Glucosio + Potassio Cloruro II Salf

25 gennaio 2021

Glucosio + Potassio Cloruro II Salf


Condividi su FacebookCondividi su LinkedInCondividi su Twitter

Nota: Per informazioni su farmaci e confezioni ritirate dal commercio accedi al portale AIFA (Agenzia Italiana del Farmaco).


Cos'è Glucosio + Potassio Cloruro II Salf (potassio cloruro + glucosio monoidrato)


Glucosio + Potassio Cloruro II Salf è un farmaco a base di potassio cloruro + glucosio monoidrato, appartenente al gruppo terapeutico Soluzioni endovena elettrolitiche.

A cosa serve Glucosio + Potassio Cloruro II Salf e perchè si usa


Nelle patologie che richiedono un ripristino delle condizioni di idratazione in associazione ad un apporto calorico ed ad una correzione della kaliemia. Ripristino delle concentrazioni ematiche di glucosio in caso di ipoglicemia.

Indicazioni: come usare Glucosio + Potassio Cloruro II Salf, posologia, dosi e modo d'uso


Per via endovenosa. La dose è dipendente dall'età, peso e condizioni cliniche del paziente. L'infusione del glucosio non deve comunque superare la velocità di 0.4 – 0.8 g/ora glucosio per Kg di peso corporeo.

Controindicazioni: quando non dev'essere usato Glucosio + Potassio Cloruro II Salf


Controindicato in condizioni in cui è presente iperkaliemia o in cui esiste ritenzione di potassio. Non somministrare in concomitanza con trasfusioni di sangue usando la stessa via venosa, a causa del rischio di pseudoagglutinazione.

Glucosio + Potassio Cloruro II Salf può essere usato durante la gravidanza e l'allattamento?


Somministrare solo in caso di effettiva necessità. Si rimanda il medico utilizzatore alla letteratura scientifica

Quali sono gli effetti indesiderati di Glucosio + Potassio Cloruro II Salf


Disturbi gastrointestinali, disturbi neuromuscolari,parestesie, paralisi flaccide; a carico dell'apparato cardiovascolare: ipotensione, aritmie, disturbi della conduzione. Sovraccarico idrico, stato congestizio e riduzione di concentrazione di elettroliti. Risposte febbrili, infezioni nella sede di iniezione, trombosi venose o flebiti. In caso di reazione avversa, interrompere la somministrazione e conservare la parte non somministrata per eventuali esami.

Patologie correlate:


Nota: Nel contenuto della scheda possono essere presenti dei riferimenti a paragrafi non riportati.

Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico

Tags:

Farmaci:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube
Farmacista33Doctor33Odontoiatria33Codifa