Meropenem Pfizer 1 g polvere per soluzione iniett. per uso ev 10 flaconcino

Ultimo aggiornamento: 12 gennaio 2018
Farmaci - Meropenem Pfizer

Meropenem Pfizer 1 g polvere per soluzione iniett. per uso ev 10 flaconcino




INDICE SCHEDA



INFORMAZIONI GENERALI


AZIENDA

Pfizer Italia S.r.l.

MARCHIO

Meropenem Pfizer

CONFEZIONE

1 g polvere per soluzione iniett. per uso ev 10 flaconcino

ALTRE CONFEZIONI DI MEROPENEM PFIZER DISPONIBILI

PRINCIPIO ATTIVO
meropenem triidrato

FORMA FARMACEUTICA
Polvere

GRUPPO TERAPEUTICO
Antibatterici cefalosporinici

CLASSE
H

RICETTA
medicinale soggetto a prescrizione medica limitativa, utilizzabile esclusivamente in ambiente ospedaliero o in struttura ad esso assimilabile - vietata la vendita al pubblico

SCADENZA
24 mesi

PREZZO
197,87 €


INDICAZIONI TERAPEUTICHE



A cosa serve Meropenem Pfizer 1 g polvere per soluzione iniett. per uso ev 10 flaconcino

Meropenem è indicato per il trattamento delle seguenti infezioni negli adulti e nei bambini sopra i 3 mesi d'età :

  • Polmonite, compresa polmonite acquisita in comunità e polmonite nosocomiale
  • Infezioni broncopolmonari nella fibrosi cistica
  • Infezioni complicate delle vie urinarie
  • Infezioni complicate intra-addominali
  • Infezioni intra e post-partum
  • Infezioni complicate della cute e dei tessuti molli
  • Meningite batterica acuta
Meropnem può essere usato nella gestione dei pazienti neutropenici con febbre di sospetta origine d'infezione batterica. È necessario consultare le linee guida ufficiali sull'uso appropriato degli agenti antibatterici.


CONTROINDICAZIONI



Quando non dev'essere usato Meropenem Pfizer 1 g polvere per soluzione iniett. per uso ev 10 flaconcino

Ipersensibilità al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti.

Ipersensibilità ad ogni altro agente antibatterico carbapenemico.

Grave ipersensibilità (ad es. reazioni anafilattiche, gravi reazioni cutanee) ad ogni altro tipo di agente antibatterico betalattamico (ad es. penicilline o cefalosporine).


AVVERTENZE E PRECAUZIONI D'USO



Cosa serve sapere prima di prendere Meropenem Pfizer 1 g polvere per soluzione iniett. per uso ev 10 flaconcino

La scelta di meropenem per trattare un singolo paziente deve tenere in considerazione l'appropriatezza d'impiego di un agente batterico carbapenemico basata su fattori quali la gravità dell'infezione, la prevalenza della resistenza ad altri agenti antibatterici appropriati e il rischio di selezione per i batteri carbapenemo-resistenti.

Come con tutti gli antibiotici beta-lattamici sono state riportate reazioni di ipersensibilità gravi e occasionalmente fatali .

I pazienti con anamnesi di ipersensibilità ai carbapenemi, alle penicilline o agli altri antibiotici beta-lattamici potrebbero essere ipersensibili anche a Meropenem. Prima di iniziare la terapia con meropenem, deve essere fatta una ricerca molto accurata relativa a precedenti reazioni d'ipersensibilità agli antibiotici beta-lattamici.

Se si verificasse una grave reazione allergica, il medicinale deve essere interrotto e prese opportune misure.

Sono state riportate coliti antibiotico-associate e coliti pseudomembranose con quasi tutti gli agenti antibatterici, incluso meropenem, e possono variare come gravità da moderata a pericolose per la vita. Di conseguenza, è importante tenere in considerazione questa diagnosi nei pazienti che presentano diarrea durante o in seguito a somministrazione di meropenem . L'interruzione della terapia con meropenem e la somministrazione di un trattamento specifico per il Clostridium difficile deve essere considerata.

Non devono essere somministrati prodotti medicinali che inibiscono la peristalsi.

Durante il trattamento con carbapenemici, compreso il meropenem, sono state riportate non frequentemente convulsioni, . Durante il trattamento con meropenem, la funzionalità epatica deve essere attentamente monitorata per il rischio di tossicità epatica (disfunzioni epatiche con colestasi e citolisi) .

Uso nei pazienti con epatopatie: i pazienti con malattie epatiche preesistenti richiedono un attento monitoraggio della funzionalità epatica durante il trattamento con meropenem. Non è necessario alcun aggiustamento della dose .

Può manifestarsi positività al test di Coombs diretto o indiretto durante il trattamento con meropenem.

L'uso concomitante di meropeneme acido valproico/sodio valproato non è raccomandato . Meropenem contiene sodio.

Meropenem Hospira 500 mg Polvere per soluzione o per infusione contiene circa 2,0 mEq di sodio per flaconcino; questo deve essere preso in considerazione dai pazienti con una dieta di sodio controllata.

Meropenem Hospira 1 g Polvere per soluzione o per infusione contiene circa 4,0 mEq di sodio per flaconcino; questo deve essere preso in considerazione dai pazienti con una dieta di sodio controllata.


INTERAZIONI



Quali farmaci o principi attivi possono interagire con l'effetto di Meropenem Pfizer 1 g polvere per soluzione iniett. per uso ev 10 flaconcino

Non sono stati effettuati studi specifici di interazione con altri prodotti medicinali, ad eccezione del probenecid. Probenecid compete con il meropenem nella secrezione tubulare attiva, inibendo così l'escrezione renale di meropenem con conseguente aumento della sua emivita di eliminazione e della concentrazione plasmatica. È richiesta cautela se probenecid è co-somministrato con meropenem.

Il potenziale effetto di meropenem sul legame proteico di altri prodotti medicinali o sul loro metabolismo non è stato studiato. Tuttavia, il legame proteico è così basso che non sono attese interazioni con altri composti sulla base di questo meccanismo.

È stata riportata diminuzione dei livelli di acido valproico nel sangue quando co-somministrato con agenti carbapenemici risultante in una riduzione dei livelli di acido valproico in circa due giorni del 60-100%. A causa del rapido inizio e dell'entità della diminuzione,la co-somministrazione di acido valproico con agenti carbapenemici non può essere considerata gestibile e pertanto deve essere evitata .

Anticoagulanti orali

La somministrazione contemporanea di antibiotici con warfarin può aumentare il suo effetto anticoagulante. Vi sono molte segnalazioni dell'aumento dell'effetto anticoagulante di anticoagulanti somministrati per via orale, incluso warfarin nei pazienti che ricevevano contemporaneamente agenti antibatterici. Il rischio può variare con un'infezione latente, l'età e lo stato generale del paziente, cosicché è difficile valutare il contributo dell'antibiotico all'aumento dell'INR (International Normalised Ratio). Si raccomanda di controllare frequentemente l'INR durante e subito dopo la somministrazione di antibiotici con un agente anticoagulante orale.


SOVRADOSAGGIO



Cosa fare se avete preso una dose eccessiva di Meropenem Pfizer 1 g polvere per soluzione iniett. per uso ev 10 flaconcino

Un relativo sovradosaggio può essere possibile nei pazienti con compromissione renale se la dose non è aggiustata come descritto nel paragrafo (qui non riportato) 4.2. La limitata esperienza post-marketing indica che, nel caso si verifichino reazioni avverse dopo sovradosaggio, queste rientrano nel profilo delle reazioni avverse descritte nel paragrafo 4.8 e sono generalmente di entità lieve e si risolvono sospendendo o riducendo la dose. Si deve considerare il trattamento sintomatico.

Nei soggetti con normale funzionalità renale, si avrà una rapida eliminazione renale. L'emodialisi è in grado di rimuovere meropenem e il suo metabolita.


CONSERVAZIONE



Questo medicinale non richiede alcuna condizione particolare di conservazione. Non congelare la soluzione ricostituita.


PATOLOGIE ASSOCIATE







Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     ESPERTO


Calcolo del peso ideale


Potrebbe interessarti
Aritmie. Cosa sono e come riconoscerle
Cuore circolazione e malattie del sangue
18 luglio 2018
Notizie e aggiornamenti
Aritmie. Cosa sono e come riconoscerle
Integratori efficaci nella riduzione del colesterolo
Cuore circolazione e malattie del sangue
27 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Integratori efficaci nella riduzione del colesterolo
Infarto. Riconoscerlo nelle donne
Cuore circolazione e malattie del sangue
13 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Infarto. Riconoscerlo nelle donne