Oliclinomel

25 gennaio 2021

Oliclinomel


Condividi su FacebookCondividi su LinkedInCondividi su Twitter

Nota: Per informazioni su farmaci e confezioni ritirate dal commercio accedi al portale AIFA (Agenzia Italiana del Farmaco).


Cos'è Oliclinomel (poliaminoacidi + glucosio monoidrato + olio di oliva + olio di soia per uso parenterale + elettroliti)


Oliclinomel è un farmaco a base di poliaminoacidi + glucosio monoidrato + olio di oliva + olio di soia per uso parenterale + elettroliti, appartenente al gruppo terapeutico Soluzioni nutrizionali parenterali.

A cosa serve Oliclinomel e perchè si usa


Nutrizione parenterale per adulti e bambini sopra i due anni di età quando l'alimentazione orale o enterale è impossibile, insufficiente o controindicata.

Indicazioni: come usare Oliclinomel, posologia, dosi e modo d'uso


Posologia:

Il dosaggio viene scelto in funzione del dispendio energetico e dello stato clinico, del peso corporeo e della capacità del paziente di metabolizzare i costituenti di OLICLINOMEL nonché da ulteriore energia o proteine somministrate per via orale/enterale; quindi occorre scegliere di conseguenza la misura della sacca. La somministrazione può essere continuata per il tempo richiesto dalle condizioni cliniche del paziente.

La somministrazione può essere continuata per il tempo richiesto dalle condizioni cliniche del paziente.

Negli adulti

Fabbisogno

I fabbisogni medi di azoto variano da 0,16 a 0,35 g/kg/die (circa 1-2 g aminoacidi/kg/die).

Il fabbisogno energetico dipende dallo stato nutrizionale del paziente e dal livello di catabolismo. I valori sono compresi in media tra 25 e 40 kcal/kg/die.

Dose massima giornaliera

La dose massima giornaliera è di 36 ml/kg peso corporeo (equivalente a 1,44 g aminoacidi, 5,76 g glucosio, 1,44 g lipidi, 1,15 mmol sodio e 0,86 mmol potassio per kg), per esempio 2,520 ml dell'emulsione per infusione per un paziente del peso di 70 kg.

Nei bambini al di sopra dei due anni

Non sono stati condotti studi sulla popolazione pediatrica

Fabbisogno

I fabbisogni medi di azoto variano da 0,35 a 0,45 g/kg/die (circa 2-3 g aminoacidi/kg/die).

Il fabbisogno energetico dipende dall'età, dallo stato nutrizionale del paziente e dal livello di catabolismo. I valori sono compresi in media tra 60 e 110 kcal/kg/die.

Posologia

Il dosaggio deve essere in funzione dell'apporto di liquidi e dei fabbisogni giornalieri di azoto.

Tali apporti devono essere regolati prendendo in considerazione lo stato di idratazione del bambino.

Dose massima giornaliera

La dose massima giornaliera è di 75 ml/kg di peso corporeo (equivalente a 3 g aminoacidi, 12 g glucosio, 3 g lipidi, 2,4 mmol sodio e 1,8 mmol potassio per kg di peso corporeo).

Come regola generale non somministrare più di 3 g/kg/die aminoacidi e/o 17 g/kg/die glucosio e/o 3 g/kg/die lipidi, fatta eccezione per i casi particolari.

Modo e durata della somministrazione:

Per uso singolo

Si raccomanda di usare il contenuto immediatamente dopo l'apertura della sacca e di non conservarlo per un'infusione successiva.

Aspetto dopo ricostituzione: liquido omogeneo dall'aspetto lattiginoso

Per le istruzioni sulla preparazione e il trattamento dell'emulsione per infusione, vedere il paragrafo

6.6 INFUSIONE ATTRAVERSO UNA LINEA VENOSA CENTRALE (a causa della bassa osmolarità di OLICLINOMEL) La durata consigliata per l'infusione in nutrizione parenterale è compresa tra 12 e 24 ore.

La velocità del flusso di infusione deve essere regolata in modo da considerare la dose somministrata, le caratteristiche della miscela finale somministrata, il volume giornaliero infuso e la durata dell'infusione (vedere la sezione 4.4).

Normalmente, la velocità di infusione deve essere aumentata gradualmente durante la prima ora.

Velocità massima di infusione

Come regola generale non somministrare più di 1,5 ml/kg/ora dell'emulsione per infusione, cioè 0,06 g aminoacidi, 0,24 g glucosio e 0,06 g lipidi per kg di peso corporeo per ora.

Controindicazioni: quando non dev'essere usato Oliclinomel


L'impiego di OLICLINOMEL è controindicato nei seguenti casi:
  • Nei neonati prematuri, nei neonati e nei bambini al di sotto dei 2 anni, in quanto il rapporto calorie-azoto e l'apporto energetico sono inappropriati.
  • Ipersensibilità verso le proteine dell'uovo, della soia o delle arachidi, o verso altri principi attivi o eccipienti.
  • Anomalie congenite del metabolismo degli aminoacidi
  • Iperlipidemia grave o gravi disturbi del metabolismo dei lipidi caratterizzati da ipertrigliceridemia
  • Iperglicemia, grave.
  • concentrazione plasmatica patologicamente elevata di sodio, potassio, magnesio, calcio e/o fosforo.

Oliclinomel può essere usato durante la gravidanza e l'allattamento?


Non sono disponibili sufficienti dati clinici per valutare la tollerabilità degli ingredienti che compongono OliClinomel nelle donne in gravidanza o durante l'allattamento.

In assenza di dati, il medico deve valutare il rapporto rischio/beneficio prima di prescrivere la somministrazione di questa emulsione a pazienti durante la gravidanza o l'allattamento.

Patologie correlate:


Nota: Nel contenuto della scheda possono essere presenti dei riferimenti a paragrafi non riportati.

Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico

Tags:

Farmaci:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube
Farmacista33Doctor33Odontoiatria33Codifa