Lipofene 100 mg 50 capsule

01 aprile 2020

Farmaci - Lipofene

Lipofene 100 mg 50 capsule




Lipofene è un farmaco a base di fenofibrato, appartenente al gruppo terapeutico Ipolipemizzanti. E' commercializzato in Italia da Teofarma.


INDICE SCHEDA



INFORMAZIONI GENERALI


TITOLARE AIC:

Teofarma

MARCHIO

Lipofene

CONFEZIONE

100 mg 50 capsule

FORMA FARMACEUTICA
capsula

PRINCIPIO ATTIVO
fenofibrato

GRUPPO TERAPEUTICO
Ipolipemizzanti

CLASSE
A

RICETTA
medicinale soggetto a prescrizione medica

PREZZO
4,84 €


FOGLIETTO ILLUSTRATIVO (PDF)


SCARICA IL PDF DEL FOGLIETTO ILLUSTRATIVO (AIFA)

Foglietto illustrativo Lipofene (fenofibrato)

N.B. Alcuni PDF potrebbero non essere disponibili


INDICAZIONI TERAPEUTICHE


A cosa serve Lipofene (fenofibrato)? Perchè si usa?


Lipofene è indicato in aggiunta alla dieta e ad un altri trattamenti non farmacologici (per es. esercizio fisico, riduzione del peso) per:
  • trattamento dell'ipertrigliceridemia grave con o senza bassi livelli di colesterolo HDL.
  • Iperlipidemia mista, quando una statina è controindicata o non tollerata.
  • Iperlipidemia mista nei pazienti ad alto rischio cardiovascolare, in aggiunta a una statina, quando i livelli di trigliceridi e di colesterolo HDL non sono adeguatamente controllati.


CONTROINDICAZIONI


Quando non dev'essere usato Lipofene (fenofibrato)


Ipersensibilità al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti. Insufficienza epatica o renale. Gravidanza e allattamento.


AVVERTENZE E PRECAUZIONI D'USO


Cosa serve sapere prima di prendere Lipofene (fenofibrato)


Qualsiasi trattamento farmacologico deve essere preceduto da opportune modifiche dietetiche e dello stile di vita. Usare cautela nel trattamento di soggetti con alterata funzione renale, poichè in questi casi è più elevato il rischio di miopatia. Da usare con cautela nei pazienti con un'anamnesi di epatopatia, calcolosi biliare o di ulcera peptica poichè quest'ultima potrebbe riattivarsi.

La combinazione di un fibrato con una statina aumenta il rischio di tossicità muscolare grave, in particolare rabdomiolisi.

Durante il trattamento devono essere effettuate periodiche determinazioni delle transaminasi ed altre prove di funzionalità epatica e della conta ematica. È consigliabile sospendere il trattamento se si riscontrano anormalità della funzione epatica. Analogamente il trattamento va sospeso se si sospetta miotossicità o se la concentrazione di creatinina chinasi aumenta in modo significativo.

Il prodotto contiene sodio bisolfito; tale sostanza raramente può causare gravi reazioni di ipersensibilità e broncospasmo.

Il medicinale contiene lattosio: i pazienti affetti da rari problemi ereditari di intolleranza al galattosio da deficit di lattasi, o da malassorbimento di glucosio/lattosio non devono assumere questo medicinale.


INTERAZIONI


Quali farmaci, principi attivi o alimenti possono interagire con l'effetto di Lipofene (fenofibrato)


Le seguenti associazioni richiedono precauzioni particolari o un aggiustamento del dosaggio:
  • farmaci ipolipemizzanti e statine: vi è un aumento del rischio di miopatia (vedere 4.4).    
  • ciclosporina: l'uso di fenofibrato aumenta il rischio di nefrotossicità.
  • anticoagulanti: aumento dell'effetto anticoagulante. La dose di questi ultimi dovrà essere inizialmente dimezzata ed aggiustata successivamente basandosi sul tempo di protrombina fino a che quest'ultimo risulti stabilizzato.
  • antidiabetici: i fibrati possono avere un effetto additivo per cui è necessario inizialmente una riduzione della dose di ipoglicemizzante orale o di insulina.


POSOLOGIA E MODO DI SOMMINISTRAZIONE


Come si usa Lipofene (fenofibrato)? Dosi e modo d'uso


Adulti

La dose raccomandata è di 100 mg tre volte al giorno ai pasti principali. La dose massima per le forme più gravi è di 500 mg al giorno.

Anziani

Non è generalmente necessaria una riduzione del dosaggio purché non vi sia una ridotta funzionalità renale.

Bambini

Non vi è una sufficiente informazione circa il dosaggio nei bambini.

La risposta al trattamento è generalmente rapida e si manifesta entro alcune settimane. In caso di risposta inadeguata dopo 3 mesi di trattamento, il trattamento con Lipofene deve essere sospeso.


SOVRADOSAGGIO


Cosa fare se avete preso una dose eccessiva di Lipofene (fenofibrato)


Non sono noti casi di sovradosaggio acuto. Non sono noti antidoti specifici e il trattamento deve essere sintomatico.


EFFETTI INDESIDERATI


Quali sono gli effetti collaterali di Lipofene (fenofibrato)


Gli effetti indesiderati si manifestano nel 2-4% dei casi e sono generalmente lievi e transitori e non interferiscono con il trattamento.
  • Disturbi del sangue e del sistema linfatico
leucopenia, eosinofilia, anemia, agranulocitosi
  • Disturbi del sistema nervoso
vertigini, cefalea, astenia, sonnolenza

Rari: astenia sessuale
  • Disturbi cardiaci
aritmie
  • Disturbi gastrointestinali
nausea, vomito, diarrea, dispepsia, flatulenze, dolori addominali
  • Disturbi epato-biliari
Aumento delle transaminasi, epatite, calcoli biliari
  • Disturbi cutanei e sottocutanei
eruzioni cutanee, reazioni orticarioidi, prurito, reazioni di fotosensibilità
  • Disturbi muscolo-scheletrici, connettivali ed ossei
crampi, mialgie, artralgie, miosite

Rari: rabdomiolisi
  • Disturbi renali ed urinari
disuria, oliguria, ematuria, proteinuria
  • Disturbi generali
Altri: polifagia con aumento di peso
  • Indagini diagnostiche
aumento della creatininemia, azotemia, creatinina chinasi

Casi isolati di pancreatite e pneumopatia interstiziale.


GRAVIDANZA E ALLATTAMENTO


E' possibile prendere Lipofene (fenofibrato) durante la gravidanza e l'allattamento?


A causa delle evidenze precliniche il farmaco è controindicato in gravidanza.

Non vi sono informazioni circa il passaggio del fenofibrato nel latte materno, per cui l'uso è da evitare in corso di allattamento.


GUIDA DI VEICOLI E USO DI MACCHINARI


Effetti di Lipofene (fenofibrato) sulla capacità di guidare veicoli e sull'uso di macchinari


Dal momento che il farmaco può occasionalmente provocare vertigini e sonnolenza, i pazienti devono essere informati che occorre una certa cautela nel fare uso di macchinare incluso la guida di veicoli.


PRINCIPIO ATTIVO


Una capsula contiene: Fenofibrato 100 mg

Per l'elenco completo degli eccipienti, vedere paragrafo 6.1


ECCIPIENTI


Lattosio, magnesio stearato. Componenti della capsula: titanio biossido (E171), sodio bisolfito, gelatina.


SCADENZA E CONSERVAZIONE


Scadenza: 36 mesi

Non conservare a temperatura non superiore a 25° C


NATURA E CONTENUTO DEL CONTENITORE


Astuccio da 50 capsule in blister di PVC/PVDC termosaldato con foglio di alluminio/PVDC.


Data ultimo aggiornamento scheda: 28/01/2020

Nota: Nel contenuto della scheda possono essere presenti dei riferimenti a paragrafi non riportati.

Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico


Farmaci:


Ultimi articoli
Vitamina D: un vademecum di AIFA
17 marzo 2020
Notizie e aggiornamenti
Vitamina D: un vademecum di AIFA
Antibiotico, sì o no?
16 gennaio 2020
Quiz e test della salute
Antibiotico, sì o no?
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube