Nitossil

22 gennaio 2020

Nitossil






A cosa serve Nitossil (cloperastina fendizoato) e perchè si usa


Sedativo della tosse.



Come usare Nitossil (cloperastina fendizoato): posologia, dosi e modo d'uso


Adulti

Sciroppo: 5 ml tre volte al giorno.

Gocce: 20 gocce tre volte al giorno.

Bambini

Sciroppo: tra 2 e 4 anni: 2 ml due volte al giorno.

tra 4 e 7 anni: 3 ml due volte al giorno.

tra 7 e 15 anni: 5 ml due volte al giorno.

Alla confezione di sciroppo è annesso un misurino tarato da 2-3-5 ml.

Sciroppo e gocce: agitare con cura prima dell'uso.



Controindicazioni: quando non dev'essere usato Nitossil (cloperastina fendizoato)


Ipersensibilità verso i componenti del prodotto.

Bambini di età inferiore ai 2 anni.



Nitossil (cloperastina fendizoato) può essere usato durante la gravidanza e l'allattamento?


Sebbene gli studi di tossicità effettuati durante la gravidanza negli animali non abbiano evidenziato attività teratogena e tossicità fetale, è buona norma prudenziale non assumere il farmaco durante l'allattamento, nei primi tre mesi di gravidanza e nell'ulteriore periodo solo in caso di effettiva necessità, sotto il diretto controllo del medico.



Quali sono gli effetti collaterali di Nitossil (cloperastina fendizoato)


Alle dosi più elevate sono state segnalate xerostomia e lieve sonnolenza che tuttavia scompaiono rapidamente riducendo la dose.



Nitossil (cloperastina fendizoato) è utilizzato per la cura delle seguenti patologie:



Nota: Per informazioni su farmaci e confezioni ritirate dal commercio accedi al portale AIFA (Agenzia Italiana del Farmaco).

Nota: Nel contenuto della scheda possono essere presenti dei riferimenti a paragrafi non riportati.

Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico




Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube