Profer

06 aprile 2020

Profer




Profer è un farmaco a base di ferrispartilato, appartenente al gruppo terapeutico Antianemici.



A cosa serve Profer (ferrispartilato) e perchè si usa


Stati di carenza di ferro assoluta e relativa: anemie sideropeniche, latenti o conclamate, dell'infanzia e dell'età adulta, dovute a deficiente apporto o assorbimento di ferro, o ad aumentato fabbisogno, secondarie ad emorragie acute e croniche oppure a malattie infettive, gravidanza e allattamento.



Come usare Profer (ferrispartilato): posologia, dosi e modo d'uso


Adulti:

1-2 flaconcini al giorno (pari a 40-80 mg di Fe3+), secondo giudizio medico, suddivisi in 2 somministrazioni, preferibilmente prima dei pasti.

Bambini:

Prelevare dal flaconcino 1,5 ml/Kg/die (pari a 4 mg/Kg di Fe3+) al giorno, secondo giudizio medico, suddivisi in 2 somministrazioni, preferibilmente prima dei pasti.

Si raccomanda di non superare il dosaggio giornaliero di 2 flaconcini (80 mg).



Controindicazioni: quando non dev'essere usato Profer (ferrispartilato)


Ipersensibilità al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti.

Emosiderosi, emocromatosi. Anemie aplastiche, emolitiche, sideroacrestiche. Pancreatite cronica. Cirrosi epatica. Anemia saturnina, talassemia, Porfiria

Il ferro è controindicato in pazienti che ricevono ripetutamente trasfusioni di sangue.



Profer (ferrispartilato) può essere usato durante la gravidanza e l'allattamento?


L'impiego di PROFER è indicato negli stati ferro-carenziali che possono verificarsi in gravidanza ed allattamento (si vedano le indicazioni al punto 4.1) nelle indicazioni previste e alle dosi raccomandate dal medico.



Quali sono gli effetti collaterali di Profer (ferrispartilato)


Con dosi troppo elevate si possono occasionalmente manifestare disturbi gastrointestinali transitori. diarrea, stipsi, nausea, vomito, dolori o disturbi addominali,

Durante la somministrazione di preparazioni contenenti ferro, può verificarsi una innocua colorazione nera delle feci o colore scuro nelle urine o colorazione temporanea dei denti.

Si possono avere casi isolati di reazioni allergiche che vanno dal rash cutaneo a reazioni anafilattiche.

Segnalazione delle reazioni avverse sospette

La segnalazione delle reazioni avverse sospette che si verificano dopo l'autorizzazione del medicinale è importante, in quanto permette un monitoraggio continuo del rapporto beneficio/rischio del medicinale. Agli operatori sanitari è richiesto di segnalare qualsiasi reazione avversa sospetta tramite il sistema nazionale di segnalazione all'indirizzo http://www.agenziafarmaco.gov.it/it/responsabili.



Vedi patologie correlate:



Nota: Per informazioni su farmaci e confezioni ritirate dal commercio accedi al portale AIFA (Agenzia Italiana del Farmaco).

Nota: Nel contenuto della scheda possono essere presenti dei riferimenti a paragrafi non riportati.

Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico


Farmaci:


Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube