Unifol 10 mg/ml emulsione iniettabile/infusione 5 flaconcinI 20 ml

Ultimo aggiornamento: 02 novembre 2016
Farmaci - Unifol

Unifol 10 mg/ml emulsione iniettabile/infusione 5 flaconcinI 20 ml




INDICE SCHEDA



INFORMAZIONI GENERALI


AZIENDA

Lombarda H S.r.l.

MARCHIO

Unifol

CONFEZIONE

10 mg/ml emulsione iniettabile/infusione 5 flaconcinI 20 ml

ALTRE CONFEZIONI DI UNIFOL DISPONIBILI

PRINCIPIO ATTIVO
propofol

FORMA FARMACEUTICA
emulsione

GRUPPO TERAPEUTICO
Anestetici generali

CLASSE
H

RICETTA
medicinale soggetto a prescrizione medica limitativa, utilizzabile esclusivamente in ambiente ospedaliero o in struttura ad esso assimilabile - vietata la vendita al pubblico

SCADENZA
24 mesi

PREZZO
23,48 €


INDICAZIONI TERAPEUTICHE



A cosa serve Unifol 10 mg/ml emulsione iniettabile/infusione 5 flaconcinI 20 ml

UNIFOL 10 mg/ml è un anestetico generale endovenoso ad azione rapida per:

  • induzione e mantenimento dell'anestesia generale
  • sedazione di pazienti ventilati in unità di terapia intensiva
  • sedazione per procedure diagnostiche e chirurgiche, da solo o in associazione con anestesia locale o regionale



CONTROINDICAZIONI



Quando non dev'essere usato Unifol 10 mg/ml emulsione iniettabile/infusione 5 flaconcinI 20 ml

UNIFOL 10 mg/ml non deve essere usato

  • in pazienti con una ipersensibilità al propofol o ad uno qualsiasi degli eccipienti oppure alle emulsioni grasse
  • in pazienti allergici alla soia o alle arachidi
  • in bambini di 16 anni di età o età inferiore, per sedazione in terapia intensiva
  • in bambini di età inferiore a 1 mese per l'induzione o il mantenimento dell'anestesia



AVVERTENZE E PRECAUZIONI D'USO



Cosa serve sapere prima di prendere Unifol 10 mg/ml emulsione iniettabile/infusione 5 flaconcinI 20 ml

Si deve prestare cautela in pazienti con problemi cardiaci, respiratori, renali o epatici o in pazienti che soffrono di ipovolemia, pazienti indeboliti o che soffrono di attacchi epilettici, ai quali UNIFOL 10 mg/ml deve essere somministrato a velocità bassa .

Se possibile devono essere compensate l'ipovolemia, l'insufficienza cardiaca, la circolazione cardiaca diminuita o la diminuita respirazione prima di somministrare UNIFOL 10 mg/ml.

Prima dell'anestesia di un paziente epilettico, si deve controllare che il paziente abbia ricevuto il trattamento antiepilettico. Sebbene parecchi studi abbiano dimostrato l'efficacia durante il trattamento dello stato epilettico, la somministrazione di propofol in pazienti epilettici può aumentare il rischio di una crisi epilettica.

UNIFOL 10 mg/ml deve essere somministrato con cautela in pazienti che sono stati sottoposti ainterventi in cui i movimenti involontari sono da evitare per es. in chirurgia oftalmica.

L'uso del propofol con l'elettroterapia convulsivante non è raccomandato.

In pazienti con grave insufficienza cardiaca si raccomanda di somministrare UNIFOL 10 mg/ml con particolare cautela e sotto intenso monitoraggio.

Il rischio di vagotonia relativa può essere aumentato perchè UNIFOL 10 mg/ml non ha attività vagolitica. Può essereutile la somministrazione per via endovenosa di un agente anticolinergico prima dell'induzione o durante il mantenimento dell'anestesia, soprattutto in situazioni dove è più probabile che predomini il tono vagale oppure quando UNIFOL 10 mg/ml viene utilizzato in associazione con altri agenti che possono provocare bradicardia.

La sicurezza e l'efficacia di UNIFOL 10 mg/ml per sedazione (di fondo) in pazienti al di sotto dei 16 anni di età non sono state dimostrate.

L'uso di UNIFOL 10 mg/ml per l'anestesia generale in bambini al di sotto di 1mese di età non è raccomandato.

Sebbene non sia stata stabilita alcuna reazione causale, sono stati segnalati effetti indesiderati gravi con sedazione (di fondo) in pazienti al di sotto di l6anni di età (inclusi casi con esito letale) durante un uso non autorizzato. In particolare questi effetti riguardavano il verificarsi di acidosi metabolica, iperlipidemia, rabdomiolisi e/o insufficienza cardiaca. Questi effetti sono stati rilevati molto frequentemente in bambini con infezioni del tratto respiratorio a cui sono state somministrate dosi superiori a quelle consigliate per gli adulti per la sedazione in unità di terapia intensiva.

Sono stati segnalati casi simili molto rari di acidosi metabolica, rabdomiolisi, iperkaliemia e/o insufficienza cardiaca rapidamente progressiva (in alcuni casi con esito letale) pazienti con gravi traumi alla testa con elevata pressione intracranica.

L'insufficienza cardiaca in tali casi solitamente non rispondeva a trattamento isotropo di supporto.

Si raccomanda ai prescrittori di non superare, se possibile, la dose di 4 mg/kg di peso corporeo. I medici prescrittori devono prestare attenzione a tali possibili effetti indesiderati e prendere in considerazione di ridurre la dose o di passare a un sedativo alternativo all'insorgenza dei primi sintomi. I pazienti con elevata pressione intracranica devono ricevere un appropriato trattamento a supporto della pressione di perfusione cerebrale durante queste modifiche del trattamento.

Si deve prestare attenzione a disturbi del metabolismo dei grassi o a malattie che richiedono un uso particolarmente restrittivo delle emulsioni lipidiche.

La somministrazione di UNIFOL 10 mg/ml per l'anestesia nei neonati e nei bambini fino a 3 anni di età necessità di maggior attenzione sebbene dati recenti mostrino che non ci sono chiare differenze di sicurezza -rispetto ai bambini maggiori di 3 anni.

In caso i pazienti ricevano nutrizione parenterale, è necessario considerare la quantità di lipidi in UNIFOL 10 mg/ml: 1,0 ml di UNIFOL contiene 0,1 grammi di lipidi.

I livelli di lipidi plasmatici devono essere monitorati dopo 3 giorni durante il trattamento nel reparto di terapia intensiva.

A causa delle dosi più elevate che generalmente devono essere somministrate nel caso di pazienti con grave sovrappeso, si deve considerare l'aumentato rischio di effetti indesiderati di tipo emodinamico.

Si deve procedere con particolare attenzione nel caso di pazienti con alta pressione intracranica e bassa pressione arteriosa, perchè vi è il rischio di una notevole riduzione della pressione di perfusione intracerebrale.

Non devono essere somministrate diluizioni con soluzioni di lidocaina nei pazienti con predisposizione ereditaria alla porfiria acuta.

In casi rari si può verificare un periodo di incoscienza postoperatoria accompagnata da un incremento del tono muscolare. Il verificarsi di tali eventi non è legato fatto che il paziente sia o non sia sveglio.

Sebbene lo stato di coscienza ritorni spontaneamente, il paziente non cosciente deve essere tenuto sotto stretta osservazione.

Prima della dimissione il paziente deve essere monitorato perchè recuperi completamente dall'anestesia generale.

Per l'uso durante l'allattamento, vedere paragrafo (qui non riportato) 4.6.


INTERAZIONI



Quali farmaci o principi attivi possono interagire con l'effetto di Unifol 10 mg/ml emulsione iniettabile/infusione 5 flaconcinI 20 ml

UNIFOL 10 mg/ml può essere somministrato in associazione con altri medicinali per anestesia (premedicazione,anestetici per inalazione, analgesici, miorilassanti, anestetici locali). Fino ad ora non sono state rilevate interazioni con questi medicinali. Alcuni di questi medicinali che agiscono a livello centrale, possono avere un effetto depressivo sul sistema circolatorio e respiratorio. Se vengono utilizzati insieme a UNIFOL 10 mg/ml l'effetto può essere accentuato.

È stato evidenziato che l'uso concomitante di benzodiazepine, parasimpaticolitici o anestetici per inalazione prolunga l'anestesia e riduce il ritmo respiratorio.

Dopo premedicazione aggiuntiva con oppiacei può verificarsi un'incidenza superiore e una maggiore durata dell'apnea.

Dopo il trattamento con suxametonio o neostigmina si possono avere bradicardia e arresto cardiaco.

Occorre prendere in considerazione il fatto che l'uso concomitante del propofol e di medicinali per premedicazione, anestetici inalatori o analgesici può potenziare l'anestesia e gli effetti indesiderati di tipo cardiovascolare. L'uso concomitante di depressivi del sistema nervoso centrale, come alcol, anestetici generali, analgesici narcotici può causare un'intensificazione del loro effetto sedativo.

Dopo la somministrazione di fentanil, la concentrazione di propofol nel sangue può aumentare temporaneamente con un incremento della frequenza di apnea.

Sono stati segnalati casi di leucoencefalopatia in caso di somministrazione di emulsioni lipidiche come il propofol in pazienti trattati con ciclosporina.

Se viene usato in aggiunta all'anestesia regionale, può essere necessario ridurre la dose di UNIFOL 10 mg/ml.


POSOLOGIA E MODO DI SOMMINISTRAZIONE



Come si usa Unifol 10 mg/ml emulsione iniettabile/infusione 5 flaconcinI 20 ml

Avvertenze speciali

UNIFOL 10 mg/ml deve essere somministrato solo in ospedali o in centri terapeutici adeguatamente attrezzati da medici specialisti in anestesia o nella cura di pazienti in terapia intensiva.

È necessario monitorare continuamente le funzioni circolatorie e respiratorie (es. ECG, pulsossimetro).

Devono essere sempre prontamente disponibili in ogni momento i mezzi per prevenire I'ostruzione delle vie aeree, per la ventilazione artificiale e altri mezzi di rianimazione.

Per la sedazione durante interventi chirurgici o esami diagnostici, UNIFOL 10 mg/ml non deve essere somministrato dalla stessa persona che esegue la procedura chirurgica o diagnostica.

Generalmente in aggiunta a UNIFOL 10 mg/ml sono necessari altri medicinali analgesici.

Dose raccomandata e durata del trattamento

UNIFOL 10 mg/ml si somministra per via endovenosa. La dose viene stabilita individualmente, in base alla risposta del paziente.

Anestesia generate negli adulti

Per l'induzione dell'anestesia UNIFOL 10 mg/ml deve essere titolato (20-40 mg di propofol ogni 10 secondi) e la risposta del paziente deve essere costantemente monitorata fino alla comparsa dei segni clinici dell'inizio dell'anestesia. Generalmente un paziente adulto di età inferiore a 55 anni necessita di dosi comprese tra 1,5 e 2,5 mg di propofol per kg di peso corporeo.

Nei pazienti di età superiore e nei pazienti appartenenti alla classe III e IV della classificazione ASA (American Society of Anesthesiologists), soprattutto quelli con funzione cardiaca compromessa, la doserichiesta sarà inferiore e la dose totale di UNIFOL 10 mg/ml può essere ridotta a 1 mg/kg di peso corporeo. In questi pazienti devono essere applicate velocità di somministrazione inferiori (circa 2 ml, corrispondenti a 20 mg ogni 10 secondi).

Mantenimento dell'anestesia:

L'anestesia può essere mantenuta somministrando UNIFOL 10 mg/ml tramite infusione continua o con iniezione di boli ripetuti. Se si utilizza una tecnica che implica l'iniezione di boli ripetuti, si possono somministrare dosi tra 25 mg (2,5 ml di UNIFOL 10 mg/ml) e 50 mg (5,0 ml UNIFOL 10 mg/ml), a seconda delle esigenze cliniche. Per il mantenimento dell'anestesia con infusione continua, le dosi richieste sono solitamente 4-12 mg/kg di peso corporeo/ora. Nei pazienti anziani, in pazienti in condizioni generali precarie oppure appartenenti alla classe III e IV della classificazione ASA e in pazienti ipovolemici, la dose può essere ridotta ulteriormente in relazione alla gravità delle condizioni del paziente e alla tecnica anestetica utilizzata.

Anestesia generale nei bambini

Non si raccomanda UNIFOL 10 mg/ml per il mantenimento dell'anestesia nei bambini con meno di un mese d'età.

Induzione dell'anestesia:

Per l'induzione dell'anestesia UNIFOL 10 mg/ml deve essere titolato lentamente, in base alla risposta del paziente, fino alla comparsa dei segni clinici dell'inizio dell'anestesia. La dose deve essere regolata in base all'età e/o al peso corporeo.

Per la maggior parte dei pazienti di età superiore a 8 anni sono necessari solitamente 2,5 mg/kg di peso corporeo per l'induzione dell'anestesia. Al di sotto di questa età può essere necessaria una dose più elevata (2,5-4 mg/kg di peso corporeo). Per mancanza di esperienza clinica, giovani ad alto rischio (ASA-classificazione III e IV) sono raccomandate dosi inferiori.

Mantenimento dell'anestesia generale:

Per il mantenimento dell'anestesia generale, generalmente si raggiunge un livello soddisfacente di anestesia con l'infusione continua di una dose di 9-15 mg/Kg di peso corporeo/ora.

I bambini più piccoli, di età inferiore a tre anni, possono richiedere una dose maggiore, all'interno dell'intervallo di dosi raccomandate, in confronto a pazienti pediatrici più grandi.

La dose deve essere regolata individualmente e si deve porre particolare attenzione alla necessità di un'adeguata analgesia .

In studi sul mantenimento dell'anestesia effettuati su bambini di età inferiore a tre anni, la durata della somministrazione era principalmente di circa 20 minuti, con una durata massima di 75 minuti. La durata massima di circa 60 minuti non deve quindi essere superata tranne quando vi èuna indicazione specifica per un utilizzo prolungato, per es. ipertermia maligna, dove le sostanze volatili devono essere evitate.

Sedazione di pazienti ventilati in unità di terapia intensiva

Per la sedazione di pazienti in ventilazione meccanica durante terapia intensiva si raccomanda che UNIFOL 10 mg/ml sia somministrato per infusione continua. La velocità di infusione deve essere determinata dal livello di sedazione desiderata.

Nella maggior parte dei pazienti una sufficiente sedazione può essere ottenuta con una dose di 0,3-4 mg/Kg/h di propofol .

UNIFOL 10 mg/ml non deve essere usato per la sedazione in terapia intensiva di pazienti di età inferiore a 16 anni .

La somministrazione di UNIFOL 10 mg/ml con il sistema TCI (Target Controlled Infusion - Dispositivi di Infusione Controllata) non èconsigliata per la sedazione in terapia intensiva.

Sedazione per procedure diagnostiche e chirurgiche in pazienti adulti

Per la sedazione durante procedure chirurgiche e diagnostiche, le dosi e la velocità di somministrazione

devono essere regolate in base alla risposta clinica.

Come induzione la maggior parte dei pazienti richiede 0,5-1 mg/kg dipeso corporeo per 1-5minuti.

II mantenimento della sedazione può essere ottenuto titolando l'infusione di UNIFOL 10 mg/ml in accordo al livello di sedazione richiesto. Per la maggior parte dei pazienti ènecessario somministrare 1,5- 4 5mg/Kg di peso corporeo/ora.

L'infusione può essere integrata con la somministrazione di boli di 10-20 mg (1-2 ml di UNIFOL 10 mg/ml), qualora sia necessario un rapido aumento della profondità della sedazione. Nei pazienti di età superiore ai 55 anni e nei pazienti appartenenti alla classe III e IV della classificazione ASA, possono essere richieste dosi più basse di UNIFOL 10 mg/ml e può essere necessario ridurre la velocità di somministrazione.

UNIFOL 10 mg/ml non deve essere utilizzato per la sedazione durante procedure diagnostiche e chirurgiche nei ragazzi di 16 anni o di età inferiore.

Modo e durata della somministrazione

Modo di somministrazione

I contenitori devono essere agitati prima dell'uso.

UNIFOL 10 mg/ml si somministra per via endovenosa tramite iniezione o infusione continua, sia non diluito che diluito con soluzione di glucosio 5% o soluzione di sodio cloruro 0,9%, o una combinazione delle soluzioni di glucosio e sodio cloruro a basse concentrazioni rispetto a quelle prima citate.

Vedere anche Paragrafo 6.6.

Prima dell'uso, il collo della fiala o la superficie del tappo in gomma del flaconcino devono essere puliti con alcol per uso medico (spray o tampone). Dopo l'uso eliminare ciò che rimane.

UNIFOL 10 mg/ml non contiene conservanti e può consentire un'eventuale crescita batterica. Pertanto l'emulsione deve essere aspirata in modo asettico in una siringa o in un set per infusione sterili subito dopo l'apertura della fiala. La somministrazione deve avvenire immediatamente dopo. Le condizioni di asepsi relative a UNIFOL 10 mg/ml e all'apparecchiatura per l'infusione devono essere garantite per tutto il periodo dell'infusione.

I medicinali o i liquidi aggiunti a un'infusione in corso di UNIFOL 10 mg/ml devono essere somministrati in prossimità della sede di inserimento della cannula. UNIFOL 10 mg/ml non deve essere somministrato usando set per infusione con filtri microbiologici.

Il contenuto di una fiala o di un flaconcino di UNIFOL 10 mg/ml e delle siringhe contenenti UNIFOL 10 mg/ml sono destinati ad essere impiegati una sola volta su un solo paziente. Gli eventuali residui non utilizzati devono essere eliminati dopo l'uso.

Infusione di UNIFOL 10 mg/ml non diluito

Quando si somministra UNlFOL 10 mg/ml mediante infusione continua, si raccomanda di usare sempre burette, contagocce, pompe a siringa o pompe a infusione volumetrica per controllare la velocità di infusione. Come stabilito per la somministrazione per via parenterale di tutti i tipi di emulsioni lipidiche, la durata dell'infusione continua di UNIFOL 10 mg/ml da un solo sistema di infusione non deve superare le 12 ore. Il sistema di infusione e il contenitore di UNIFOL 10 mg/ml devono essere eliminati e sostituiti al massimo dopo 12 ore.

Gli eventuali residui di UNIFOL 10 mg/ml al termine dell'infusione o dopo la sostituzione del sistema di infusione devono essere eliminati.

Infusione di UNIFOL 10 mg/ml diluito

Per somministrare infusioni di UNIFOL 10 mg/ml diluito, somministrato per infusione continua, si raccomanda di usare sempre burette, contagocce, pompe a siringa o pompe a infusione volumetrica per evitare il rischio di infusione accidentale non controllata di grossi volumi di UNIFOL 10 mg/ml.

UNIFOL 10 mg/ml non deve essere mescolato con altri medicinali liquidi di iniezione o di infusione tranne quelli menzionati nel paragrafo (qui non riportato) 6.6.

Comunque, la somministrazione contemporanea di UNIFOL 10 mg/ml con una infusione di glucosio 5%, o sodio cloruro 0,9%o con associazioni di glucosio con una soluzione di sodio cloruro a concentrazioni più basse rispetto a quelle menzionate sopra (glucosio 4% con sodio cloruro 0,18%), viene effettuata se possibile mediate un dispositivo a "Y" posto vicino al sito di iniezione.

Per diminuire il dolore all'inizio dell'iniezione, UNIFOL 10 mg/ml può essere mescolato con una soluzione per iniezione di lidocaina 1% senza conservanti .

Vedere anche paragrafi 4.4 e 4.8 per i rischi specifici della lidocaina.

Si deve lavare il sistema di infusione prima di somministrare rilassanti muscolari come atracurio o mivacurio se si utilizza lo stesso sistema di infusione di UNIFOL 10 mg/ml.

Durata della somministrazione

UNIFOL 10 mg/ml può essere somministrato per un massimo di 7 giorni.


SOVRADOSAGGIO



Cosa fare se avete preso una dose eccessiva di Unifol 10 mg/ml emulsione iniettabile/infusione 5 flaconcinI 20 ml

Il sovradosaggio accidentale può causare depressione cardio-respiratoria. In caso di depressione respiratoria intervenire con la respirazione artificiale. In caso di depressione cardiovascolare è richiesto l'abbassamento del capo del paziente e l'impiego di sostituti del plasma e farmaci vasopressori.


CONSERVAZIONE



Non conservare a temperatura superiore ai 25°C. Conservare nella scatola per proteggerlo dalla luce.

Non refrigerare o congelare.






Ultimi articoli
A Capo Nord per la sclerodermia
16 agosto 2018
Notizie e aggiornamenti
A Capo Nord per la sclerodermia
Linguine con crema di rucola, piccadilly e noci
15 agosto 2018
Notizie e aggiornamenti
Linguine con crema di rucola, piccadilly e noci
Cosa mangiare in viaggio
14 agosto 2018
Notizie e aggiornamenti
Cosa mangiare in viaggio
L'esperto risponde