Ecuvix 10 flaconcini da 10 ml

18 gennaio 2021
Parafarmaci - Scheda Ecuvix

Ecuvix 10 flaconcini da 10 ml


Condividi su FacebookCondividi su LinkedInCondividi su Twitter

TITOLARE:

Ecupharma S.r.l.

MARCHIO

Ecuvix

CONFEZIONE

10 flaconcini da 10 ml

SCADENZA
24 mesi

PREZZO
20,00 €

CONFEZIONI DI ECUVIX DISPONIBILI IN COMMERCIO
  • ecuvix 10 flaconcini da 10 ml (scheda corrente)

INDICAZIONI

A cosa serve Ecuvix 10 flaconcini da 10 ml

Ecuvix è un integratore alimentare a base di Rhodiola, con estratto di Acerola, titolata in Vitamina C, Pappa reale, bacche di Goji e Vitamine B1, B2, B6. L'estratto di Rhodiola ha azione tonico-energizzante contribuendo a ridurre la stanchezza fisica e mentale. Grazie alla presenza delle vitamine B2, B6 e C, il prodotto aiuta a ridurre la stanchezza e l'affaticamento, contribuendo al normale metabolismo energetico.
La vitamina C, in sinergia con la vitamina B2 e all'estratto di Acerola, svolge un'azione antiossidante contribuendo a proteggere le cellule. L'estratto di Acerola ha inoltre azione di sostegno e ricostituente.


MODO D'USO

Come si usa Ecuvix 10 flaconcini da 10 ml

Bambini da 3 a 10 anni: si consiglia di assumere 1 flaconcino al giorno, puro o diluito in poca acqua, preferibilmente al mattino. Ragazzi e adulti: 1-2 flaconcini al giorno.
Agitare bene prima dell'uso. Avvitare il tappo tranciatore del flacone in senso orario fino al punto di rottura della linguetta di sicurezza, agitare energicamente fino a completa dissoluzione della polvere, quindi svitare il tappo ed assumere subito.


AVVERTENZE

Non superare la dose giornaliera consigliata. Tenere il prodotto al di fuori della portata dei bambini al di sotto dei tre anni di età. Non assumere in gravidanza. Gli integratori alimentari non vanno intesi come sostituti di una dieta varia ed equilibrata e di uno stile di vita sano. Per l'uso del prodotto nella prima infanzia si consiglia di sentire il parere del medico. Modalità di conservazione: Conservare a temperatura ambiente (non superiore ai 25°C); evitare l'esposizione a fonti di calore localizzate, ai raggi solari e il contatto con l'acqua.


Data ultimo aggiornamento: 18/05/2020

Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico

Tags:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube
Farmacista33Doctor33Odontoiatria33Codifa