Omeprazen 40 mg polvere per soluzione per infusione 1 flaconcino

25 maggio 2020

Farmaci - Omeprazen

Omeprazen 40 mg polvere per soluzione per infusione 1 flaconcino




Omeprazen è un farmaco a base di omeprazolo sale sodico, appartenente al gruppo terapeutico Antiulcera. E' commercializzato in Italia da Malesci Istituto Farmacobiologico S.p.A..


INDICE SCHEDA



INFORMAZIONI GENERALI


TITOLARE AIC:

Malesci Istituto Farmacobiologico S.p.A.

MARCHIO

Omeprazen

CONFEZIONE

40 mg polvere per soluzione per infusione 1 flaconcino

FORMA FARMACEUTICA
Polvere

ALTRE CONFEZIONI DI OMEPRAZEN DISPONIBILI

PRINCIPIO ATTIVO
omeprazolo sale sodico

GRUPPO TERAPEUTICO
Antiulcera

CLASSE
H

RICETTA
medicinale soggetto a prescrizione medica limitativa, utilizzabile esclusivamente in ambiente ospedaliero o in struttura ad esso assimilabile - vietata la vendita al pubblico

PREZZO
8,58 €


FOGLIETTO ILLUSTRATIVO (PDF)


SCARICA IL PDF DEL FOGLIETTO ILLUSTRATIVO (AIFA)

Foglietto illustrativo Omeprazen (omeprazolo sale sodico)

N.B. Alcuni PDF potrebbero non essere disponibili


INDICAZIONI TERAPEUTICHE


A cosa serve Omeprazen (omeprazolo sale sodico)? Perchè si usa?


trattamento a breve termine di ulcere duodenali, ulcere gastriche ed esofagiti da reflusso e sindrome di Zollinger-Ellison quando la somministrazione orale non sia possibile (ad esempio in pazienti gravemente compromessi, in nutrizione parenterale, in caso di drenaggio con sondino gastrico, ecc.).



CONTROINDICAZIONI


Quando non dev'essere usato Omeprazen (omeprazolo sale sodico)


ipersensibilità al farmaco e ai suoi derivati. Non somministrare in età pediatrica.Gravidanza e allattamento (vedere Gravidanza e allattamento nel RCP).

INTERAZIONI


Quali farmaci, principi attivi o alimenti possono interagire con l'effetto di Omeprazen (omeprazolo sale sodico)


Influenza di omeprazolo nella farmacocinetica di altri farmaci: l'assorbimento di alcuni farmaci può essere modificato per la ridotta acidità intragastrica. L'assorbimento di ketoconazolo e itraconazolo può diminuire durante il trattamento con omeprazolo, così come durante il trattamento con altri inibitori della secrezione acida o antiacidi.Essendo omeprazolo metabolizzato a livello epatico attraverso il citocromo P450 2C19 (CYP2C19) possono essere prolungati i tempi di eliminazione di diazepam, fenitoina, warfarin (R-warfarin) e altri antagonisti della vitamina K che sono tutti in parte substrati per quest'enzima. Si raccomanda il monitoraggio dei pazienti in trattamento con fenitoina, in quanto può rendersi necessaria una riduzione della dose di questo farmaco.Tuttavia, il trattamento concomitante con Omeprazen alla dose di 20 mg/die non ha modificato la concentrazione ematica di fenitoina nei pazienti in terapia continua con questo farmaco. Nei pazienti in trattamento con warfarin o altri antagonisti della vitamina K è raccomandato il monitoraggio dei valori INR in quanto può rendersi necessaria una riduzione della dose di warfarin (o di altri antagonisti della vitamina K). Il trattamento concomitante con Omeprazen 20 mg/die non ha tuttavia modificato il tempo di coagulazione nei pazienti in terapia continua con warfarin. È stato osservato che la somministrazione concomitante di omeprazolo riduce i livelli plasmatici di atazanavir. La somministrazione concomitante di omeprazolo e tacrolimus può aumentare i livelli sierici di tacrolimus. La somministrazione concomitante di omeprazolo e voriconazolo, inibitore del CYP2C19 e del CYP3A4, determina un'esposizione più che raddoppiata di omeprazolo. Influenza di altri farmaci nella farmacocinetica di omeprazolo. Le concentrazioni plasmatiche di omeprazolo e claritromicina risultano aumentate durante la somministrazione concomitante dei due prodotti, ma non è stata osservata interazione con metronidazolo o amoxicillina. Questi antibiotici sono utilizzati insieme ad omeprazolo per l'eradicazione dell'Helicobacter pylori

POSOLOGIA E MODO DI SOMMINISTRAZIONE


Come si usa Omeprazen (omeprazolo sale sodico)? Dosi e modo d'uso


quando la somministrazione orale non sia possibile (ad esempio in pazienti gravemente compromessi, in nutrizione parenterale, in caso di drenaggio con sondino gastrico, ecc.) si raccomanda la somministrazione di Omeprazen mediante infusione. La durata del trattamento varia in relazione alla gravità dello stato clinico del paziente. Si consiglia la somministrazione, di norma, sino a 5-7 giorni, a giudizio del medico. Adulti: ulcera duodenale, ulcera gastrica ed esofagite da reflusso. Si consiglia una infusione della durata di 20-30 minuti di Omeprazen 40 mg una volta al giorno. Sindrome di Zollinger-Ellison: la posologia dovrà essere adattata individualmente. Se si rendesse necessario un aumento del dosaggio a 80 mg-120 mg, la dose giornaliera dovrà essere suddivisa in due o tre somministrazioni. Bambini: l'esperienza con Omeprazen per via endovenosa nei bambini è limitata. Anziani: nei pazienti anziani non è necessario modificare il dosaggio. Pazienti con disfunzioni renali: nei pazienti con ridotta funzionalità renale non sono necessari aggiustamenti di dosaggio. Pazienti con disfunzioni epatiche: nei pazienti con ridotta funzionalità epatica è in genere sufficiente la dose giornaliera di 10-20 mg in quanto l'emivita plasmatica di omeprazolo in questi pazienti è aumentata. Modo di somministrazione: la soluzione per infusione deve essere ricostituita risospendendo la sostanza liofilizzata contenuta nel flaconcino da 10 ml in 100 ml di soluzione fisiologica per infusione o di glucosio al 5% per infusione. L'infusione della soluzione ottenuta deve essere effettuata in 20-30 minuti. La soluzione deve comunque essere utilizzata entro 12 ore dalla ricostituzione con soluzione fisiologica ed entro 6 ore dalla ricostituzione con soluzione glucosata al 5%. Iniziare immediatamente l'infusione dopo la ricostituzione. Non devono essere usate altre soluzioni per infusione. Non miscelare o co-somministrare la soluzione ricostituita di omeprazolo con altri farmaci nello stesso dispositivo infusionale

ECCIPIENTI


sodio edetato, sodio idrossido

PATOLOGIE CORRELATE




Data ultimo aggiornamento scheda: 12/11/2019

Nota: Nel contenuto della scheda possono essere presenti dei riferimenti a paragrafi non riportati.

Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico


Farmaci:


Ultimi articoli
Colite ulcerosa
14 aprile 2020
Patologie mediche
Colite ulcerosa
Un batterio per amico
21 febbraio 2020
Quiz e test della salute
Un batterio per amico
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube