Sodio Cloruro 0,9% + Potassio Cloruro 0,3% Monico 0,9% + 0,3% soluzione per infusione 1 sacca PP da 1000 ml

Ultimo aggiornamento: 22 gennaio 2018
Farmaci - Sodio Cloruro 0,9% + Potassio Cloruro 0,3% Monico

Sodio Cloruro 0,9% + Potassio Cloruro 0,3% Monico 0,9% + 0,3% soluzione per infusione 1 sacca PP da 1000 ml




INDICE SCHEDA



INFORMAZIONI GENERALI


AZIENDA

Monico S.p.A.

MARCHIO

Sodio Cloruro 0,9% + Potassio Cloruro 0,3% Monico

CONFEZIONE

0,9% + 0,3% soluzione per infusione 1 sacca PP da 1000 ml

ALTRE CONFEZIONI DI SODIO CLORURO 0,9% + POTASSIO CLORURO 0,3% MONICO DISPONIBILI

PRINCIPIO ATTIVO
sodio cloruro + potassio cloruro

FORMA FARMACEUTICA
preparazione iniettabile

GRUPPO TERAPEUTICO
Soluzioni endovena elettrolitiche

CLASSE
CN

RICETTA
medicinale soggetto a prescrizione medica limitativa, utilizzabile esclusivamente in ambiente ospedaliero o in struttura ad esso assimilabile - vietata la vendita al pubblico

SCADENZA
36 mesi

PREZZO
6,10 €


INDICAZIONI TERAPEUTICHE



A cosa serve Sodio Cloruro 0,9% + Potassio Cloruro 0,3% Monico 0,9% + 0,3% soluzione per infusione 1 sacca PP da 1000 ml

SODIO CLORURO CON POTASSIO CLORURO MONICO soluzione per infusione è utilizzato per la prevenzione e il trattamento della deplezione di potassio e/o ipopotassiemia in condizioni che comportano una perdita di sodio cloruro e acqua.


CONTROINDICAZIONI



Quando non dev'essere usato Sodio Cloruro 0,9% + Potassio Cloruro 0,3% Monico 0,9% + 0,3% soluzione per infusione 1 sacca PP da 1000 ml

  • Ipersensibilità al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti;
  • comprovata iperpotassiemia, ipercloremia, o ipernatremia;
  • grave insufficienza renale (con oliguria/anuria), epatica e surrenale;
  • insufficienza cardiaca scompensata;
  • morbo di Addison non trattato;
  • disidratazione acuta;
  • crampi da calore.



AVVERTENZE E PRECAUZIONI D'USO



Cosa serve sapere prima di prendere Sodio Cloruro 0,9% + Potassio Cloruro 0,3% Monico 0,9% + 0,3% soluzione per infusione 1 sacca PP da 1000 ml

SODIO CLORURO CON POTASSIO CLORURO MONICO è una soluzione per infusione endovenosa ipertonica con il sangue, avente una osmolarità teorica pari a:

  • 388 mOsm/l (SODIO CLORURO CON POTASSIO CLORURO MONICO 0,9% / 0,3%)
  • 468 mOsm/l (SODIO CLORURO CON POTASSIO CLORURO MONICO 0,9% / 0,6%)
  • 548 mOsm/l (SODIO CLORURO CON POTASSIO CLORURO MONICO 0,9% / 0,9%)
La somministrazione dovrebbe essere guidata attraverso elettrocardiogrammi seriati, soprattutto per dosaggi elevati o elevate velocità di infusione.

Durante la somministrazione è necessario verificare che il flusso urinario sia adeguato ed è essenziale monitorare accuratamente le concentrazioni plasmatiche del potassio, il bilancio dei fluidi, gli elettroliti e l'equilibrio acido-base.

I sali di potassio devono essere somministrati con considerevole cautela in pazienti con malattie cardiache .


INTERAZIONI



Quali farmaci o principi attivi possono interagire con l'effetto di Sodio Cloruro 0,9% + Potassio Cloruro 0,3% Monico 0,9% + 0,3% soluzione per infusione 1 sacca PP da 1000 ml

Le soluzioni che contengono potassio devono essere usate con cautela nei pazienti trattati con farmaci che incrementano le concentrazioni di potassio plasmatico (per esempio diuretici risparmiatori di potassio, ACE-inibitori, antagonisti dei recettori dell'angiotensina II, ciclosporina, tacrolimus e farmaci che contengono potassio).

I corticosteroidi sono associati con la ritenzione di sodio e acqua, con conseguente edema e ipertensione.


SOVRADOSAGGIO



Cosa fare se avete preso una dose eccessiva di Sodio Cloruro 0,9% + Potassio Cloruro 0,3% Monico 0,9% + 0,3% soluzione per infusione 1 sacca PP da 1000 ml

L'eccessiva somministrazione di potassio può portare allo sviluppo di iperpotassiemia, soprattutto nei pazienti con insufficienza renale. I sintomi includono parestesia delle estremità, debolezza muscolare, paralisi, aritmie cardiache, blocco cardiaco, arresto cardiaco e confusione mentale. Il trattamento dell'iperpotassiemia prevede la somministrazione di calcio, insulina o bicarbonato di sodio, e l'impiego di resine a scambio ionico o la dialisi.

La ritenzione eccessiva di sodio laddove sussista una difettosa escrezione di sodio a livello renale può causare la comparsa di edema polmonare o periferico.

L'eccessiva somministrazione di sali cloruro può causare la perdita di bicarbonato con un conseguente effetto acidificante.

In caso di eccessiva infusione accidentale, il trattamento dovrà essere sospeso ed il paziente dovrà essere tenuto sotto osservazione per valutare la comparsa di eventuali segni e sintomi correlabili al farmaco somministrato, garantendo al paziente le relative misure sintomatiche e di supporto a seconda della necessità.

Istituire una terapia correttiva per ridurre i livelli plasmatici di ioni e ristabilire, se necessario, l'equilibrio acido-base.


EFFETTI INDESIDERATI



Quali sono gli effetti collaterali di Sodio Cloruro 0,9% + Potassio Cloruro 0,3% Monico 0,9% + 0,3% soluzione per infusione 1 sacca PP da 1000 ml

Di seguito sono riportati gli effetti indesiderati di SODIO CLORURO CON POTASSIO CLORURO MONICO, organizzati secondo la classificazione organo-sistema MedDRA. Non sono disponibili dati sufficienti per stabilire la frequenza dei singoli effetti elencati. Reazioni avverse possono essere riconducibili alla tecnica di somministrazione.

Patologie gastrointestinali

Disturbi gastrointestinali.

Patologie del sistema nervoso

Disturbi neuromuscolari, parestesie, paralisi flaccide, debolezza, confusione mentale.

Patologie cardiache

Ipotensione, aritmie, disturbi della conduzione, scomparsa dell'onda P, allargamento del QRS nel tracciato elettrocardiografico, arresto cardiaco.

Disturbi dell'equilibrio idrico e elettrolitico

Ipervolemia.

Patologie sistemiche e condizioni relative alla sede di somministrazione

Risposte febbrili, infezioni nel sito di infusione, dolore o reazione locale, irritazione della vena, trombosi o flebite venosa che si estende dal sito di infusione, stravaso.

In caso di effetti indesiderati l'infusione deve essere sospesa.

Segnalazione delle reazioni avverse sospette

La segnalazione delle reazioni avverse sospette che si verificano dopo l'autorizzazione del medicinale è importante, in quanto permette un monitoraggio continuo del rapporto beneficio/rischio del medicinale. Agli operatori sanitari è richiesto di segnalare qualsiasi reazione avversa sospetta tramite il sistema nazionale di segnalazione all'indirizzo www.aifa.gov.it/content/segnalazioni-reazioni-avverse.


CONSERVAZIONE



Conservare nella confezione originale e nel contenitore ermeticamente chiuso. Non refrigerare o congelare.


PATOLOGIE ASSOCIATE







Potrebbe interessarti
Se mangi mediterraneo sei meno depresso
Alimentazione
16 ottobre 2018
Notizie e aggiornamenti
Se mangi mediterraneo sei meno depresso
Con la zucca previeni il diabete, l’ipertensione e dimagrisci
Alimentazione
13 ottobre 2018
Notizie e aggiornamenti
Con la zucca previeni il diabete, l’ipertensione e dimagrisci
Malattia di Crohn: arriva un nuovo farmaco con effetto rapido e durevole
Stomaco e intestino
11 ottobre 2018
Notizie e aggiornamenti
Malattia di Crohn: arriva un nuovo farmaco con effetto rapido e durevole
L'esperto risponde