Levotiroxina Aristo 50 mcg 50 compresse

05 luglio 2020
Farmaci - Levotiroxina Aristo

Levotiroxina Aristo 50 mcg 50 compresse




Levotiroxina Aristo 50 mcg 50 compresse è un farmaco a base di levotiroxina sodica, appartenente al gruppo terapeutico Ormoni tiroidei. E' commercializzato in Italia da Aristo Pharma Italy S.r.l..


INDICE SCHEDA



INFORMAZIONI GENERALI


TITOLARE AIC:

Aristo Pharma GmbH

CONCESSIONARIO:

Aristo Pharma Italy S.r.l.

MARCHIO

Levotiroxina Aristo

CONFEZIONE

50 mcg 50 compresse

FORMA FARMACEUTICA
compressa

ALTRE CONFEZIONI DI LEVOTIROXINA ARISTO DISPONIBILI

PRINCIPIO ATTIVO
levotiroxina sodica

GRUPPO TERAPEUTICO
Ormoni tiroidei

CLASSE
A

RICETTA
medicinale soggetto a prescrizione medica

PREZZO
1,78 €


FOGLIETTO ILLUSTRATIVO (PDF)


SCARICA IL PDF DEL FOGLIETTO ILLUSTRATIVO (AIFA)

Foglietto illustrativo Levotiroxina Aristo (levotiroxina sodica)

N.B. Alcuni PDF potrebbero non essere disponibili


INDICAZIONI TERAPEUTICHE


A cosa serve Levotiroxina Aristo (levotiroxina sodica)? Perchè si usa?


  • ipotiroidismo congenito nei neonati
  • ipotiroidismo acquisito nei bambini, negli adolescenti e negli adulti


CONTROINDICAZIONI


Quando non dev'essere usato Levotiroxina Aristo (levotiroxina sodica)


  • Ipersensibilità al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti
  • Ipertiroidismo non trattato, tireotossicosi non trattata
  • Insufficienza surrenale non trattata ed insufficienza pituitaria non trattata
  • Il trattamento con Levotiroxina Aristo non deve essere iniziato in caso di infarto del miocardio, miocardite acuta e pancardite acuta
  • In corso di gravidanza, l'assunzione concomitante di levotiroxina ed un farmaco antitiroideo è controindicata (vedere paragrafo 4.6)


AVVERTENZE E PRECAUZIONI D'USO


Cosa serve sapere prima di prendere Levotiroxina Aristo (levotiroxina sodica)


Gli ormoni tiroidei non devono essere somministrati per la riduzione del peso corporeo. Nei pazienti eutiroidei, le dosi normali non causano alcuna riduzione di peso. Dosi superiori possono causare effetti indesiderati seri o perfino pericolosi per la vita, come ipertiroidismo (vedere paragrafo 4.9).

Quando si passa da un altro prodotto a base di levotiroxina a questo prodotto, i valori di TSH e T4 devono essere misurati dopo 4-6 settimane. Si raccomanda un adeguamento della dose in base alla risposta clinica ed ai valori di laboratorio del paziente.

Si richiede attenzione nelle seguenti circostanze per mantenere l'equilibrio tiroideo, vale a dire:
  • Donne in gravidanza o che stanno programmando un concepimento (vedere paragrafo 4.6)
  • Ipotiroidismo, congenito o acquisito durante l'infanzia
  • Terapia soppressiva nei pazienti con carcinoma tiroideo pregresso, specialmente se deboli o anziani
  • Pazienti con ipotiroidismo centrale
  • Pazienti con sintomi cardiaci
  • Pazienti con diabete mellito o insipido, così come pazienti in terapia con anticoagulante (vedere paragrafo 4.5).
Prima di iniziare la terapia ormonale tiroidea, è necessario escludere o curare le seguenti patologie o condizioni:
  • Cardiopatia coronarica
  • Angina pectoris
  • Arteriosclerosi
  • Ipertensione
  • Insufficienza pituitaria e/o corticosurrenale
  • Autonomia tiroidea
Nell'ipotiroidismo secondario o panipopituitarismo, occorre stabilire se è presente anche un'insufficienza corticosurrenale. Il trattamento con levotiroxina in pazienti con insufficienza surrenalica può causare reazioni, tra cui vertigini, debolezza, malessere, perdita di peso, ipotensione e crisi surrenalica. In questi casi è consigliabile iniziare una terapia con corticosteroidi prima di prendere levotiroxina sodica.

Se si sospetta un'autonomia tiroidea, si raccomanda di effettuare un test del TSH o uno scintigramma di soppressione.

Nel caso di cardiopatia coronarica, insufficienza cardiaca, tachiaritmie, ipotiroidismo cronico o nei pazienti con una storia di infarto del miocardio, si devono assolutamente evitare medicinali che inducono ipotiroidismo, anche relativamente lieve. La dose iniziale e gli eventuali incrementi della dose devono essere scelti con cura, una dose iniziale troppo alta o un aumento troppo rapido possono causare o aggravare i sintomi di angina, aritmie, infarto miocardico, insufficienza cardiaca o aumento improvviso della pressione sanguigna. In questi pazienti deve essere eseguito un monitoraggio più frequente dei parametri dell'ormone tiroideo (vedere paragrafo 4.2).

Nei pazienti con sospetta malattia cardiovascolare o ad alto rischio, è importante eseguire un elettrocardiogramma prima dell'inizio del trattamento con levotiroxina al fine di rilevare cambiamenti consistenti con l'ischemia; in tal caso la levotiroxina deve essere iniziata a basse dosi, seguita da un aumento prudente della dose per evitare il peggioramento dell'ischemia o la manifestazione di un infarto.

La terapia a lungo termine con levotiroxina sodica è stata associata ad un aumento del riassorbimento osseo, riducendo così la densità minerale ossea. Quando si somministra la terapia a base di levotiroxina a donne in post-menopausa, che sono a maggior rischio di osteoporosi, è necessario monitorare più di frequente la funzione tiroidea per evitare livelli ematici superfisiologici di levotiroxina e il dosaggio di levotiroxina deve essere titolato al livello più basso possibile.

Prestare attenzione nella somministrazione di levotiroxina a pazienti con una storia nota di epilessia.

Crisi epilettiche sono state segnalate raramente in associazione all'instaurazione della terapia con levotiroxina sodica e possono essere correlate all'effetto dell'ormone tiroideo sulla soglia convulsiva.

Quando si inizia la terapia con levotiroxina in pazienti a rischio di disturbi psicotici, si raccomanda di iniziare con una dose bassa di levotiroxina e di aumentare lentamente il dosaggio all'inizio della terapia. Si consiglia il monitoraggio del paziente. Se si presentano segni di disturbi psicotici, deve essere preso in considerazione un aggiustamento della dose di levotiroxina.

I genitori di bambini che ricevono il farmaco tiroideo devono essere avvisati che nei primi mesi di terapia può verificarsi una perdita parziale dei capelli, ma tale effetto è generalmente transitorio e si risolve solitamente nella successiva ricrescita.

I pazienti con mixedema hanno una maggiore sensibilità agli ormoni tiroidei; in questi pazienti la dose iniziale deve essere bassa con incrementi lenti di dosaggio.

L'assorbimento di levotiroxina è ridotto nei pazienti con sindromi da malassorbimento. Si raccomanda di trattare la condizione di malassorbimento per garantire un trattamento efficace con levotiroxina ad una dose regolare di levotiroxina.


INTERAZIONI


Quali farmaci, principi attivi o alimenti possono interagire con l'effetto di Levotiroxina Aristo (levotiroxina sodica)


Interazioni che interessano altri farmaci

Derivati cumarinici

Levotiroxina può potenziare l'effetto dei derivati della cumarina grazie allo spiazzamento dai siti di legame delle proteine plasmatiche. Con il trattamento concomitante, è quindi necessario un monitoraggio regolare della coagulazione ematica e la posologia dell'anticoagulante deve essere aggiustata al bisogno (riduzione della dose).

Agenti antidiabetici

Levotiroxina può ridurre l'effetto ipoglicemizzante degli antidiabetici. I livelli di glucosio nel sangue devono pertanto essere monitorati regolarmente nei pazienti con diabete, particolarmente all'inizio della terapia ormonale tiroidea. La dose ipoglicemizzante deve essere adeguata al bisogno. L'abbassamento della dose di levotiroxina può causare ipoglicemia se la dose di insulina o di antidiabetici orali resta invariata.

Antidepressivi triciclici

Levotiroxina aumenta la sensibilità recettoriale alle catecolamine accelerando quindi la risposta agli antidepressivi triciclici (come amitriptilina, imipramina, dosulepina); l'uso concomitante può determinare aritmie cardiache.

Agenti simpaticomimetici

Gli effetti degli agenti simpaticomimetici (come adrenalina o fenilefrina) sono potenziati.

Preparati a base di digitale

Se la terapia a base di levotiroxina viene intrapresa in pazienti trattati con digitale, la dose di digitale può richiedere un aggiustamento. Con il procedere del trattamento, i pazienti ipertiroidei possono necessitare di un aumento graduale della dose di digossina, poichè inizialmente i pazienti sono relativamente sensibili alla digossina.

Fenitoina

La levotiroxina può aumentare i livelli di fenitoina.

Interazioni che interessano la levotiroxina

Propiltiouracile, glucocorticoidi, propranololo, litio, ioduro, agenti di contrasto orali e beta-bloccanti

Queste sostanze inibiscono la conversione di T4 in T3 e perciò riducono l'effetto terapeutico.

Amiodarone e mezzi di contrasto iodati

Dato l'elevato contenuto di iodio, possono dare luogo sia a ipertiroidismo sia a ipotiroidismo. È necessaria particolare cautela nei pazienti con gozzi nodulari con possibile autonomia non rilevata. Come conseguenza di questo effetto dell'amiodarone sulla funzionalità tiroidea, può essere necessario un aggiustamento della dose di levotiroxina.

Farmaci anti-infiammatori, furosemide, clofibrato

Levotiroxina può essere spiazzata dal legame con le proteine plasmatiche da salicilati, fenilbutazone, alte dosi (250 mg) di furosemide, clofibrato e altre sostanze. Questo comporta un aumento dei livelli plasmatici di tiroxina libera (fT4).

Anticonvulsivanti

Gli anticonvulsivanti, come carbamazepina e fenitoina, aumentano il metabolismo degli ormoni tiroidei e possono spiazzarli dalle proteine plasmatiche. L'inizio o la sospensione della terapia anticonvulsivante possono alterare il fabbisogno della dose di levotiroxina.

Sertralina, clorochina/proguanil

Queste sostanze riducono l'efficacia di levotiroxina ed aumentano il vello sierico di TSH.

Resine a scambio ionico

Colestiramina, calcio, alluminio, magnesio, integratori di ferro, polistirene solfonato, sucralfato, lantanio, sequestranti degli acidi biliari (ad esempio colestipolo), resine scambiatrici anioniche/cationiche (ad esempio Kayexalate, sevelamer), cimetidina e inibitori della pompa protonica diminuiscono l'assorbimento di levotiroxina. Separare il più possibile le dosi di levotiroxina e dei medicinali sopra citati, ovvero almeno 4-5 ore, per evitare l'interazione nello stomaco o nell'intestino tenue.

Medicinali che inducono gli enzimi

Barbiturici, rifampicina, primidone e altri prodotti medicinali con proprietà inducenti gli enzimi epatici possono aumentare le clearance epatica di levotiroxina.

Inibitori delle proteasi

Sono stati segnalati dei casi post-marketing che indicano una potenziale interazione tra prodotti contenenti ritonavir e levotiroxina. L'ormone tireostimolante (TSH) deve essere monitorato in pazienti trattati con levotiroxina almeno il primo mese dopo l'inizio e/o la fine del trattamento con ritonavir.

Metadone, 5-fluorouracile

Queste sostanze possono aumentare la concentrazione sierica di globulina legante la tiroxina e quindi aumentare il fabbisogno della dose di levotiroxina.

Inibitori della tirosin chinasi

Il trattamento con gli inibitori della tirosin chinasi (as esempio imatinib e sunitinib) è associato ad un aumentato fabbisogno della dose di levotiroxina nei pazienti ipotiroidei.

Contraccettivi a base di estrogeni, farmaci utilizzati nella terapia ormonale sostitutiva in post-menopausa

I quantitativi necessari di levotiroxina possono aumentare durante l'assunzione di contraccettivi a base di estrogeni o durante la terapia ormonale sostitutiva in post-menopausa.

Androgeno

Gli androgeni possono ridurre le concentrazioni sieriche di globuline leganti la levotiroxina.

Statine

I report indicano che alcuni inibitori della HMG-CoA reduttasi (statine), come la simvastatina e la lovastatina, possono aumentare il fabbisogno di ormoni tiroidei nei pazienti sottoposti a terapia con levotiroxina. Non è noto se questo si verifica con tutte le statine. Quando la levotiroxina e le statine sono co-prescritte, può essere necessario un attento monitoraggio della funzione tiroidea e adeguati aggiustamenti della dose di levotiroxina.

Farmaci anti-obesità (incluso orlistat)

I farmaci anti-obesità come orlistat possono ridurre l'assorbimento di levotiroxina e/o dei sali di iodio causando ipotiroidismo. Per evitare questo levotiroxina e agenti di riduzione del peso come orlistat devono essere somministrati almeno a 4 ore di distanza. È richiesto un monitoraggio regolare per i cambiamenti della funzione tiroidea.

Prodotti della soia e diete ricche di fibre

I derivati della soia e le diete ricche di fibre possono ridurre l'assorbimento intestinale di levotiroxina. Nei bambini, è stato segnalato un aumento dei livelli sierici di TSH durante la somministrazione di una dieta contenete prodotti della soia e di una terapia a base di levotiroxina per l'ipotiroidismo congenito. Per ottenere livelli sierici normali di T4 e TSH, può essere necessario l'impiego di dosi insolitamente elevate di levotiroxina. Durante una dieta contenente soia, e al termine della stessa, è necessario monitorare attentamente i livelli sierici di T4 e TSH; può rendersi necessario un aggiustamento della dose di levotiroxina.

Interazioni test di laboratorio

Un certo numero di farmaci può influenzare i test di funzionalità tiroidea e questo dovrebbe essere preso in considerazione quando si monitora un paziente in terapia con levotiroxina.

Sono state osservate false concentrazioni plasmatiche basse con un concomitante trattamento antinfiammatorio, con fenilbutazone o acido acetilsalicilico, e la terapia con levotiroxina. La somministrazione dell'acido acetilsalicilico insieme a levotiroxina determina un iniziale aumento transitorio della T4 sierica libera. La somministrazione continua porta a delle concentrazioni normali di T4 e TSH libere e, pertanto, i pazienti diventano clinicamente eutiroidei.


POSOLOGIA E MODO DI SOMMINISTRAZIONE


Come si usa Levotiroxina Aristo (levotiroxina sodica)? Dosi e modo d'uso


Posologia

Le informazioni sulla somministrazione servono come linee guida. La dose individuale quotidiana deve essere determinata attraverso test diagnostici di laboratorio ed esami clinici. Se rimane una funzionalità tiroidea residua, può essere sufficiente una dose sostitutiva più bassa. Dato che i livelli di T4 o fT4 possono essere aumentati in alcuni pazienti, per monitorare lo schema di terapia è più indicato determinare la concentrazione sierica di TSH.

Ipotiroidismo acquisito

Adulti

Inizialmente 25-50 microgrammi al giorno, regolati ad intervalli di 2-4 settimane da 25-50 microgrammi fino a quando il normale metabolismo viene mantenuto costantemente. La dose giornaliera finale può essere compresa tra 100 e 200 microgrammi.

In pazienti anziani, in pazienti affetti da cardiopatia coronarica ed in pazienti che presentano un ipotiroidismo grave o cronico, la terapia ormonale tiroidea deve essere instaurata con particolare attenzione, vale a dire scegliendo una bassa dose inziale (per esempio 12,5 microgrammi al giorno) e aumentandola lentamente ed a intervalli di tempo più lunghi (per esempio un incremento graduale di 12,5 microgrammi al giorno ogni due settimane), con un monitoraggio frequente degli ormoni tiroidei. L'esperienza ha dimostrato che una dose inferiore è sufficiente nei pazienti con peso corporeo ridotto.

Popolazione pediatrica

Per i bambini con ipotiroidismo acquisito, la dose iniziale raccomandata è di 12,5-50 microgrammi al giorno. La dose deve essere aumentata gradualmente ogni 2-4 settimane in relazione ai rilievi clinici e ai valori del TSH e degli ormoni tiroidei, fino al raggiungimento della dose sostituiva completa.

La dose di mantenimento è generalmente compresa tra 100 e 150 microgrammi per m2 di superficie corporea al giorno.

Ipotiroidismo congenito nei neonati

Per i neonati e i lattanti con ipotiroidismo congenito, nei quali è importante una sostituzione rapida, la dose iniziale raccomandata è compresa tra 10 e 15 microgrammi per kg di peso corporeo al girono, per i primi 3 mesi.

Successivamente, la dose deve essere regolata individualmente secondo i rilievi clinici ed i valori degli ormoni tiroidei e del TSH.

Modo di somministrazione

Le compresse devono essere assunte oralmente al mattino, a stomaco vuoto, almeno mezz'ora prima della colazione, preferibilmente con un po' di liquido (per esempio, mezzo bicchiere di acqua).

I lattanti ricevono la dose giornaliera totale almeno mezz'ora prima del primo pasto del giorno, preferibilmente con un po' di acqua per facilitare la deglutizione. Se necessario, la compressa può essere divisa.

Non è raccomandato che le compresse vengano frantumate e disperse in acqua o altri liquidi, il che potrebbe portare ad imprecisioni nella somministrazione.


SOVRADOSAGGIO


Cosa fare se avete preso una dose eccessiva di Levotiroxina Aristo (levotiroxina sodica)


Sintomi

Un aumento del livello di T3 è un segno più affidabile di sovradosaggio rispetto a livelli elevati di T4 o fT4.

Nella maggior parte dei casi non si manifesteranno sintomi clinici. I segni di un sovradosaggio possono includere: febbre, dolore toracico (angina), battito cardiaco accelerato o irregolare, crampi muscolari, mal di testa, irrequietezza, vampate di calore, sudorazione, diarrea, tremore, insonnia e iperpiressia. In pazienti predisposti sono stati segnalati casi isolati di convulsioni quando il limite di tolleranza della dose individuale è stato superato. Potrebbe esserci un aumento della tossicità nei pazienti con malattie cardiache preesistenti.

La comparsa di ipertiroidismo clinico può essere ritardata fino a cinque giorni.

Trattamento

Si raccomanda l'interruzione del trattamento e un esame di controllo, a seconda dell'estensione del sovradosaggio.

Somministrare carbone attivo orale se sono stati ingeriti più di 10 mg da un adulto o più di 5 mg da un bambino entro 1 ora. Se sono stati ingeriti più di 10 mg da un adulto o più di 5 mg da un bambino, prelevare il sangue 6-12 ore dopo l'ingestione per misurare la concentrazione di tiroxina libera. L'analisi non deve essere eseguita con urgenza, ma può attendere fino al primo giorno lavorativo successivo all'incidente. I pazienti con normali concentrazioni di tiroxina libera non necessitano di controllo. Quelli con alte concentrazioni dovrebbero essere sottoposti ad esame ambulatoriale 3-6 giorni dopo l'ingestione per rilevare l'ipertiroidismo ad insorgenza ritardata. Le caratteristiche dell'ipertiroidismo clinico dovrebbero essere controllate con beta-bloccanti, ad esempio propranololo.

Dopo dosi estreme la plasmaferesi può essere di aiuto.


GRAVIDANZA E ALLATTAMENTO


E' possibile prendere Levotiroxina Aristo (levotiroxina sodica) durante la gravidanza e l'allattamento?


Gravidanza

Il trattamento con levotiroxina deve essere praticato costantemente, specialmente durante la gravidanza.

Poiché gli aumenti di TSH sierico possono avvenire già dalla quarta settimana di gravidanza, le donne in gravidanza che assumono levotiroxina dovrebbero dosare il loro TSH in ogni trimestre, al fine di confermare che tali valori si trovino entro l'intervallo di riferimento specifico per quel trimestre di gravidanza. Un livello elevato di TSH sierico deve essere corretto con un aumento della dose di levotiroxina. Poiché i livelli post-parto di TSH sono simili ai valori pre-concezionali, il dosaggio di levotiroxina dovrebbe ritornare a quello precedente la gravidanza immediatamente dopo il parto. Il valore di TSH sierico deve essere controllato 6-8 settimane dopo il parto.

L'esperienza ha mostrato che non c'è evidenza di teratogenicità indotta da farmaco e/o tossicità per il feto nella specie umana ai dosaggi terapeutici raccomandati. L'ipo- o iperattività tiroidea nella madre può, tuttavia, influenzare negativamente l'esito o il benessere del feto. Livelli eccessivamente alti di levotiroxina durante la gravidanza possono avere un effetto negativo sullo sviluppo fetale e postnatale.

La terapia di associazione dell'ipertiroidismo con levotiroxina e agenti antitiroidei non è indicata in gravidanza (vedere paragrafo 4.3). Tale combinazione richiederebbe dosi più elevate di agenti antitiroidei, che sono noti per passare la placenta ed indurre ipotiroidismo nel bambino.

Allattamento

Il trattamento con levotiroxina deve essere somministrato costantemente durante l'allattamento. La levotiroxina viene secreta nel latte materno durante l'allattamento, ma le concentrazioni raggiunte a livello della dose terapeutica raccomandata, non sono sufficienti a causare lo sviluppo dell'ipertiroidismo o la soppressione della secrezione di TSH nel bambino. Tuttavia, potrebbe essere sufficiente intervenire con lo screening neonatale per l'ipotiroidismo.


GUIDA DI VEICOLI E USO DI MACCHINARI


Effetti di Levotiroxina Aristo (levotiroxina sodica) sulla capacità di guidare veicoli e sull'uso di macchinari


Levotiroxina Aristo non altera o altera in modo trascurabile la capacità di guidare veicoli e di usare macchinari.


PRINCIPIO ATTIVO


Ogni compressa di Levotiroxina Aristo da 25 microgrammi contiene 25 microgrammi di levotiroxina sodica anidra.

Ogni compressa di Levotiroxina Aristo da 50 microgrammi contiene 50 microgrammi di levotiroxina sodica anidra.

Ogni compressa di Levotiroxina Aristo da 100 microgrammi contiene 100 microgrammi di levotiroxina sodica anidra.

Ogni compressa di Levotiroxina Aristo da 200 microgrammi contiene 200 microgrammi di levotiroxina sodica anidra.

Per l'elenco completo degli eccipienti, vedere paragrafo 6.1.


ECCIPIENTI


  • Cellulosa microcristallina
  • Amido di mais
  • Ossido di magnesio pesante
  • Sodio amido glicolato (tipo A)
  • Magnesio stearato


NATURA E CONTENUTO DEL CONTENITORE


Le compresse sono confezionate in blister in PVC/Alluminio in confezioni da 15, 20, 30, 50, 60, 84 e 100 compresse.

È possibile che non tutte le confezioni siano commercializzate.


PATOLOGIE CORRELATE



Data ultimo aggiornamento scheda: 24/06/2020

Nota: Nel contenuto della scheda possono essere presenti dei riferimenti a paragrafi non riportati.

Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico




Farmaci:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube