Minocin 50 mg 16 capsule rigide

07 aprile 2020

Farmaci - Minocin

Minocin 50 mg 16 capsule rigide




Minocin è un farmaco a base di minociclina cloridrato, appartenente al gruppo terapeutico Antibatterici tetraciclinici. E' commercializzato in Italia da Teofarma.


INDICE SCHEDA



INFORMAZIONI GENERALI


TITOLARE AIC:

Teofarma

MARCHIO

Minocin

CONFEZIONE

50 mg 16 capsule rigide

FORMA FARMACEUTICA
capsula

ALTRE CONFEZIONI DI MINOCIN DISPONIBILI

PRINCIPIO ATTIVO
minociclina cloridrato

GRUPPO TERAPEUTICO
Antibatterici tetraciclinici

CLASSE
C

RICETTA
medicinale soggetto a prescrizione medica

PREZZO
8,31 €


FOGLIETTO ILLUSTRATIVO (PDF)


SCARICA IL PDF DEL FOGLIETTO ILLUSTRATIVO (AIFA)

Foglietto illustrativo Minocin (minociclina cloridrato)

N.B. Alcuni PDF potrebbero non essere disponibili


INDICAZIONI TERAPEUTICHE


A cosa serve Minocin (minociclina cloridrato)? Perchè si usa?


Il Minocin è una tetraciclina indicata nel trattamento di numerose infezioni causate da microrganismi gram-positivi e gram-negativi sensibili alla tetraciclina.

Queste infezioni comprendono:

Infezioni delle vie respiratorie: polmoniti (lobare o plurilobare), bronchiti, broncopolmoniti, bronchioliti, ascessi polmonari, laringotracheiti, tracheobronchiti.

Infezioni delle vie genito-urinarie: infezioni non complicate del tratto urinario, cistiti, prostatiti, uretriti gonococciche e non gonococciche, malattia infiammatoria pelvica.

Infezioni della cute e dei tessuti molli: ascessi, acne (compresi i tipi cistico e pustoloso), celluliti, dermatiti infette, follicoliti, foruncolosi, impetigine, linfoadeniti, idrosadeniti suppurative, paronichia, piodermiti, infezioni delle ferite.

Infezioni dell'orecchio, del naso e della gola: otiti medie ed esterne, riniti batteriche, sinusiti, tonsilliti, faringiti.

Infezioni oculari: congiuntiviti acute, dacriocistiti, orzaioli.

Inoltre le ricerche microbiologiche hanno dimostrato l'attività del Minocin nei riguardi delle seguenti patologie: difterite, eritrasma, polmonite da micoplasma, meningite (profilassi), salmonellosi (paratifo), dissenteria bacillare, actinomicosi, pustola maligna, infezioni puerperali, bartonellosi (malattia di Carrion), pertosse, febbre ricorrente, brucellosi, gangrena gassosa, granuloma inguinale (donovanosi) amebiasi intestinale acuta, tularemia, listeriosi, peste, tifo petecchiale, febbre Q, febbre delle Montagne rocciose, rickettsiosi vescicolare, febbre da morso di ratto, sifilide, infezioni di Vincent, framboesia, colera, linfogranuloma venereo, psittacosi e tracoma.





CONTROINDICAZIONI


Quando non dev'essere usato Minocin (minociclina cloridrato)


Ipersensibilità al principio attivo, ad altre tetracicline o ad uno qualsiasi degli eccipienti.Insufficienza renale grave.

Minocin non deve essere somministrato nei bambini al di sotto dei 12 anni, in gravidanza e allattamento (vedere par. 4.4 e 4.6).



AVVERTENZE E PRECAUZIONI D'USO


Cosa serve sapere prima di prendere Minocin (minociclina cloridrato)


Pazienti con disfunzione epatica: sono stati riscontrati casi di epatotossicità in seguito all'utilizzo di minociclina e altre tetracicline; pertanto Minocin va utilizzato con cautela in pazienti con disfunzione epatica e a dosi più basse. In caso di trattamento prolungato, può essere utile un monitoraggio periodico degli enzimi epatici. Se si manifestano sintomi che suggeriscono una disfunzione epatica, come ad esempio nausea inspiegabile, vomito, dolore addominale, affaticamento, anoressia e urine scure, devono essere controllati gli enzimi epatici. Se i livelli di ALT sono aumentati di 2 volte il limite superiore della norma o in caso di ittero, la terapia va sospesa.

Pigmentazione cutanea: L'uso di Minociclina e di altre tetracicline è associato alla pigmentazione della cute, unghie e di altri tessuti. Macchie blu-scure possono comparire in aree infiammate e cicatrizzate. Macchie grigio-blu o di iperpigmentazione possono comparire in aree di pelle normale. Macchie grigio-marrone possono insorgere in aree di pelle esposta al sole. In genere, la pigmentazione cutanea si risolve lentamente dopo la sospensione del farmaco.

Deposizione dentaria e ossea: le tetracicline possono depositarsi nei denti e nelle ossa nel periodo di formazione ed accrescimento, causare ipoplasia e un cambiamento della colorazione dentale (pigmentazione giallo-bruna); pertanto Minocin non deve essere somministrato nei bambini al di sotto dei 12 anni, in gravidanza e allattamento (vedere par. 4.6 e 4.3).

Reazioni di ipersensibilità: l'uso di Minocin, al pari di altre tetracicline, è stata associato a reazioni di ipersensibilità, quali dermatite esfoliativa, sindrome di Stevens-Johnson, epatiti e lupus eritematoso sistemico, particolarmente in pazienti che assumevano il farmaco a lungo termine per acne. Minocin deve essere sospeso alla prima comparsa di rash cutaneo, lesioni della mucosa o qualsiasi segno di ipersensibilità. Altre reazioni di ipersensibilità possono comprendere orticaria, angioedema, infiltrati polmonari, anafilassi, disturbi ematologici, pericardite, miocardite e vasculite.

Sono stati osservati effetti indesiderati a livello del sistema nervoso quali vertigini, stordimento, instabilità, ipoacusia e cefalea. Questi sintomi tendono in genere a scomparire nel corso del trattamento e rapidamente dopo sospensione. La comparsa di cefalea e disturbi visivi può indicare ipertensione endocranica benigna (“pseudotumor cerebri“) che richiede la pronta interruzione del trattamento.

I pazienti che si espongono alla luce diretta del sole devono essere avvertiti che possono avere una reazione eccessiva all'esposizione solare (fotosensibilità) durante l'uso di Minocin.

L'uso di tetracicline può causare la crescita eccessiva di germi non sensibili quali la Candida (candidasi orale, vulvovaginite, prurito anale) e batteri coliformi quali Psudomonas e Proteus che possono causare diarrea. Sono stati occasionalmente riportati casi gravi di enterolite e colite pseudomembranosa.

Le tetracicline possono aggravare la debolezza muscolare nei pazienti con miastenia gravis e provocare un peggioramento del lupus eritematoso sistemico.

Vi sono state segnalazioni di ulcera esofagea, in particolare dopo ingestione di capsule con poca acqua al momento di coricarsi. Pertanto Minocin deve essere preso con almeno un mezzo bicchiere di acqua in posizione eretta o seduta e almeno 1 ora prima di andare a letto.



INTERAZIONI


Quali farmaci, principi attivi o alimenti possono interagire con l'effetto di Minocin (minociclina cloridrato)


Gli antiacidi a base di sali di alluminio, calcio o magnesio, riducono l'assorbimento orale delle tetracicline, per cui è opportuno evitare l'assunzione contemporanea di Minocin e questi antiacidi.

I preparati a base di ferro possono ridurre l'assorbimento della minoclina.

Anche il latte e i latticini possono ridurre l'assorbimento delle tetracicline e vanno pertanto assunti con un adeguato intervallo.

Le tetracicline possono aumentare l'effetto degli anticoagulanti cumarinici per cui può essere necessario una riduzione della dose di questi ultimi.



POSOLOGIA E MODO DI SOMMINISTRAZIONE


Come si usa Minocin (minociclina cloridrato)? Dosi e modo d'uso


La posologia usuale del Minocin, minociclina, per gli adulti è di 200 mg inizialmente e di 100 mg ogni 12 ore successivamente. Nel trattamento dell'acne e della uretrite non gonococcica il Minocin va somministrato al dosaggio di 1 capsula da 50 mg ogni 12 ore o 1 capsula da 100 mg in unica somministrazione.

Per evitare irritazioni esofagee, assumere il farmaco con un' adeguata quantità d'acqua, in posizione eretta o seduta e almeno 1 ora prima di andare a letto.

Schemi posologici particolari:

In soggetti con insufficienza renale, poichè anche dosi normali delle tetracicline possono dare luogo ad accumulo in circolo con possibili danni epatici, il medico curante adatterà la posologia al grado di funzionalità renale, ricorrendo, se necessario, a controlli dei livelli ematici (che non dovrebbero mai superare 15 mcg/ml) e della funzionalità epatica.



SOVRADOSAGGIO


Cosa fare se avete preso una dose eccessiva di Minocin (minociclina cloridrato)


Non sono stati segnalati segni da sovradosaggio acuto. In caso di sovradosaggio istituire misure di supporto e un trattamento sintomatico.



EFFETTI INDESIDERATI


Quali sono gli effetti collaterali di Minocin (minociclina cloridrato)


Le reazioni avverse sono elencate per classe sistemica organica e per frequenza. Le frequenze sono definite come: comuni (≥1/100; <1/10), non comuni (≥1/1.000, <1/100); rari (≥1/10.000, <1/1.000); molto rari (<1/10.000) comprese segnalazioni isolate.

- Disturbi gastrointestinali:

comuni: Nausea, vomito, dispepsia, diarrea 

non comuni: stomatite, glossite, scoloramento dentale.

rari: enterocolite, esofagite

molto rari: pancreatite, colite pseudo-membranosa.

- Disturbi epatobiliari:

non comuni: aumento degli enzimi epatici

rari: epatite, ittero, colestasi

- Disturbi cutanei e annessi:

non comuni: rash, eritematoso e maculo-papulare, iperpigmentazione cute e unghie, fotosensibilità

rari: dermatite esfoliativa,

molto rari: Sindrome di Stevens Johnson, alopecia

- Disturbi del sistema nervoso:

comuni: capogiri, vertigini, tinnito

non comuni: cefalea, disturbi visivi, 

molto rari: ipertensione endocranica, ipoacusia

- Reazioni di ipersensibilità:

non comuni: angioedema, orticaria

rari: reazioni anafilattoidi/ anafilassi

- Infezioni:

rari: candidasi orale e anogenitale, vulvovaginite

- Disturbi del sistema muscolo-scheletrico e del tessuto connettivo e delle ossa:

non comuni: mialgie, altralgie

rari: lupus eritematoso sistemico, polimiosite

- Disturbi respiratori, toracici e del mediastino:

non comuni: dispnea, broncospasmo

rari: polmoniti

- Disturbi del sangue e sistema linfatico:

rari: leucopenia, neutropenia, trombocitopenia

molto rari: agranulocitosi, anemia emolitica, anemia aplastica,

- Disturbi renali ed urinari:

molto rari: nefrite, insufficienza renale

- Disturbi cardiovascolari:

rari: miocardite, pericardite, vasculiti



GRAVIDANZA E ALLATTAMENTO


E' possibile prendere Minocin (minociclina cloridrato) durante la gravidanza e l'allattamento?


La minociclina attraversa la barriera placentare. Come le altre tetracicline, la minociclina può ritardare lo sviluppo scheletrico embrio-fetale. Pertanto l'uso in gravidanza di questo farmaco è sconsigliato.

Se una paziente rimane incinta mentre assume Minocin, si consiglia la sospensione del trattamento.

La minociclina è escreta nel latte materno. Il trattamento con Minocin è sconsigliato nelle donne che devono allattare.



GUIDA DI VEICOLI E USO DI MACCHINARI


Effetti di Minocin (minociclina cloridrato) sulla capacità di guidare veicoli e sull'uso di macchinari


La minociclina non interferisce sulla capacità di guidare veicoli e sull'uso di macchinari.



PRINCIPIO ATTIVO


Minocin 100 mg capsule rigide

Una capsula contiene: Principio attivo: Minociclina cloridrato 108 mg (equivalente a 100 mg di minociclina)

Minocin 50 mg capsule rigide

Una capsula contiene: Principio attivo: Minociclina cloridrato 54 mg  (equivalente a 50 mg di minociclina)



ECCIPIENTI


Minocin 50 mg capsule rigide

Magnesio stearato, Amido, Eritrosina (E 127), Ossido di ferro giallo (E 172), Titanio diossido (E 171), Gelatina.

Minocin 100 mg capsule rigide

Magnesio stearato, Amido pregelatinizzato, Eritrosina (E 127), Indigotina (E 132), Titanio diossido (E 171), Gelatina.



SCADENZA E CONSERVAZIONE


Scadenza: 24 mesi

Conservare a temperatura non superiore a 25° C



NATURA E CONTENUTO DEL CONTENITORE


Minocin 100 mg capsule rigide

8 capsule rigide in blister

16 capsule rigide in blister

Minocin 50 mg capsule rigide

16 capsule rigide in blister   



PATOLOGIE CORRELATE




Data ultimo aggiornamento scheda: 22/11/2018

Nota: Nel contenuto della scheda possono essere presenti dei riferimenti a paragrafi non riportati.

Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico


Farmaci:


Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube