Ovison 1 mg/g soluzione cutanea 1 flacone da 100 ml

Ultimo aggiornamento: 17 dicembre 2018
Farmaci - Ovison

Ovison 1 mg/g soluzione cutanea 1 flacone da 100 ml




INDICE SCHEDA



INFORMAZIONI GENERALI


AZIENDA

Abiogen Pharma S.p.A.

MARCHIO

Ovison

CONFEZIONE

1 mg/g soluzione cutanea 1 flacone da 100 ml

ALTRE CONFEZIONI DI OVISON DISPONIBILI

PRINCIPIO ATTIVO
mometasone furoato

FORMA FARMACEUTICA
soluzione

GRUPPO TERAPEUTICO
Corticosteroidi

CLASSE
A

RICETTA
medicinale soggetto a prescrizione medica

SCADENZA
30 mesi

PREZZO
17,96 €


INDICAZIONI TERAPEUTICHE



A cosa serve Ovison 1 mg/g soluzione cutanea 1 flacone da 100 ml

OVISON è indicato per il trattamento sintomatico di patologie cutanee infiammatorie che rispondono a terapia topica con glucocorticoidi, come la dermatite atopica e la psoriasi (ad esclusione della psoriasi a placche diffusa).


CONTROINDICAZIONI



Quando non dev'essere usato Ovison 1 mg/g soluzione cutanea 1 flacone da 100 ml

Ipersensibilità al principio attivo, ad altri corticosteroidi o ad uno qualsiasi degli eccipienti elencati al paragrafo (qui non riportato) 6.1.

OVISON è controindicato nei pazienti con rosacea facciale, acne volgare, atrofia cutanea, dermatite periorale, prurito perianale e genitale, eruzioni da pannolino, infezioni batteriche (per es. impetigine), infezioni virali (per es. herpes simplex, herpes zoster e varicella) ed infezioni micotiche (per es. candidosi o dermatofitosi), tubercolosi, sifilide o reazioni post-vaccinali. OVISON non deve essere applicato sulle ferite o sulla cute ulcerata.


AVVERTENZE E PRECAUZIONI D'USO



Cosa serve sapere prima di prendere Ovison 1 mg/g soluzione cutanea 1 flacone da 100 ml

In caso di irritazione o sensibilizzazione con l'uso di OVISON, il trattamento deve essere sospeso e deve essere istituita una terapia adeguata.

OVISON soluzione cutanea contiene propilenglicole, che può causare irritazioni cutanee.

I glucocorticoidi possono alterare l'aspetto di alcune lesioni, rendendo difficile una diagnosi adeguata ed eventualmente rallentando il processo di guarigione.

Se si sviluppa un'infezione, è necessario ricorrere all'uso di un adeguato agente antibatterico o antimicotico. Se non si verifica una risposta alla terapia in tempi brevi, la somministrazione del corticosteroide deve essere sospesa fino a quando l'infezione non è sufficientemente sotto controllo.

Assorbimento sistemico

L'assorbimento sistemico di corticosteroidi topici può produrre una soppressione reversibile dell'asse ipotalamo-ipofisi-surrene (asse HPA), con la possibile instaurazione di un'insufficienza corticosurrenalica dopo la sospensione del trattamento. In alcuni pazienti, l'assorbimento sistemico di corticosteroidi topici può anche causare, durante il trattamento, la comparsa di una sintomatologia da sindrome di Cushing, iperglicemia e glicosuria. In caso di applicazione di steroidi topici su zone cutanee estese o su zone con medicazione occlusiva è necessario esaminare periodicamente i pazienti per verificare la presenza di un deficit dell'asse HPA.

La tossicità locale e sistemica è un evento comune, particolarmente in seguito a un uso prolungato e continuo su zone estese di cute lesionata, nelle pieghe cutanee e in caso di medicazioni occlusive con polietilene. Non devono essere utilizzate medicazioni occlusive per le applicazioni sul viso. In caso di applicazioni sul viso, la terapia deve essere limitata a 5 giorni. Deve essere evitato il trattamento prolungato e continuo in qualsiasi paziente, indipendentemente dall'età.

Psoriasi

L'uso di steroidi topici nella psoriasi può risultare rischioso per diverse ragioni, come il verificarsi di recidive da rimbalzo secondarie allo sviluppo di una tolleranza, il rischio di psoriasi pustolosa localizzata e lo sviluppo di tossicità locale o sistemica dovuta a un deterioramento della funzione di barriera propria della cute. Se il farmaco viene utilizzato per la psoriasi, è importante tenere sotto stretta osservazione il paziente.

Interruzione del trattamento

Come con tutti i glucocorticoidi topici potenti si deve evitare l'interruzione improvvisa del trattamento. Quando si interrompe un trattamento topico prolungato con glucocorticoidi potenti, si può verificare un fenomeno di “rimbalzo“, che assume la forma di una dermatite caratterizzata da intenso rossore, dolore pungente e bruciore. Queste manifestazioni possono essere prevenute riducendo il trattamento gradualmente, per esempio proseguendo la terapia in modo intermittente prima di sospenderla del tutto.

Disturbi visivi

OVISON non deve essere applicato sulle palpebre, onde evitare il rischio potenziale di glaucoma simplex o cataratta subcapsulare. OVISON preparazioni per via topica non sono destinati a un uso oftalmico.

Con l'uso di corticosteroidi sistemici e topici possono essere riferiti disturbi visivi. Se un paziente si presenta con sintomi come visione offuscata o altri disturbi visivi, è necessario considerare il rinvio a un oculista per la valutazione delle possibili cause che possono includere cataratta, glaucoma o malattie rare come la corioretinopatia sierosa centrale (CSCR), che sono state segnalate dopo l'uso di corticosteroidi sistemici e topici.

Popolazione pediatrica

Usare con cautela nei bambini. Gli effetti collaterali segnalati durante l'uso sistemico di corticosteroidi, inclusa l'inibizione della corteccia surrenale, possono verificarsi anche con l'uso locale, in particolar modo nei bambini. I bambini possono risultare più sensibili all'influenza dei glucocorticoidi topici sul sistema ipotalamo-ipofisi-surrene (asse HPA) e alla sindrome di Cushing rispetto agli adulti, in quanto la loro superficie cutanea è maggiore in relazione al peso corporeo. Il trattamento cronico con glucocorticoidi può avere ripercussioni sulla crescita e lo sviluppo dei bambini .

Non utilizzare medicazioni occlusive nel trattamento di pazienti in età pediatrica.

La sicurezza e l'efficacia del mometasone furoato nei pazienti pediatrici di età inferiore ai 2 anni non sono ancora state stabilite; pertanto, l'impiego di OVISON in questa fascia di età non è raccomandato.


INTERAZIONI



Quali farmaci o principi attivi possono interagire con l'effetto di Ovison 1 mg/g soluzione cutanea 1 flacone da 100 ml

Non sono stati effettuati studi d'interazione.


POSOLOGIA E MODO DI SOMMINISTRAZIONE



Come si usa Ovison 1 mg/g soluzione cutanea 1 flacone da 100 ml

Posologia

Adulti (inclusi anziani) e bambini (a partire dai 6 anni di età):

Applicare un sottile strato di OVISON una volta al giorno sulle zone cutanee interessate. La frequenza delle applicazioni va successivamente ridotta in modo graduale. Una volta ottenuto un miglioramento clinico, spesso è preferibile ricorrere a un corticosteroide meno potente.

OVISON soluzione cutanea è destinata al trattamento di lesioni cutanee del cuoio capelluto, ma può essere utilizzata anche in altre parti del corpo.

Come con tutti i glucocorticoidi topici di potenza elevata, OVISON non deve essere applicato sul viso, se non sotto stretto controllo medico.

OVISON non deve essere utilizzato per lunghi periodi di tempo (più di 3 settimane) o su zone estese (oltre il 20% della superficie corporea). Nei bambini, la superficie corporea da trattare non deve superare il 10%.

Popolazione pediatrica

Bambini al di sotto dei 6 anni:

OVISON è un glucocorticoide potente (gruppo III) e il suo impiego non è di solito raccomandato in bambini di età inferiore ai 6 anni, data la mancanza di dati rilevanti di sicurezza .

Modo di somministrazione

Uso topico


SOVRADOSAGGIO



Cosa fare se avete preso una dose eccessiva di Ovison 1 mg/g soluzione cutanea 1 flacone da 100 ml

Un uso eccessivamente prolungato di glucocorticoidi topici può sopprimere la funzione dell'asse HPA e dar luogo a un'insufficienza secondaria della corteccia surrenale. In caso di soppressione dell'asse HPA, è necessario ridurre il numero di applicazioni o sospendere il trattamento, osservando le cautele del caso in queste situazioni.

Il contenuto di steroidi in ciascun contenitore è così ridotto da comportare una tossicità minima o nulla nell'improbabile ipotesi di un'ingestione orale accidentale.


CONSERVAZIONE



Non conservare a temperatura superiore ai 30°C.


PATOLOGIE ASSOCIATE







Potrebbe interessarti
L'esperto risponde