Mitituss

25 gennaio 2021

Mitituss


Condividi su FacebookCondividi su LinkedInCondividi su Twitter


Cos'è Mitituss (cloperastina fendizoato)


Mitituss è un farmaco a base di cloperastina fendizoato, appartenente al gruppo terapeutico Antitussivi. E' commercializzato in Italia da Magis Farmaceutici S.r.l.

Confezioni e formulazioni di Mitituss disponibili in commercio


Selezionare una delle seguenti confezioni di Mitituss disponibili in commercio per accedere alla scheda completa, visualizzare il prezzo e scaricare il foglietto illustrativo (bugiardino):

A cosa serve Mitituss e perchè si usa


Sedativo della tosse.

Indicazioni: come usare Mitituss, posologia, dosi e modo d'uso


Adulti: 5 ml tre volte al giorno.

Bambini: tra 2 e 4 anni: 2 ml due volte al giorno;

tra 4 e 7 anni: 3 ml due volte al giorno;

tra 7 e 15 anni: 5 ml due volte al giorno.

Alla confezione è annesso un misurino tarato da 2-3-5 ml.

Durata del trattamento: 7 giorni.

Se non si notano risultati apprezzabili si consiglia di consultare il medico.

Controindicazioni: quando non dev'essere usato Mitituss


Ipersensibilità al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti.

Generalmente controindicato in gravidanza e durante l'allattamento (vedere 4.6).

Per l'assenza di studi nella primissima infanzia, il medicinale è controindicato nei bambini al di sotto dei 2 anni.

Mitituss può essere usato durante la gravidanza e l'allattamento?


Gravidanza

Sebbene gli studi di tossicità effettuati durante la gravidanza negli animali non abbiano evidenziato attività teratogena e tossicità fetale, il rischio di effetti dannosi a carico del feto a seguito di assunzione di cloperastina non può essere escluso. Pertanto è buona norma prudenziale non assumere MITITUSS nei primi tre mesi di gravidanza e, nel successivo periodo di gravidanza, assumerlo solo in caso di effettiva necessità e sotto il diretto controllo del medico.

Allattamento

Non è noto se il medicinale e/o i suoi metaboliti siano escreti nel latte materno; poichè non può essere escluso il rischio per il lattante, è preferibile evitare l'uso di cloperastina durante l'allattamento.

Patologie correlate:


Nota: Nel contenuto della scheda possono essere presenti dei riferimenti a paragrafi non riportati.

Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico

Tags:

Farmaci:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube
Farmacista33Doctor33Odontoiatria33Codifa