Vaxigrip Tetra 0,5 ml sospensione iniettabile 10 siringhe preriempite con ago

Ultimo aggiornamento: 26 novembre 2018
Farmaci - Vaxigrip Tetra

Vaxigrip Tetra 0,5 ml sospensione iniettabile 10 siringhe preriempite con ago




INDICE SCHEDA



INFORMAZIONI GENERALI


AZIENDA

Sanofi S.p.A.

MARCHIO

Vaxigrip Tetra

CONFEZIONE

0,5 ml sospensione iniettabile 10 siringhe preriempite con ago

ALTRE CONFEZIONI DI VAXIGRIP TETRA DISPONIBILI

PRINCIPIO ATTIVO
virus dell'influenza

FORMA FARMACEUTICA
sospensione

GRUPPO TERAPEUTICO
Vaccini virali

CLASSE
H

RICETTA
medicinale soggetto a prescrizione medica limitativa, utilizzabile esclusivamente in ambiente ospedaliero o in struttura ad esso assimilabile - vietata la vendita al pubblico

SCADENZA
12 mesi

PREZZO
182,26 €


INDICAZIONI TERAPEUTICHE



A cosa serve Vaxigrip Tetra 0,5 ml sospensione iniettabile 10 siringhe preriempite con ago

Vaxigrip Tetra è indicato per l'immunizzazione attiva di adulti e bambini a partire dai 6 mesi di età per la prevenzione della malattia influenzale causata da due sottotipi di virus influenzali di tipo A e due tipi di virus influenzali di tipo B contenuti nel vaccino.

Vaxigrip Tetra deve essere impiegato in accordo alle raccomandazioni ufficiali.


CONTROINDICAZIONI



Quando non dev'essere usato Vaxigrip Tetra 0,5 ml sospensione iniettabile 10 siringhe preriempite con ago

Ipersensibilità ai principi attivi, ad uno qualunque degli eccipienti elencati al paragrafo (qui non riportato) 6.1 o a qualunque componente che può essere presente in tracce come uova (ovalbumina, proteine del pollo), neomicina, formaldeide e 9-ottoxinolo.

La vaccinazione deve essere rimandata in caso di malattia febbrile moderata o grave o di malattia acuta.


AVVERTENZE E PRECAUZIONI D'USO



Cosa serve sapere prima di prendere Vaxigrip Tetra 0,5 ml sospensione iniettabile 10 siringhe preriempite con ago

Come per tutti i vaccini iniettabili, un appropriato trattamento e controllo medico devono essere sempre prontamente disponibili nel caso di una reazione anafilattica a seguito della somministrazione del vaccino.

Vaxigrip Tetra non deve in nessuna circostanza essere somministrato per via intravascolare.

Come per gli altri vaccini somministrati per via intramuscolare, il vaccino deve essere somministrato con cautela nei soggetti affetti da trombocitopenia o da un disturbo della coagulazione poichè in questi soggetti può manifestarsi sanguinamento a seguito della somministrazione intramuscolare.

Può manifestarsi sincope (svenimento) in seguito, o anche prima, di qualsiasi vaccinazione come risposta psicogena all'iniezione mediante ago. Devono essere impiegate procedure per evitare lesioni da svenimento e per gestire le reazioni sincopali.

Vaxigrip Tetra ha lo scopo di fornire protezione contro i ceppi di virus influenzale dai quali è ottenuto il vaccino.

Come per qualsiasi altro vaccino, la vaccinazione con Vaxigrip Tetra può non proteggere tutti i soggetti vaccinati.

La risposta anticorpale può risultare insufficiente in pazienti con immunodepressione endogena o iatrogena.

Interferenza con test sierologici, Vedere paragrafo (qui non riportato) 4.5.



INTERAZIONI



Quali farmaci o principi attivi possono interagire con l'effetto di Vaxigrip Tetra 0,5 ml sospensione iniettabile 10 siringhe preriempite con ago

Non sono stati effettuati studi di interazione con Vaxigrip Tetra.

Sulla base dell'esperienza clinica con Vaxigrip, Vaxigrip Tetra può essere somministrato contemporaneamente ad altri vaccini. Siti di iniezione separati e siringhe diverse devono essere utilizzati in caso di somministrazione concomitante.

La risposta immunologica può essere ridotta se il paziente è in trattamento con farmaci immunosoppressori.

In seguito alla vaccinazione influenzale, sono stati osservati risultati falsi positivi nei test sierologici per identificare anticorpi verso HIV1, l'Epatite C e, soprattutto, verso HTLV1, quando condotti con il metodo ELISA. La tecnica del Western Blot consente di confutare i risultati falsi positivi del test ELISA. Queste reazioni false positive transitorie possono essere dovute alla risposta IgM al vaccino.


POSOLOGIA E MODO DI SOMMINISTRAZIONE



Come si usa Vaxigrip Tetra 0,5 ml sospensione iniettabile 10 siringhe preriempite con ago

Posologia

Sulla base dell'esperienza clinica con il vaccino influenzale trivalente, data la durata dell'immunità fornita dal vaccino e poichè i ceppi di virus influenzali circolanti possono cambiare di anno in anno, è raccomandata la rivaccinazione annuale con il vaccino influenzale.

Adulti: una dose da 0,5 ml.

Popolazione pediatrica

  • Bambini dai 6 mesi ai 17 anni di età: una dose da 0,5 ml.
    Ai bambini di età inferiore ai 9 anni che non sono stati precedentemente vaccinati, deve essere somministrata una seconda dose da 0,5 ml dopo un intervallo di almeno 4 settimane.
  • Bambini con meno di 6 mesi di età: la sicurezza e l'efficacia di Vaxigrip Tetra non sono state stabilite. Non vi sono dati disponibili.
Modo di somministrazione

Il vaccino deve essere somministrato mediante iniezione intramuscolare o sottocutanea.

I siti preferiti per l'iniezione intramuscolare sono l'area anterolaterale della coscia (o del muscolo deltoide se la massa muscolare è adeguata) nei bambini di età compresa tra i 6 e i 35 mesi di età, o nel muscolo deltoide nei bambini dai 36 mesi di età e negli adulti.

Precauzioni che devono essere prese prima della manipolazione o della somministrazione del medicinale

Per le istruzioni sulla preparazione del medicinale prima della somministrazione, vedere paragrafo (qui non riportato) 6.6.


SOVRADOSAGGIO



Cosa fare se avete preso una dose eccessiva di Vaxigrip Tetra 0,5 ml sospensione iniettabile 10 siringhe preriempite con ago

Non documentato per Vaxigrip Tetra. Sono stati riportati casi di somministrazione superiore alla dose raccomandata (sovradosaggio) con Vaxigrip. Quando sono state segnalate le reazioni avverse, l'informazione è stata coerente con il profilo di sicurezza noto di Vaxigrip.


CONSERVAZIONE



Conservare in frigorifero (2°C - 8°C). Non congelare. Tenere la siringa nell'imballaggio esterno per proteggere il medicinale dalla luce.


PATOLOGIE ASSOCIATE







Potrebbe interessarti
L'esperto risponde