Jodieci

25 ottobre 2020

Jodieci



Jodieci: a cosa serve , come si usa, controindicazioni. Confezioni e formulazioni di Jodieci disponibili in commercio.


Jodieci è un farmaco a base di povidone-iodio + etanolo (96%), appartenente al gruppo terapeutico Antisettici. E' commercializzato in Italia da ESOFORM Manufacturing S.r.l.


Confezioni e formulazioni di Jodieci (povidone-iodio + etanolo (96%)) disponibili e foglietto illustrativo


Seleziona una delle seguenti confezioni di Jodieci (povidone-iodio + etanolo (96%)) per accedere alla scheda relativa, visualizzare il prezzo e scaricare il foglietto illustrativo (bugiardino):


A cosa serve Jodieci (povidone-iodio + etanolo (96%)) e perchè si usa


Disinfezione e pulizia della cute lesa. È indicato per l'antisepsi generale della cute, nelle infezioni cutanee, abrasioni, ferite superficiali, suture chirurgiche e per la disinfezione di aree cutanee per prelievi di sangue, prima di biopsie, iniezioni, cateterismi.




Come usare Jodieci (povidone-iodio + etanolo (96%)): posologia, dosi e modo d'uso


Passare un tampone imbevuto di prodotto sulla parte da disinfettare sino a completa irrorazione.

Ripetere, se necessario, l'operazione 2-3 volte al giorno.




Controindicazioni: quando non dev'essere usato Jodieci (povidone-iodio + etanolo (96%))


Ipersensibilità verso i componenti del prodotto o verso alcune sostanze correlate dal punto di vista chimico. Controindicato l'uso regolare in pazienti con disordini tiroidei. Non usare nei bambini al di sotto dei 6 mesi.




Jodieci (povidone-iodio + etanolo (96%)) può essere usato durante la gravidanza e l'allattamento?


Poichè lo Iodio può essere assorbito, specialmente quando si trattano lesioni estese, durante la gravidanza e l'allattamento il prodotto va usato solo in caso di effettiva necessità e sotto controllo medico; infatti, lo Iodio assorbito può attraversare la placenta ed essere escreto con il latte.




Quali sono gli effetti collaterali di Jodieci (povidone-iodio + etanolo (96%))


Lo JODIECI, per gli usi a cui è destinato, non inibisce significativamente la funzione tiroidea. Un assorbimento dello Iodio connesso con l'uso su ustioni o abrasioni estese del Polivinilpirrolidone-Iodio può causare effetti avversi sistemici (es. acidosi metabolica, neutropenia), compresi quelli ben noti sulla funzione tiroidea, vale a dire un ipotiroidismo passeggero, oppure, nei casi di ipertiroidismo latente, il pericolo di destabilizzazione e crisi tireotossica.

In soggetti particolarmente sensibili nello Jodio, sono possibili reazioni allergiche, come iododerma tuberoso, dermatite, ecc., ma l'incidenza finora registrata è molto bassa. Anche le manifestazioni di iodismo sono risultate trascurabili. Lo JODIECI provoca irritazione delle mucose per la presenza della componente alcolica. È possibile il verificarsi, in qualche caso, di intolleranza (bruciore o irritazione); in tal caso interrompere il trattamento. La reazione dello Iodio con i tessuti lesi può ritardarne la cicatrizzazione. 



Nota: Nel contenuto della scheda possono essere presenti dei riferimenti a paragrafi non riportati.

Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico




Farmaci:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube
Farmacista33Doctor33Odontoiatria33Codifa