Amoxifarma polvere solubile busta da 500 g

28 novembre 2020
Prodotti veterinari - Scheda Amoxifarma

Amoxifarma polvere solubile busta da 500 g



TITOLARE:

Chemifarma S.p.A.

MARCHIO

Amoxifarma

CONFEZIONE

polvere solubile busta da 500 g

FORMA FARMACEUTICA
polveri orali

ALTRE CONFEZIONI DI AMOXIFARMA DISPONIBILI

PRINCIPIO ATTIVO
amoxicillina triidrato

GRUPPO TERAPEUTICO
Antibatterici penicillinici

RICETTA
ricetta medica in triplice copia non ripetibile

SCADENZA
24 mesi

PREZZO
-------- €

INDICAZIONI

A cosa serve Amoxifarma polvere solubile busta da 500 g

è indicato nei broilers, tacchini e nei suini, nelle infezioni sostenute da batteri Gram positivi e Gram negativi sensibili all'amoxicillina in particolare sostenute da: Pasteurella multocida, Ornithobacterium Rhinotracheale, Bordetella Avium, Clostridium perfringens, Staphylococcus Aureus, Erysipelothrix rushopatiae, colibacillosi, salmonellosi, stafilococcosi e streptococcosi, mal rosso e sindrome MAM del suino, infezioni dell'apparato respiratorio, infezioni dell'apparato gastroenterico, infezioni urinarie, infezioni genitali, infezioni cutanee, infezioni articolari; terapia della clostridiosi da Clostridium perfringens. In particolare, nei volatili, è indicata in caso di infezioni sostenute da Enterococcus spp.

MODO D'USO

Come si usa Amoxifarma polvere solubile busta da 500 g

per uso in acqua da bere.
Broilers, tacchini e suini: somministrare per via orale, alla dose di 0,1-0,2 g/10 kg p.v./giorno (pari a 8-16 mg di amoxicillina triidrato/kg p.v./giorno), sciolta in acqua da bere per 3-5 giorni consecutivi.
Volatili, in caso di infezioni sostenute da Enterococcus spp., somministrare per via orale alla dose di 0,2-0,4 g/10 kg p.v./giorno (pari a 35 mg di amoxicillina triidrato/kg p.v./giorno), sciolta in acqua da bere per 5 giorni consecutivi. Il prodotto deve essere somministrato nell'acqua da bere o nel mangime liquido, secondo le indicazioni del medico veterinario prescrittore, avendo cura di non superare la posologia in mg /kg p.v. di principio attivo giornaliera autorizzata. Alla fine del periodo di trattamento l'impianto di fornitura dell'acqua deve essere pulito adeguatamente per evitare l'assunzione di quantità sub terapeutiche del principio attivo. Per evitare un sottodosaggio il peso corporeo deve essere determinato nel modo più accurato possibile. Il consumo dell'acqua medicata dipende dalle condizioni cliniche degli animali. Al fine di ottenere il corretto dosaggio la concentrazione dell'amoxicillina deve essere calcolata conformemente ed aggiustata tenendo in considerazione l'assunzione di acqua. La dose calcolata deve essere misurata utilizzando delle bilance calibrate. Si raccomanda di somministrare il prodotto una volta al giorno nell'acqua da bere. In caso di trattamento continuo l'acqua da bere deve essere sostituita con acqua medicata almeno 2 volte al giorno. Una volta consumata l'acqua medicata ripristinare la distribuzione di acqua normale. L'acqua medicata non somministrata deve essere eliminata dopo 12 ore.

AVVERTENZE

l'assunzione del medicinale da parte degli animali può essere alterata a seguito della malattia. Per i soggetti che presentano un'assunzione ridotta di acqua, eseguire il trattamento per via parenterale, utilizzando un ido-neo prodotto iniettabile su consiglio del medico veterinario. L'utilizzo ripetuto o protratto va evitato, migliorando le prassi di gestione mediante pulizia e disinfezione. Non somministrare a galline in ovo deposizione. L'utilizzo del prodotto nel pollame deve essere conforme al Regolamento CE 1177/2006 della Commissione e alle normative nazionali di recepimento.
Precauzioni speciali per l'impiego negli animali: Non miscelare in mangime solido. L'utilizzo del prodotto deve essere basato su test di sensibilità nei confronti dei batteri isolati dagli animali. Se ciò non fosse possibile la terapia deve essere basata su informazioni epidemiologiche locali (regionali, aziendali) inerenti la sensibilità dei batteri bersaglio. L'uso improprio del prodotto può incrementare la prevalenza di batteri resistenti all'amoxicillina e ridurre l'efficacia dei trattamenti con altri antimicrobici a causa della possibile comparsa di cross-resistenza.



Data ultimo aggiornamento scheda: 03/11/2020

Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico




Tags:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube
Farmacista33Doctor33Odontoiatria33Codifa