Varcodes 4 mg 30  compresse effervescente

16 luglio 2020
Farmaci - Varcodes

Varcodes 4 mg 30 compresse effervescente




Varcodes 4 mg 30 compresse effervescente è un farmaco a base di desametasone, appartenente al gruppo terapeutico Corticosteroidi. E' commercializzato in Italia da Epionpharma S.r.l..


INDICE SCHEDA



INFORMAZIONI GENERALI


TITOLARE AIC:

Epionpharma S.r.l.

MARCHIO

Varcodes

CONFEZIONE

4 mg 30 compresse effervescente

FORMA FARMACEUTICA
compressa effervescente

ALTRE CONFEZIONI DI VARCODES DISPONIBILI

PRINCIPIO ATTIVO
desametasone

GRUPPO TERAPEUTICO
Corticosteroidi

CLASSE
A

RICETTA
medicinale soggetto a prescrizione medica

PREZZO
20,26 €


FOGLIETTO ILLUSTRATIVO (PDF)


SCARICA IL PDF DEL FOGLIETTO ILLUSTRATIVO (AIFA)

Foglietto illustrativo Varcodes (desametasone)

N.B. Alcuni PDF potrebbero non essere disponibili


INDICAZIONI TERAPEUTICHE


A cosa serve Varcodes (desametasone)? Perchè si usa?


Questo medicinale è indicato per il trattamento nell'adulto di un'ampia varietà di disturbi sensibili alla terapia con glucocorticoidi e per il controllo dell'edema cerebrale in associazione ad altre terapie.


CONTROINDICAZIONI


Quando non dev'essere usato Varcodes (desametasone)


  • Ipersensibilità al desametasone o uno qualsiasi degli eccipienti.
  • Infezione sistemica a meno che non venga impiegata una terapia specifica anti-infettiva.
  • Infezioni sistemiche fungine.
  • Ulcera gastrica o duodenale.
  • Infezione da vermi tropicali.
  • Somministrazione di vaccini virali vivi (vedere paragrafo 4.4).
  • Controindicato in allattamento.


AVVERTENZE E PRECAUZIONI D'USO


Cosa serve sapere prima di prendere Varcodes (desametasone)


Insufficienza adrenocorticale, che è causata da un trattamento con glucocorticoidi, può, a seconda della dose e la durata del trattamento, persistere per molti mesi, e in alcuni casi più di un anno, dopo l'interruzione del trattamento.

I pazienti devono essere monitorati per segni che possono richiedere un aggiustamento del dosaggio. Questi possono essere cambiamenti dello stato clinico derivante da remissioni o esacerbazioni della malattia, la risposta al farmaco individuale e l'effetto dello stress (ad esempio interventi chirurgici, infezioni, traumi). Durante lo stress può essere necessario aumentare temporaneamente il dosaggio.

Se la somministrazione del farmaco deve essere interrotta dopo pochi giorni di trattamento, deve essere effettuata gradualmente

Gli effetti indesiderati possono essere ridotti al minimo utilizzando la dose efficace più bassa per il periodo minimo e somministrando il fabbisogno giornaliero come una singola dose mattutina o, quando possibile, come una singola dose mattutina a giorni alterni. È necessaria una frequente revisione del paziente per aggiustare la dose in base alla patologia

Durante una terapia prolungata si sviluppa una atrofia corticale surrenale da sospensione del desametasone e può persistere per anni dopo l'interruzione del trattamento. La sospensione dei corticosteroidi dopo una terapia prolungata deve pertanto essere sempre graduale per evitare l'insufficienza surrenalica acuta, diminuendo gradualmente nel corso delle settimane o dei mesi in base alla dose e alla durata del trattamento.

Nei pazienti che hanno ricevuto dosi di corticosteroidi sistemici superiori a quelle fisiologiche (circa 1 mg di desametasone) per più di 3 settimane, l'interruzione non dovrebbe essere brusca. Il modo in cui la riduzione della dose deve essere effettuata dipende in larga misura dal fatto che la malattia possa recidivare quando la dose di corticosteroidi sistemici viene ridotta. Nel periodo di sospensione può essere necessaria la valutazione clinica della patologia. Se è improbabile che la malattia rechi una recidiva con la sospensione dei corticosteroidi sistemici ma vi è incertezza sulla soppressione dell'HPA, la dose di corticosteroide sistemico può essere ridotta rapidamente a dosi fisiologiche. Una volta raggiunta una dose giornaliera di 1 mg di desametasone, la riduzione della dose deve essere più lenta per consentire all'HPA axis di recuperare.

L'interruzione brusca del trattamento sistemico con corticosteroidi, continuata fino a 3 settimane, è appropriata se si ritiene che la malattia non sia in grado di riacutizzarsi. È improbabile che la sospensione brusca di dosi fino a 6 mg al giorno di desametasone per 3 settimane determini una soppressione dell'asse HPA clinicamente rilevante nella maggior parte dei pazienti. Nei seguenti gruppi di pazienti, l'interruzione graduale della terapia corticosteroidea sistemica deve essere presa in considerazione anche dopo cicli di 3 settimane o meno:
  • Pazienti che hanno avuto cicli ripetuti di corticosteroidi sistemici, in particolare se assunti per più di 3 settimane.
Quando è stato prescritto un breve ciclo entro un anno dalla cessazione della terapia a lungo termine (mesi o anni).
  • Pazienti che possono avere motivi di insufficienza corticosurrenale diversa dalla terapia con corticosteroidi esogeni.
  • Pazienti che ricevono dosi di corticosteroide sistemico superiore a 6 mg al giorno di desametasone.
  • Pazienti che assumono ripetutamente dosi la sera.
Durante il trattamento con Varcodes, se il paziente è sottoposto a condizioni di stress (traumi, interventi chirurgici, parto, ecc), un temporaneo aumento della dose può essere necessaria a causa del rischio di crisi di insufficienza surrenalica. A causa del possibile rischio associato a condizioni di stress, i pazienti in trattamento a lungo termine dovrebbero portare un documento che attesti che stanno ricevendo un trattamento con corticosteroidi. A causa del rischio di prolungata insufficienza surrenalica, anche dopo l'interruzione del trattamento, la somministrazione di glucocorticoidi può essere necessaria in situazioni fisicamente stressanti. Insufficienza surrenalica acuta terapia- indotta può essere minimizzata da una riduzione lenta e progressiva della dose fino alla sospensione del trattamento.

A causa del rischio di peggioramento, mascheramento o riattivazione di infezioni concomitanti, il trattamento con Varcodes dovrebbe essere attuato solo quando vi è un chiaro bisogno clinico. Per ridurre questo rischio, può essere necessario somministrare un ulteriore trattamento anti-infettivo mirato per le seguenti malattie:
  • Infezioni virali acute (herpes zoster, herpes simplex, varicella, cheratite erpetica).
  • HBsAg- positiva epatite cronica attiva
  • Circa 8 settimane prima attraverso 2 settimane dopo la vaccinazione con vaccini vivi
  • Micosi sistemiche e parassitosi (ad esempio Nematodi)
  • poliomielite
  • Linfadenite dopo la vaccinazione BCG
  • Infezioni batteriche acute e croniche
  • Con una storia di tubercolosi (rischio di riattivazione). Usare solo sotto protezione tubercolostatica
I pazienti devono essere avvisati sulla necessità di prestare particolare attenzione per evitare l'esposizione al morbillo e consultare immediatamente un medico in caso di esposizione; in tal caso può essere necessaria una profilassi con immunoglobulina normale intramuscolare. Un certo numero di malattie concomitanti può essere aggravata da desametasone. Il trattamento con Desametasone deve essere attuato solo quando vi è una chiara necessità clinica e, se necessario, un trattamento specifico supplementare deve essere implementato per:
  • ulcere gastrointestinali
  • Osteoporosi grave
  • Difficoltà nel regolare la pressione arteriosa alta
  • Difficoltà nel regolare Diabete mellito
  • Disturbi psichiatrici (compresa la storia)
  • Glaucoma ad angolo chiuso e glaucoma ad angolo largo
  • Ulcerazioni corneali e lesioni corneali
A causa del rischio di perforazione intestinale, Varcodes deve essere utilizzato solo quando vi è una necessità critica per trattamento con corticosteroidi in pazienti ritenuti suscettibili a perforazione. Pazienti sensibili devono essere monitorati attentamente, in particolare nelle seguenti condizioni:
  • Grave colite ulcerosa con minaccia di perforazione
  • Diverticolite
  • Entero-anastomosi (immediatamente post-operatorio)
Segni di irritazione peritoneale dopo perforazione gastrointestinale possono essere assenti nei pazienti trattati con alte dosi di glucocorticoidi.

Un bisogno più elevato di insulina o antidiabetici orali, deve essere preso in considerazione quando si somministra Varcodes per i diabetici.

È necessario il monitoraggio della pressione sanguigna normale durante il trattamento con Varcodes, in particolare durante la somministrazione di dosi più elevate e nei pazienti con difficoltà a regolare la pressione arteriosa alta.

A causa del rischio di deterioramento, i pazienti con insufficienza cardiaca grave devono essere attentamente monitorati.

Il trattamento con Varcodes può nascondere i sintomi di una infezione esistente o in via di sviluppo, rendendo in tal modo una diagnosi più difficile.

L'uso prolungato di quantità anche minime di desametasone porta ad un aumento del rischio di infezione, anche da parte di microrganismi che altrimenti raramente causano infezioni (infezioni opportunistiche cosiddette). Possono essere date vaccinazioni con vaccino inattivato. Tuttavia, va osservato che la reazione immunitaria e quindi il successo di inoculazione, possono essere influenzati da alte dosi di corticosteroidi.

Regolari controlli con i medici (compresi i controlli di visione a intervalli di tre mesi) sono consigliati durante il trattamento a lungo termine con Varcodes.

A dosi elevate, devono essere monitorati il sufficiente apporto di calcio e la restrizione di sodio, così come i livelli di potassio sierico. A seconda della lunghezza e del dosaggio del trattamento, può essere previsto un effetto negativo sul metabolismo del calcio, per cui si raccomanda una profilassi dell'osteoporosi. Ciò vale, soprattutto, per i fattori di rischio di co-esistenti, come la disposizione familiare, aumento dell'età, la menopausa, l'insufficiente assunzione di proteine e calcio, il fumo pesante, eccessiva assunzione di alcol, così come l'esercizio insufficiente. La prevenzione consiste nella corretta assunzione di calcio e vitamina D e nello svolgimento di attività fisica. In caso di osteoporosi preesistente dovrebbe essere considerato un trattamento medico aggiuntivo.

I seguenti rischi devono essere considerati al momento dell'interruzione o della sospensione della somministrazione a lungo termine di glucocorticoidi:
  • Esacerbazione o recidiva della malattia di base, insufficienza surrenalica acuta, sindrome da astinenza di corticosteroidi.
  • Alcune malattie virali (varicella, morbillo) nei pazienti trattati con glucocorticoidi, possono essere molto gravi.
  • Le persone immunocompromesse senza precedenti varicella o morbillo sono particolarmente a rischio. Se queste persone hanno il contatto con persone affette da morbillo o varicella durante la terapia con Varcodes, deve essere introdotto e, se necessario, deve essere previsto un trattamento preventivo.
L'immunizzazione passiva con l'immunoglobulina anti-varicella zoster (VZIG) è necessaria per i pazienti non immuni esposti che ricevono corticosteroidi sistemici o che li hanno usati nei 3 mesi precedenti; questo dovrebbe essere somministrato entro 10 giorni dall'esposizione alla varicella. Se viene confermata una diagnosi di varicella, la malattia richiede cure specialistiche e trattamenti urgenti. I corticosteroidi non devono essere interrotti e potrebbe essere necessario aumentare la dose.

Reazioni psichiatriche

I pazienti e / o tutori devono essere avvisati che possono verificarsi potenzialmente gravi reazioni avverse psichiatriche con la somministrazione di steroidi per via sistemica (vedere paragrafo 4.8). I sintomi di solito emergono nel giro di pochi giorni o settimane dall'inizio del trattamento. I rischi possono essere più elevati con alte dosi / esposizione sistemica (vedere anche paragrafo 4.5 interazioni farmacocinetiche che possono aumentare il rischio di effetti collaterali), anche se i livelli di dose non consentono la previsione di insorgenza, tipo, gravità o durata degli effetti collaterali. La maggior parte delle reazioni si riducono dopo la riduzione della dose o sospensione del trattamento, anche se può essere necessario un trattamento specifico.

Pazienti / tutori dovrebbero essere incoraggiati a rivolgersi al medico se si sviluppano preoccupanti sintomi psicologici, soprattutto se si sospetta umore depresso o intenzioni suicidarie. I pazienti / tutori devono anche essere attenti a possibili disturbi psichiatrici che possono verificarsi durante o immediatamente dopo la riduzione della dose / sospensione della somministrazione di steroidi sistemici, anche se tali reazioni sono state riportate raramente.

Condizioni che possono essere aggravate da desametasone:

Particolare attenzione è necessaria quando si considera l'uso di corticosteroidi sistemici nei pazienti con le seguenti condizioni:

a. Osteoporosi (femmine in post-menopausa sono particolarmente a rischio).

b. Ipertensione o insufficienza cardiaca congestizia.

c. Cronologia esistente o precedente di gravi disturbi affettivi (soprattutto precedenti psicosi da steroidi).

d. Il diabete mellito (o una storia familiare di diabete).

e. Storia di tubercolosi.

f. Glaucoma (o una storia familiare di glaucoma).

g. Precedente miopatia indotta da corticosteroidi.

h. Insufficienza epatica.

i. Insufficienza renale.

j. Ipotiroidismo

k. Epilessia.

l. Ulcera peptica.

m. Emicrania

n. Alcune infestazioni parassitarie, in particolare amebiasi

o. Crescita naturale incompleta da glucocorticoidi sulla somministrazione prolungata può accelerare la chiusura delle epifisi.

I corticosteroidi devono essere somministrati con cautela a pazienti con recente infarto del miocardio.

Neonati prematuri

I dati disponibili suggeriscono effetti collaterali a lungo termine dello sviluppo neurologico dopo il trattamento precoce (<96 ore) di neonati prematuri con malattia polmonare cronica a dosi di partenza di 0,25 mg / kg due volte al giorno.

Popolazione pediatrica

I corticosteroidi causano un'inibizione dose-dipendente della crescita nella prima infanzia, infanzia e adolescenza, che può essere irreversibile. Varcodes 4 mg non è indicato per il trattamento nei bambini.

Uso negli anziani

Gli effetti negativi di corticosteroidi sistemici possono avere gravi conseguenze soprattutto in età avanzata, principalmente osteoporosi, ipertensione, ipokaliemia, diabete, suscettibilità alle infezioni e atrofia cutanea. Uno stretto monitoraggio clinico è necessario per evitare reazioni pericolose per la vita.

Influenza dei test diagnostici

I glucocorticoidi possono sopprimere la reazione della pelle a test allergologici. Essi possono anche influenzare il test nitroblu di tetrazolio per le infezioni batteriche e causare risultati falsi negativi.

Nota sul doping

L'uso di test antidoping durante il trattamento con Varcodes può portare a risultati positivi.

Questo medicinale contiene 29,95 mg di sodio per compressa equivalente al 1,5% dell'assunzione massima giornaliera raccomandata dall'OMS che corrisponde a 2 g di sodio per un adulto. Da tenere in considerazione nei pazienti che seguono una dieta iposodica.

Questo medicinale contiene 0,12 mg di giallo tramonto per compressa. Questo eccipiente può causare reazioni allergiche.


INTERAZIONI


Quali farmaci, principi attivi o alimenti possono interagire con l'effetto di Varcodes (desametasone)


Effetti di altri medicinali su Varcodes:

Il desametasone viene metabolizzato dal citocromo P450 3A4 (CYP3A4). La somministrazione concomitante di desametasone con induttori del CYP3A4, come la fenitoina, barbiturici, efedrina, rifabutina, carbamazepina e rifampicina possono portare ad una diminuzione delle concentrazioni plasmatiche di desametasone e può essere necessario aumentare la dose. La somministrazione concomitante di inibitori di CYP3A4 come il ketoconazolo, ritonavir ed eritromicina può portare ad un aumento delle concentrazioni plasmatiche di desametasone.

Queste interazioni possono anche interferire con i test di soppressione al desametasone, che quindi devono essere interpretati con cautela durante la somministrazione di sostanze che influenzano il metabolismo di desametasone.

Il Ketoconazolo può causare un aumento delle concentrazioni plasmatiche di desametasone per l'inibizione del CYP3A4, ma può anche sopprime la sintesi di corticosteroidi nel surrene e quindi causare insufficienza surrenalica alla sospensione del trattamento con corticosteroidi.

L'efedrina può aumentare la clearance metabolica di corticosteroidi, con conseguente diminuzione dei livelli plasmatici. Può essere necessario un aumento della dose di corticosteroidi.

In pazienti trattati con indometacina sono stati segnalati risultati falsi negativi nel test di soppressione con desametasone.

Antibiotici: antibiotici macrolidi sono stati segnalati come causa di una significativa diminuzione della clearance di corticosteroidi.

Anticolinesterasici: L'uso concomitante di agenti anticolinesterasici e corticosteroidi può produrre una grave debolezza in pazienti affetti da miastenia grave. Se possibile, gli agenti anticolinesterasici devono essere sospesi almeno 24 ore prima di iniziare la terapia con corticosteroidi.

Colestiramina: Colestiramina può diminuire l'assorbimento di desametasone.

Estrogeni, inclusi i contraccettivi orali: Gli estrogeni possono diminuire il metabolismo epatico di alcuni corticosteroidi, aumentando così il loro effetto.

Aminoglutetimide: diminuzione dell'efficacia desametasone, a causa dell'aumento del suo metabolismo. Può essere necessario un aggiustamento del dosaggio di desametasone.

Gastrointestinali topici, antiacidi, carbone: è stata riportata una diminuzione dell'assorbimento digestivo dei glucocorticoidi con prednisolone e desametasone. Pertanto, glucocorticoidi dovrebbero essere presi separatamente da topici gastrointestinali, antiacidi o carbone, con un intervallo fra i trattamenti di almeno due ore.

Effetti di Varcodes su altri medicinali

Il desametasone è un induttore moderato del CYP3A4. La somministrazione concomitante di desametasone con sostanze che sono metabolizzate dal CYP3A4 potrebbe portare ad un aumento della clearance e diminuzione delle concentrazioni plasmatiche di queste sostanze.

La clearance renale di salicilati è aumentata dai corticosteroidi e quindi, il dosaggio del salicilato deve essere ridotto insieme alla sospensione degli steroidi.

Gli effetti desiderati di ipoglicemizzanti (tra cui l'insulina), anti-ipertensivi e diuretici sono antagonizzati dai corticosteroidi.

Gli effetti ipopotassiemico di acetazolamide, diuretici dell'ansa, diuretici tiazidici, l'iniezione amfotericina B, gli agenti che riducono di potassio, i corticosteroidi (gluco-mineral), tetracosactide e carbenoxolone vengono incrementati. L'ipokaliemia predispone a aritmia cardiaca in particolare "torsione di punta" e all'aumento della tossicità dei glicosidi cardiaci. L'ipopotassiemia deve essere corretta prima di iniziare il trattamento con corticosteroidi. In aggiunta, ci sono stati segnalati casi in cui l'uso concomitante di amfotericina B e idrocortisone è stata seguita da allargamento cardiaco e insufficienza cardiaca congestizia.

Sultopride è stata collegata ad aritmie ventricolari, in particolare torsione di punta. Questa combinazione non è raccomandata.

I pazienti che assumono FANS devono essere monitorati in quanto l'incidenza e / o la gravità delle ulcere gastriche possono aumentare. L'aspirina dovrebbe essere usata con cautela in combinazione con corticosteroidi in casi di ipoprotrombinemia.

Farmaci antitubercolari: Le concentrazioni sieriche di isoniazide possono essere diminuite.

Ciclosporina: aumento dell'attività sia di ciclosporina che di corticosteroidi può verificarsi quando i due vengono utilizzati contemporaneamente. Sono state segnalate convulsioni con questo uso concomitante.

Talidomide: La co-somministrazione con talidomide deve essere impiegata con cautela, poichè è stata segnalata necrolisi epidermica tossica con l'uso concomitante.

I corticosteroidi possono influenzare il test nitro blu di tetrazolio per infezioni batteriche e produrre risultati falsi negativi.

Vaccini vivi attenuati

Il rischio di malattia sistemica fatale

Praziquantel: Diminuzione delle concentrazioni plasmatiche di praziquantel, con un rischio di fallimento del trattamento, a causa del suo metabolismo epatico aumentato dal desametasone.

Anticoagulanti orali: Possibile impatto della terapia con corticosteroidi sul metabolismo di anticoagulanti orali e sui fattori di coagulazione. A dosi elevate o con un trattamento per più di 10 giorni, vi è il rischio di sanguinamento specifica terapia con corticosteroidi (mucosa gastrointestinale, fragilità vascolare). I pazienti che assumono corticosteroidi associati con anticoagulanti orali devono essere attentamente monitorati (indagini biologiche su 8 ° giorno, poi ogni 2 settimane durante il trattamento e dopo la sospensione del trattamento).

Insulina, sulfaniluree, metformina: Aumento della glicemia, con casi di chetosi diabetica, dal momento che i corticosteroidi compromettono la tolleranza ai carboidrati. Pertanto, dovrebbero essere aumentati dal paziente controlli del sangue e delle urine, in particolare all'inizio del trattamento.

Isoniazide: è stata riportata una diminuzione nei livelli plasmatici di isoniazide con prednisolone. Il meccanismo proposto è un aumento del metabolismo epatico di isoniazide e una diminuzione nel metabolismo epatico di glucocorticoidi. I pazienti che assumono isoniazide devono essere attentamente monitorati.


POSOLOGIA E MODO DI SOMMINISTRAZIONE


Come si usa Varcodes (desametasone)? Dosi e modo d'uso


Posologia

In generale, il dosaggio di glucocorticoidi dipende dalla gravità della condizione e della risposta del paziente. In determinate circostanze, ad esempio in caso di stress e di cambiamenti del quadro clinico, possono essere necessari aggiustamenti del dosaggio aggiuntivi. Se non viene rilevata alcuna risposta favorevole nei due giorni successivi, la terapia con glucocorticoidi deve essere interrotta.

Adulti

Il dosaggio deve essere titolato in funzione della risposta individuale e della natura della malattia. Per ridurre al minimo gli effetti indesiderati, dovrebbe essere usato il dosaggio efficace più basso possibile (vedere paragrafo 4.8).

Il dosaggio iniziale varia fra 0,5 - 10 mg al giorno a seconda della patologia da trattare. Nelle malattie più gravi, l possono essere temporaneamente richieste dosi maggiori. Il Una volta raggiunto il controllo della malattia, la dose deve essere ridotta gradualmente fino alla dose più bassa necessaria per mantenere una risposta clinica adeguata, monitorando continuamente il paziente (vedere paragrafo 4.4).

Anziani:

Il trattamento dei pazienti anziani, in particolare se a lungo termine, dovrebbe essere pianificato tenendo conto delle conseguenze più gravi degli effetti collaterali indesiderati di corticosteroidi in età avanzata.

Modo di somministrazione

Varcodes compresse effervescenti deve essere sciolto in acqua. Le compresse effervescenti devono preferibilmente essere sciolte in mezzo bicchiere d'acqua e la soluzione bevuta subito dopo la dissoluzione. Un volume minimo di circa 50 ml di acqua è sufficiente per una completa dissoluzione.


SOVRADOSAGGIO


Cosa fare se avete preso una dose eccessiva di Varcodes (desametasone)


I rapporti di tossicità acuta e / o morti a seguito di sovradosaggio con glucocorticoidi sono rari. Nessun antidoto è disponibile. Il trattamento non è, probabilmente, causa di reazioni dovute ad avvelenamento cronico a meno che il paziente non sia in una condizione tale da renderlo particolarmente suscettibile agli effetti negativi dei corticosteroidi. In questo caso, lo stomaco deve essere svuotato e se necessario dovrebbe essere intrapreso un trattamento sintomatico. Le reazioni anafilattiche e di ipersensibilità possono essere trattate con epinefrina (adrenalina), respirazione artificiale a pressione positiva e aminofillina. Il paziente deve essere tenuto caldo e tranquillo. L'emivita biologica di Varcodes nel plasma è di circa 190 minuti.


EFFETTI INDESIDERATI


Quali sono gli effetti collaterali di Varcodes (desametasone)


L'incidenza di effetti avversi previsti, come la soppressione dell'asse ipotalamo-ipofisi-surrene, è correlata con la potenza relativa della sostanza, dose, ora del giorno di somministrazione e la durata del trattamento (vedere paragrafo 4.4).

Infezioni e infestazioni: maggiore suscettibilità a, o esacerbazione di infezioni(latenti) con mascheramento dei sintomi clinici, infezioni opportunistiche, riattivazione della tubercolosi latente, esacerbazione di infezioni agli occhi, candidosi.

Disturbi del sangue e del sistema linfatico: leucocitosi, linfopenia, eosinopenia, policitemia.

Disturbi del sistema immunitario: Reazioni di ipersensibilità compresa anafilassi, immunosoppressione (vedi anche alla voce "Infezioni e malattie parassitarie")

Disturbi endocrini: soppressione dell'asse ipotalamo-ipofisi-surrene e induzione della sindrome di Cushing (sintomi tipici: faccia di luna piena, pletora, obesità del tronco), insufficienza surrenalica e ipofisaria secondarie (soprattutto in stress, come traumi o interventi chirurgici)

Disturbi del metabolismo e della nutrizione: aumento di peso, bilancio negativo di calcio e proteine, aumento dell'appetito, ritenzione di sodio e acqua, perdita di potassio (attenzione: disturbi del ritmo), alcalosi ipopotassiemica, manifestazione di diabete mellito latente, tolleranza ai carboidrati alterata con necessità di aumentare la dose della terapia antidiabetica, ipercolesterolemia, ipertrigliceridemia.

Disturbi psichiatrici: dipendenza psicologica, depressione, insonnia, aggravamenti della schizofrenia, malattia mentale, da euforia a psicosi conclamata.

Patologie del sistema nervoso: aumento della pressione intracranica con papilloedema nei bambini (pseudo tumori cerebrali) di solito dopo l'interruzione del trattamento; manifestazione di epilessia latente, aumentato delle crisi epilettiche.

Patologie dell'occhio: elevata pressione intraoculare, glaucoma, papilloedema, cataratta, soprattutto con opacità subcapsulare posteriore, atrofia di cornea e sclera, aumentato infezioni oftalmiche virali, fungine e batteriche, peggioramento dei sintomi associati ad ulcere corneali.

Patologie cardiache: rottura del muscolo cardiaco dopo recente storia di infarto miocardico, insufficienza cardiaca congestizia in pazienti predisposti.

Patologie vascolari: Ipertensione, vasculite, aumentato rischio di aterosclerosi e di trombosi / trombo embolia.

Patologie respiratorie, toraciche e mediastiniche: singhiozzo.

Disturbi gastrointestinali: dispepsia, ulcera gastrica con perforazione ed emorragia, pancreatite acuta, esofagite ulcerativa, flatulenza, nausea, vomito.

Patologie della cute e del tessuto sottocutaneo: irsutismo, ipertricosi, atrofia cutanea, teleangectasie, strie, eritema, acne da steroidi, petecchie, ecchimosi, dermatite allergica, orticaria, angioedema, diradamento dei capelli, disturbi del pigmento, maggiore fragilità capillare, dermatite periorale.

Disturbi del tessuto muscoloscheletrico e del tessuto connettivo: inibizione della crescita nei neonati, bambini e adolescenti, chiusura prematura delle epifisi, osteoporosi, fratture della colonna vertebrale e delle ossa lunghe, necrosi asettica del femore e ossa omerali, rotture tendinee, miopatia prossimale, debolezza muscolare, perdita di massa muscolare.

Patologie dell'apparato riproduttivo e della mammella: mestruazioni irregolari, amenorrea, impotenza

Patologie sistemiche e condizioni relative alla sede somministrazione: ritardata guarigione delle ferite, disagio, sindrome da astinenza da steroidi: una troppo rapida riduzione della dose di corticosteroidi dopo il trattamento prolungato può portare ad insufficienza acuta surrenalica, ipotensione, e morte. Una sindrome di astinenza può presentarsi con febbre, mialgia, artralgia, rinite, congiuntivite, dolore, noduli cutanei prurito e perdita di peso.

Lesioni, avvelenamento e complicazioni da procedura: ridotta risposta alla vaccinazione e a test della pelle, tendenza alla formazione di lividi.

Segnalazione delle reazioni avverse sospette.

La segnalazione delle reazioni avverse sospette che si verificano dopo l'autorizzazione del medicinale è importante, in quanto permette un monitoraggio continuo del rapporto beneficio/rischio del medicinale. Agli operatori sanitari è richiesto di segnalare qualsiasi reazione avversa sospetta tramite il sistema nazionale di segnalazione all'indirizzo http://www.agenziafarmaco.gov.it/content/come-segnalare-una-sospetta-reazione-avversa.


GRAVIDANZA E ALLATTAMENTO


E' possibile prendere Varcodes (desametasone) durante la gravidanza e l'allattamento?


Gravidanza

Varcodes attraversa la placenta. La somministrazione di corticosteroidi ad animali in gravidanza può causare anomalie nello sviluppo fetale, tra cui palatoschisi, ritardo della crescita intrauterina ed effetti sulla crescita e sullo sviluppo del cervello. Non ci sono prove che i corticosteroidi aumentino l'incidenza di anomalie congenite, come la palatoschisi / labbro nell'uomo (vedere paragrafo 5.3). La terapia ripetuta o a lungo termine con corticosteroidi durante la gravidanza aumenta il rischio di ritardo di crescita intrauterino. Nei neonati esposti ai corticosteroidi in epoca prenatale, vi è un aumento del rischio di insufficienza surrenalica, che in circostanze normali subisce una regressione spontanea post-natale, ed è raramente di rilevanza clinica. Varcodes deve essere prescritto durante la gravidanza e in particolare nel primo trimestre di gravidanza solo se i benefici superano i rischi per la madre e il bambino.

Allattamento

I glucocorticoidi sono escreti nel latte materno. Non ci sono rischi noti per i neonati. Tuttavia, deve essere esercitata cautela per quanto riguarda la sua indicazione durante la gravidanza. Se la condizione dovesse richiedere dosi più elevate, il trattamento deve essere interrotto.


GUIDA DI VEICOLI E USO DI MACCHINARI


Effetti di Varcodes (desametasone) sulla capacità di guidare veicoli e sull'uso di macchinari


Varcodes non altera o altera in modo trascurabile la capacità di guidare veicoli e sull'uso di macchinari.


PRINCIPIO ATTIVO


Ogni compressa contiene 4 mg di desametasone (corrispondenti a 5,264 mg di desametasone sodio fosfato).

Eccipienti con effetti noti:

Ogni compressa effervescente contiene 29,95 mg di sodio.

Ogni compressa effervescente contiene 0,12 mg di giallo tramonto.

Per l'elenco completo degli eccipienti, vedere paragrafo 6.1


ECCIPIENTI


Sodio bicarbonato

Sodio citrato

Povidone K30

Saccarina sodica

Sodio benzoato

Giallo tramonto (E110)


SCADENZA E CONSERVAZIONE


Scadenza: 18 mesi

Conservare a temperatura non superiore a 25°C.

Conservare nel confezionamento originale per tenere il medicinale al riparo dall'umidità.


NATURA E CONTENUTO DEL CONTENITORE


Blister in PA/Alu/PVC - Al confezionati in astucci da 30 compresse.


PATOLOGIE CORRELATE



Data ultimo aggiornamento scheda: 08/06/2020

Nota: Nel contenuto della scheda possono essere presenti dei riferimenti a paragrafi non riportati.

Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico




Farmaci:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube