Mnesis

17 gennaio 2021

Mnesis


Condividi su FacebookCondividi su LinkedInCondividi su Twitter


Cos'è Mnesis (idebenone)


Mnesis è un farmaco a base di idebenone, appartenente al gruppo terapeutico Psicostimolanti. E' commercializzato in Italia da Takeda Italia S.p.A.

Confezioni e formulazioni di Mnesis disponibili in commercio


Selezionare una delle seguenti confezioni di Mnesis disponibili in commercio per accedere alla scheda completa, visualizzare il prezzo e scaricare il foglietto illustrativo (bugiardino):

A cosa serve Mnesis e perchè si usa


Nel trattamento dei deficit cognitivo-comportamentali conseguenti a patologie cerebrali sia di origine vascolare che degenerativa.

Indicazioni: come usare Mnesis, posologia, dosi e modo d'uso


La posologia consigliata è di 90 mg/die (1 compressa rivestita da 45 mg due volte al giorno).

È consigliata l'assunzione del farmaco subito dopo i pasti.

Controindicazioni: quando non dev'essere usato Mnesis


Ipersensibilità al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti.

Mnesis può essere usato durante la gravidanza e l'allattamento?


Gravidanza

La sicurezza del farmaco in donne in gravidanza non è stata stabilita; pertanto il farmaco deve essere somministrato alle donne in gravidanza o alle donne in età fertile a rischio di gravidanza solo se si pensa che il beneficio dell'effetto terapeutico sia superiore a qualsiasi possibile rischio.

Allattamento

Gli studi sui ratti hanno dimostrato il passaggio di idebenone nel latte materno, sebbene non sia noto se idebenone passi nel latte materno umano, pertanto non ne è raccomandato l'uso durante l'allattamento. È necessario valutare se interrompere l'allattamento o il trattamento con il medicinale, tenendo in considerazione l'importanza del farmaco per la madre.

Quali sono gli effetti indesiderati di Mnesis


Con l'impiego del prodotto sono stati segnalati i seguenti effetti indesiderati:

Patologie della cute e del tessuto sottocutaneo: rash cutaneo, prurito.

Patologie del sistema nervoso: convulsioni, delirio, allucinazione, eccitazione, movimenti involontari, ipercinesia, poriomania, vertigini, cefalea, irrequietezza, sensazione di testa vuota, insonnia, sonnolenza, torpore.

Patologie gastrointestinali: nausea, vomito, anoressia, mal di stomaco, diarrea.

Patologie del sistema emolinfopoietico: agranulocitosi, anemia, leucocitopenia, trombocitopenia.

Patologie epatobiliari: aumento di ASAT (SGOT), ALAT (SGPT), fosfatasi alcalina, LDH e gamma-GTP o bilirubina.

Patologie renali e urinarie: aumento dell'azotemia.

Disturbi del metabolismo e della nutrizione: aumento del colesterolo totale o dei trigliceridi.

Patologie sistemiche e condizioni relative alla sede di somministrazione: malessere.

Segnalazione delle reazioni avverse sospette

La segnalazione delle reazioni avverse sospette che si verificano dopo l'autorizzazione del medicinale è importante, in quanto permette un monitoraggio continuo del rapporto beneficio/rischio del medicinale. Agli operatori sanitari è richiesto di segnalare qualsiasi reazione avversa sospetta tramite il sistema nazionale di segnalazione all'indirizzo http://www.agenziafarmaco.gov.it/content/come-segnalare-una-sospetta-reazione-avversa.


Nota: Nel contenuto della scheda possono essere presenti dei riferimenti a paragrafi non riportati.

Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico

Tags:

Farmaci:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube
Farmacista33Doctor33Odontoiatria33Codifa