Lorenil 600 mg 1 capsula vaginale

Ultimo aggiornamento: 26 marzo 2018

Farmaci - Foglietto illustrativo Lorenil

Lorenil 600 mg 1 capsula vaginale




INDICE SCHEDA



INFORMAZIONI GENERALI


TITOLARE AIC:

Effik Italia S.p.A.

MARCHIO

Lorenil

CONFEZIONE

600 mg 1 capsula vaginale

ALTRE CONFEZIONI DI LORENIL DISPONIBILI

PRINCIPIO ATTIVO
fenticonazolo nitrato

FORMA FARMACEUTICA
capsula

GRUPPO TERAPEUTICO
Antimicotici

CLASSE
C

RICETTA
medicinale non soggetto a prescrizione medica

SCADENZA
36 mesi

PREZZO
DISCR.

NATURA E CONTENUTO DEL CONTENITORE


3 capsule molli da 200 mg: in blister di PVC/PVDC e alluminio

1 capsula molle da 600 mg: in blister di PVC/PVDC e alluminio


FOGLIETTO ILLUSTRATIVO


SCARICA IL PDF DEL FOGLIETTO ILLUSTRATIVO (AIFA)

Foglietto illustrativo Lorenil


INDICAZIONI TERAPEUTICHE


A cosa serve Lorenil 600 mg 1 capsula vaginale

Candidiasi delle mucose genitali (vulvovaginiti, colpiti, fluor infettivo).


POSOLOGIA E MODO DI SOMMINISTRAZIONE


Come si usa Lorenil 600 mg 1 capsula vaginale

Capsule molli vaginali:1 capsula molle vaginale da 200 mg alla sera prima di coricarsi per 3 giorni o a seconda del giudizio del medico.

1 capsula molle vaginale da 600 mg la sera in somministrazione unica. In caso di persistenza della sintomatologia, dopo tre giorni può essere ripetuta una seconda somministrazione.

Le capsule molli vanno introdotte profondamente in vagina fino a livello dei fornici.


CONTROINDICAZIONI


Quando non dev'essere usato Lorenil 600 mg 1 capsula vaginale

Ipersensibilità al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti.


AVVERTENZE E PRECAUZIONI D'USO


Cosa serve sapere prima di prendere Lorenil 600 mg 1 capsula vaginale

L'uso, specie se prolungato, dei prodotti per uso topico, può dare origine a fenomeni di sensibilizzazione. Al momento dell'introduzione endovaginale si può riscontrare una modesta sensazione di bruciore che scompare rapidamente.


INTERAZIONI


Quali farmaci o principi attivi possono interagire con l'effetto di Lorenil 600 mg 1 capsula vaginale

Non note.


EFFETTI INDESIDERATI


Quali sono gli effetti collaterali di Lorenil 600 mg 1 capsula vaginale

Lorenil è generalmente ben tollerato sulle mucose; solo eccezionalmente sono state segnalate lievi e transitorie reazioni eritematose.

In caso di reazioni di ipersensibilità o di sviluppo di microrganismi resistenti, occorre interrompere il trattamento. Lorenil, nelle condizioni d'impiego consigliate, viene solo scarsamente assorbito, per cui possono escludersi ripercussioni di carattere sistemico.


SOVRADOSAGGIO


Cosa fare se avete preso una dose eccessiva di Lorenil 600 mg 1 capsula vaginale

Non sono stati riportati casi di sovradosaggio.


GRAVIDANZA E ALLATTAMENTO


Assumere Lorenil 600 mg 1 capsula vaginale durante la gravidanza e l'allattamento

Benchè l'assorbimento del medicinale sia scarso, l'uso di Lorenil durante la gravidanza e l'allattamento non è raccomandato tranne in casi particolari e dopo un'attenta valutazione del rapporto beneficio/rischio da parte del medico.


GUIDA DI VEICOLI E USO DI MACCHINARI


Effetti di Lorenil 600 mg 1 capsula vaginale sulla capacità di guidare veicoli e sull'uso di macchinari

Lorenil non altera la capacità di guidare e di usare macchinari.


CONSERVAZIONE


Questo medicinale non richiede alcuna condizione particolare di conservazione


PRINCIPIO ATTIVO


LORENIL 200 mg Capsule molli vaginali

Ogni capsula molle contiene: fenticonazolo nitrato 200 mg.

Per l'elenco completo degli eccipienti vedere paragrafo 6.1

LORENIL 600 mg Capsule molli vaginali

Ogni capsula molle contiene: fenticonazolo nitrato 600 mg.

Per l'elenco completo degli eccipienti vedere paragrafo 6.1.


ECCIPIENTI


Lorenil 600 mg 1 capsula vaginale contiene i seguenti eccipienti:

Capsule molli vaginali 200 mg:trigliceridi di acidi grassi saturi; silice colloidale anidra. Costituenti dell'involucro: gelatina; glicerolo; titanio diossido; sodio etilidrossibenzoato; sodio propilidrossibenzoato.

Capsule molli vaginali 600 mg:paraffina liquida; vaselina bianca; lecitina di soia; gelatina; glicerolo; titanio diossido; sodio etilidrossibenzoato; sodio propilidrossibenzoato.


PATOLOGIE ASSOCIATE







Ultimi articoli
L'esperto risponde