Metamizolo ratiopharm

18 gennaio 2020

Metamizolo ratiopharm




Metamizolo ratiopharm è un farmaco a base di metamizolo sodico, appartenente al gruppo terapeutico Analgesici FANS. E' commercializzato in Italia da Teva Italia S.r.l. - Sede legale.


Confezioni e formulazioni di Metamizolo ratiopharm (metamizolo sodico) disponibili


Seleziona una delle seguenti confezioni di Metamizolo ratiopharm (metamizolo sodico) per accedere alla scheda relativa, visualizzare il prezzo e scaricare il foglietto illustrativo (bugiardino):


A cosa serve Metamizolo ratiopharm (metamizolo sodico) e perchè si usa


  • dolore acuto intenso a seguito di trauma o intervento chirurgico
  • coliche dolorose
  • dolore associato a tumore
  • altri dolori acuti o cronici intensi, qualora siano controindicate altre misure terapeutiche
  • stato febbrile intenso refrattario ad altri trattamenti.



Controindicazioni: quando non dev'essere usato Metamizolo ratiopharm (metamizolo sodico)


Metamizolo ratiopharm non deve essere somministrato nei seguenti casi:

  • ipersensibilità al principio attivo, ai pirazoloni e alle pirazolidine (per es. medicinali contenenti metamizolo sodico, propifenazone, fenazone o fenilbutazone) o ad uno qualsiasi degli eccipienti. 
  • compromissione della funzionalità del midollo osseo (per es. dopo terapia citostatica) o patologie del sistema emopoietico
  • - carenza congenita di glucosio-6-fosfato-deidrogenasi 
  • porfiria epatica acuta 
  • terzo trimestre di gravidanza
  • pazienti con peso corporeo inferiore a 5 kg.
  • lattanti al di sotto dei 3 mesi di età o con peso corporeo inferiore a 5 kg, poichè non sono disponibili dati scientifici sulla sicurezza d'uso del farmaco. 



Metamizolo ratiopharm (metamizolo sodico) può essere usato durante la gravidanza e l'allattamento?


Non vi sono dati sufficienti sull'uso di Metamizolo ratiopharm in gravidanza. Il metamizolo sodico attraversa la barriera placentare. Il metamizolo sodico non ha mostrato effetti teratogeni in studi sugli animali (vedere paragrafo 5.3). A causa della mancanza di esperienza sull'uso umano in gravidanza, Metamizolo ratiopharm non deve essere assunto/somministrato durante il 1° ed il 2° trimestre di gravidanza, salvo i casi di assoluta necessità. 

Nonostante il metamizolo sodico sia solo un debole inibitore della sintesi delle prostaglandine, non si può escludere la possibilità di una prematura chiusura del dotto arterioso e complicazioni perinatali dovute alla riduzione dell'aggregazione piastrinica sia materna che neonatale. Pertanto l'uso di Metamizolo ratiopharm è controindicato nell'ultimo trimestre di gravidanza. 

I metaboliti del metamizolo sodico sono escreti nel latte materno, e l'allattamento deve pertanto essere evitato durante e per 48 ore dopo l'assunzione/somministrazione di Metamizolo ratiopharm.



Metamizolo ratiopharm (metamizolo sodico) è utilizzato per la cura delle seguenti patologie:



Nota: Nel contenuto della scheda possono essere presenti dei riferimenti a paragrafi non riportati.

Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico




Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube