Losipaco

20 gennaio 2021

Losipaco


Condividi su FacebookCondividi su LinkedInCondividi su Twitter


Cos'è Losipaco (loperamide + simeticone)


Losipaco è un farmaco a base di loperamide + simeticone, appartenente al gruppo terapeutico Antidiarroici. E' commercializzato in Italia da Recordati Industria Chimica e Farmaceutica S.p.A.

Confezioni e formulazioni di Losipaco disponibili in commercio


Selezionare una delle seguenti confezioni di Losipaco disponibili in commercio per accedere alla scheda completa, visualizzare il prezzo e scaricare il foglietto illustrativo (bugiardino):

A cosa serve Losipaco e perchè si usa


Le compresse di Losipaco sono indicate per il trattamento sintomatico della diarrea acuta negli adulti e negli adolescenti di età pari e superiore ai 12 anni quando la diarrea acuta è associata a disturbo addominale correlato a meteorismo, inclusi gonfiore, crampi o flatulenza.

Indicazioni: come usare Losipaco, posologia, dosi e modo d'uso


Le compresse devono essere assunte con del liquido.

Adulti al di sopra di 18 anni:

Due compresse da prendere inizialmente, seguite da una compressa dopo ogni scarica diarroica. Non si devono prendere più di 4 compresse in un giorno, limitatamente a non più di 2 giorni.

Adolescenti tra 12 e 18 anni:

Una compressa da prendere inizialmente, seguita da una compressa dopo ogni scarica diarroica. Non si devono prendere più di 4 compresse in un giorno, limitatamente a non più di 2 giorni.

Uso nei bambini:

Losipaco non deve essere usato nei bambini al di sotto dei 12 anni.

Uso negli anziani:

Per gli anziani non è necessario alcun aggiustamento del dosaggio.

Uso nella compromissione renale:

In caso di compromissione renale non è necessario alcun aggiustamento del dosaggio.

Uso nella compromissione epatica:

Benché non siano disponibili dati di farmacocinetica nei pazienti con insufficienza epatica, Losipaco deve essere usato con cautela in questi pazienti a causa di un ridotto metabolismo di primo passaggio (vedere paragrafo 4.4).

Controindicazioni: quando non dev'essere usato Losipaco


Losipaco non deve essere usato in:
  • Bambini di età inferiore ai 12 anni.
  • Pazienti con ipersensibilità nota ai principi attivi o ad uno qualsiasi degli eccipienti.
  • Pazienti con dissenteria acuta, che è caratterizzata da sangue nelle feci e febbre alta.
  • Pazienti con colite ulcerativa acuta.
  • Pazienti con colite pseudomembranosa associata all'uso di antibiotici a largo spettro.
  • Pazienti con enterocolite batterica causata da organismi invasivi inclusi Salmonella, Shigella e Campylobacter.
Losipaco non deve essere usato quando è necessario evitare l'inibizione della peristalsi a causa di un possibile rischio di sequele significative incluso ileo, megacolon e megacolon tossico. La terapia deve essere immediatamente interrotta quando sono presenti costipazione, ileo o quando si sviluppa distensione addominale.

Losipaco può essere usato durante la gravidanza e l'allattamento?


Gravidanza

Sono disponibili dati limitati sull'uso di loperamide nelle donne in gravidanza. In uno di due studi epidemiologici l'uso di loperamide durante la prima fase della gravidanza ha suggerito un possibile aumento moderato del rischio di ipospadia, tuttavia non è stato possibile identificare un aumento del rischio di malformazioni maggiori. Gli studi animali non indicano effetti dannosi diretti o indiretti relativamento alla tossicità riproduttiva (vedere paragrafo 5.3).

Se possibile, l'uso di Losipaco deve essere evitato durante il primo trimestre di gravidanza, tuttavia può essere usato durante il secondo e terzo trimestre di gravidanza quando le misure dietetiche sono insufficienti ed è indicata un'inibizione indotta da farmaco della motilità intestinale.

Allattamento

Solo piccole quantità di loperamide cloridrato possono comparire nel latte materno. Pertanto, Losipaco può essere usato durante l'allattamento quando le misure dietetiche sono insufficienti ed è indicata un'inibizione indotta da farmaco della motilità intestinale.

Fertilità

Solo dosi elevate di loperamide cloridrato hanno influenzato la fertilità femminile in studi non clinici (vedere paragrafo 5.3).


Nota: Nel contenuto della scheda possono essere presenti dei riferimenti a paragrafi non riportati.

Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico

Tags:

Farmaci:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube
Farmacista33Doctor33Odontoiatria33Codifa