kg/die. Nei pazienti obesi la dose deve essere calcolata in base al peso ideale stimato.
Krinuven è disponibile in tre confezioni destinate a pazienti con fabbisogno nutrizionale alto, moderatamente elevato, basale.
Per fornire una nutrizione parenterale totale oligoelementi e vitamine devono essere aggiunti a Krinuven.
Velocità di infusione
La velocità massima di infusione per il glucosio è di 0,25 g/kg/h, per gli aminoacidi di 0,1 g/kg/h e per i lipidi 0,15 g/kg/h.
La velocità di infusione non deve superare i 2,0 ml/kg/h (corrispondenti a 0,25 g di glucosio, 0,10 g di aminoacidi e 0,08 g di lipidi/kg/h). Il tempo raccomandato di infusione è di 14-24 ore.
Dose massima giornaliera
La dose massima giornaliera varia a seconda delle condizioni cliniche del paziente e può anche variare da giorno a giorno. La massima dose giornaliera raccomandata è di 30 ml/kg/die.
Modo e durata di somministrazione
Infusione endovenosa attraverso una vena centrale.


ECCIPIENTI


fosfolipidi purificati di uovo, glicerolo, sodio idrossido (regolatore di pH), acido acetico glaciale (regolatore di pH), acido cloridrico 1M (regolatore di pH), acqua p.p.i.

PATOLOGIE CORRELATE




Data ultimo aggiornamento scheda: 19/11/2019

Nota: Nel contenuto della scheda possono essere presenti dei riferimenti a paragrafi non riportati.

Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico




Farmaci:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube